CAMPIONATI JUNIOR E PROMESSE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

In condizioni atmosferiche non ottimali si sono svolti in questo weekend i campionati italiani juniores e promesse caratterizzati da tante sorprese e dalla crescita di nuovi talenti: nella velocità tra gli junior in campo maschile finisce davanti a tutti Davide Demichei (Quercia Rovereto) con l’ottimo 10.74 nei 100m. Tra le promesse Stefano Tobia(Pro Patria) sorpende siglando un eccellente 10.39 in batteria, ma delude in finale e finisce dietro l’esperto Fabio Cerutti della Ricardi Milano che vince con 10.64.
Tra le donne la junior Ilenia Draisci della Fondiaria SAI vince i 100m con 11.84 (11.69 in batteria).Tra le promesse vince Maria Aurora Salvagno dell’Aereonautica con 11.75, mentre terza finisce Chiara Gervasi (Fondiaria SAI) dopo aver siglato il miglior tempo nelle batterie (11.66).
Nei 200 promesse vince Alessandro Guazzi portacolori della studentesca CARIRI, battendo Tobia, con 21.13 mentre tra le donne Tiziana Grasso della FondiariaSAI bissa il successo dei 400, con 24.00.
Tra le junior vince Valentina Palezza (Atletica Schio)con il buon 24.20.
Nei 400 promesse donne, come preannunciato vince Tiziana Grasso con il personale di 54.30 Battendo le rivali Eleonora Sirtoli (Camelot) e Marta Milani (Atletica Bergamo ’59) rispettivamente seconda e terza.
Nei 400 promesse uomini ottimo Teo Turchi del CUS Parma che con 46.80 batte Isalbet Juarez secondo con 47.40.
Nel mezzofondo grande sfida sia negli 800m che nei 1500m tra Mario Scapini della Pro Patria e Merihun Crespi con la doppia vittoria in volata per Scapini con 1.54.38 negli 800 e 3.57.96 nei 1500.
Da segnalare la vittorio nei 5000 promesse di Andra Lalli (Atletica Campochiaro), che dopo aver vinto tutto nelle categorie giovanili nei cross vince il suo primo titolo italiano su pista con 14.34.34 dopo vari secondi posti negli anni precedenti.
Doppietta per Valentina Costanza (Esercito) tra le promesse negli 800 e nei 1500 con rispettivamente 2.09.50 e 4.30.38.
Negli ostacoli si registrano grandi colpi di scena:
tra le promesse donne vince a sorpesa Giulia Tessaro delle Fiamme Oro superando con 13.83 Veronica Borsi delle Fiamme Gialle e Sara Balduchelli della Camelot. Stessa sorte per Camilla Meciani della JAKY-TECH che batte l’ex compagna di squadra Giulia Pennella con 14.51.
Nel salto in alto junior vince a sorpesa Marco Fassinotti della Safatletica con 2.09 e batte i grandi del progetto talento Chesani, Cecolin e Ojiaku. Mentre Serena Capponcelli si riconferma eguagliando il grande personale di 1.84.
Silvano Chesani, dopo essere stato sconfitto nell’alto (avendo avuto i favori dei pronostici) trova nuove risorse fisiche e mentali e raggiunge una vittoria inaspettata nel triplo all’ultimo salto, superando Fabio Buscella, Emanuele Catania, Daniele Greco e Lorenzo Franzoni che già avevano il minimo per gli europei di Hengelo.
Tra le donne Cecilia Pacchetti (Ginn.Monzese Forti e Liberi)sorprendendo le due rivali storiche Federica De Santis ed Eleonor D’Elicio, vince con 12.92, minimo per gli europei under23.
Nel lungo Federica De Santis (ASA Ascoli Piceno) si riscatta dopo il chiaroscuro del triplo e vince con 5.90.
Nei lanci fantastico è tra gli junior Emanuele Sabbia nel giavellotto che con 67.93 raggiunge la vittoria e un miglioramento di due metri. Si riconfermano le due junior: nel disco Tamara Apostolico della FondiariaSAI nettamente sopra le avversarie con 49.06 e Micaela Mariani (JAKY-TECH) nel martello con 53.19.

fonte: Fidal / Foto: Atleticanet-Gino Esposito

ALLEGATO: ANet_news_I_risultati_18.6.2007.zip (170 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *