PARIGI GOLDEN LEAGUE: RESTANO IN QUATTRO PER IL JACKPOT

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Sono rimasti in quattro a contendersi il jackpot finale della golden League 2007: Tero Pitkämäki nel giavellotto, Sanya Richards nei 400m, Michelle Perry nei 100Hs e la zarina Yelena Isimbayeva nell’asta. Tre donne e un uomo i sopravvissuti della “corsa all’oro”, questo il verdetto da Parigi, Meeting gaz de France.
Diversi i risultati interessanti e le sorprese, difficile sceglierne l’ordine: il risultato più importante forse è venuto da una gara, quella dei 1500m uomini che non fa parte di quelle del circuito. A vincerla, a sorpresa, un americano, Alan Webb, con lo strepitoso tempo di 3’30”54 (miglior prestazione mondiale dell’anno); dietro di lui, ancora al personale ma sicuramente deluso per la sconfitta, il padrone di casa Mehdi Baala (3’31”01 per il francese).
Tra le donne il risultato copertina se lo spartiscono due americane: Michelle Perry nei 100H, che con la sua vittoria continua anche la corsa al jackpot e Sanya Richards nei 400m. La prima, avvicina il suo stagionale correndo con 12”56 e trascina alla miglior prestazione europea 2007 la svedese Susanna Kallur; la seconda si vendica del fallimento ai Trias mondiali di Indianapolis, andando a firmare la miglior prestazione mondiale stagionale con 49”52. In questa gara, quarta ma con il primato stagionale la senegalese Amy ‘Mbacke Thiam (50”84).
Importante anche il risultato (e la sfida tra i primi tre classificati!) del giavellotto maschile: come nella prima tappa della Golden League, la vittoria è andata al finlandese Tero Pitkämäki con la strepitosa misura di 89,70m (miglior prestazione europea dell’anno), più di 3metri sopra la misura del secondo classificato, il rivale di sempre, il norvegese Thorkildsen (86,28m).
Delusione nei 110mH per il primatista mondiale, il cinese Xiang Liu, solo terzo con 13”15 nella gara vinta dal cubano Dayron Robles davanti all’americano Anwar Moore (13”13 il tempo dei primi due classificati).
I 100m, orfani del primatista mondiale giamaicano Powell, vedono la vittoria del bahamense Derrick Atkins con il tempo di 10”00. Tra le donne, sempre nei 100m, la vittoria un po’ a sorpresa, va all’americana Torri Edwards in un “normale” per lei 11”17; a completare questo podio, tutto americano, Barber e Williams rispettivamente con 11”19 e 11”25.
Nell’asta donne, vince come già detto, la zarina Isimbayeva con la misura di 4,91m (miglior prestazione mondiale 2007) che, prima di lasciare lo stadio di Saint-Denis, si concede anche un tentativo di record mondiale a 5,02m.
Nel triplo maschile torna a grandi misure lo svedese Christian Olsson che vince con 17,56m; dietro di lui, record nazionale per il portoghese Nelson Evora con 17,28m mentre solo quarto il brasiliano Gregorio (16,90m).
Poca gioia per l’Italia, la cui unica rappresentante, la neo primatista italiana dell’alto Di Martino, è solo quinta nella sua gara; vince la croata Vlasic con 2,02m davanti alla russa Slesarenko (2,00m). La Di Martino si ferma a 1,94 e viene preceduta anche dalla spagnola Beitia (stessa misura) e dalla campionessa europea Hellebaut (1,97m).
Appuntamento per la prossima tappa, il 13 Luglio a Roma, Stadio Olimpico.
Risultati al link: http://www.meetinggazdefrance.com/meeting_2007/resultats2007.html

fonte: http://www.meetinggazdefrance.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *