KIKAYA BATTE CARTER A GLASGOW

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Il ventisettenne quattrocentista del Congo Gary Kikaya, medaglia di bronzo ai Mondiali indoor del 2004, ha battuto ieri a Glasgow l’americano Xavier Carter di un solo centesimo, vincendo con il tempo di 45.25, discreta prestazione considerata la giornata umida e piuttosto fredda.
Nella stessa gara il congolese ha messo dietro di se anche il giamaicano Michael Blackwood, terzo in 45.55.

Ottima gara anche quella della britannica Goldie Sayers nel lancio del giavellotto. Dopo il record nazionale di 65.05m risalente a pochi giorni fa, la Sayers si è ripetuta ieri in una prova eccellente, arrivando a 63.59m al secondo tentativo. La prima delle battute è stata la campionessa europea Steffi Nerius, che non è andata oltre i 62.57m. Poco dietro anche la ceca Barbora Spotakova e la spagnola Mercedes Chilla, entrambe medagliate lo scorso anno a Goteborg.

La gara del triplo maschile è stata tutta una faccenda in casa, poiché i due britannici Phillips Idowu, campione europeo indoor, e Nathan Douglas non sono stati mai insidiati dal resto dei concorrenti. Il salto migliore è stato il 17.14m di Idowu, arrivato al primo tentativo; il primato ha tremato, però, quando Douglas all’ultima prova è salito fino a 17.12m, ma si è dovuto accontentare della posizione d’onore.

Nei 5000m femminili è stata gara vera fin dal primo chilometro, sotto la spinta della keniana Nancy Wambui nelle vesti di lepre. Da metà gara, però, la connazionale Vivian Cheruiyot ha preso in mano la situazione, imponendo un ritmo poco sotto i 3’ al chilometro. Alla fine la Cheruiyot è riuscita a vincere in 14:44.93, davanti all’attesissima etiope Meselech Melkamu, in ritardo di una manciata di secondi.

Il resto delle gare, complice anche il brutto tempo, non ha offerto risultati di rilievo dal punto di vista tecnico. Stefan Holm ha vinto l’alto con 2.27, in una gara nella quale sia il nostro Nicola Ciotti che il sudafricano Jacques Freitag non hanno superato positivamente la misura d’ingresso di 2.15. Il velocista di casa Craig Pickering ha vinto i 100m in 10.22 con il connazionale Jason Gardener squalificato per partenza falsa. Vittoria nella distanza doppia per Rodney Martin in 20.88, mentre nei 400hs ha dominato l’americana Tiffany Williams col tempo di 55.64.

fonte: IAAF – foto: digitalcongo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *