CUSMA AL MEETING DI VARSAVIA È TERZA CON IL TEMPO DI 1.59:90

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Elisa Cusma scende sotto i due minuti al meeting di Varsavia, il Janusz Kusocinski Memorial, correndo la gara con il tempo di 1.59.90.
La piccola grande atleta emiliana, sì è trovata a combattere nel doppio giro di pista contro atlete del calibro della polacca Setowska Ewelina e la campionessa europea indoor 2007, la russa, Oksana Zbrozhek. Solo nel finale contando sia sulla loro esperienza e sia sulle loro doti, le due atlete dell’est sono riuscite ad avere la meglio sulla Cusma, la nostra atleta ha comunque dimostrato di avere quelle doti di continuità e progressione tecnica che qualche anno fa qualcuno aveva detto che gli mancavano, ed anche se il record italiano non è nei suoi immediati pensieri questo rassicura il suo tecnico e tutti quelli che la seguono più di ogni altra cosa
La notizia arriva direttamente da Varsavia, ed è di quelle che ti fanno cancellare tutti gli impegni presi in precedenza, Cusma ha affrontato senza troppe remore andando quasi a vincere una gara del circuito della EAA Outdoor Meetings, perdendo solo nel finale dalle due più titolate atlete.
Il suo tecnico Claudio Guizzardi narrandoci la gara ci ha commentato: Elisa ha commesso qualche errore tattico che andremo subito a correggere, attaccando dai 100 ai 200 metri nella corsia esterna e correndo quei sei o sette metri in più che poi non sì è ritrovata nel finale. Questo la dice lunga sulla foga dell’atleta emiliana che se mai ci fosse ancora stato bisogno, ha dimostrato ancora di più il suo valore.
Accreditata per i mondiali d’Osaka con il minimo B, al meeting di Varsavia è andata ad ottenere il minimo A previsto dalla federazione internazionale, adesso l’attendono La Coppa Europa dove la federazione italiana gli ha chiesto di coprire anche i 1500 metri, ed a questo punto, il suo tecnico Guizzardi scioglie anche la riserva per le Olimpiadi di Pechino iniziando a guardare molto più lontano del solito.

fonte: Luigi Esposito Gino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *