PISTORIUS, AL GOLDEN GALA PER FARE STORIA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Per la prima volta nella storia un atleta disabile potrà gareggiare in un grande meeting contro atleti normodotati. Si tratta di Oscar Pistorius, il fenomeno sudafricano dei 400 con protesi ad entrambe le gambe, che gareggerà al meeting di Roma contro i gli staffettisti azzurri.

Sarà di sicuro una giornata da ricordare, una prima pagina che aprirà una frontiera del tutto nuova nell’atletica leggera. Per la prima volta un atleta disabile potrà gareggiare al fianco di atleti normodotati e poter competere alla pari con essi.

Il protagonista dell’evento sarà Oscar Pistorius, sudafricano, ormai una celebrità. Il luogo sarà lo Stadio Olimpico di Roma, che nella serata del prossimo 13 luglio aprirà le porte al Golden Gala, meeting internazionale di atletica nonché terza tappa di Golden League. L’occasione sarà una gara di 400 metri a cui prenderanno parte i più forti atleti italiani del giro di pista e soprattutto lui, “Blade runner”, come viene soprannominato il fenomeno sudafricano.

La storia di Oscar Pistorius ha fatto il giro del mondo, le sue prestazioni hanno dell’incredibile. Pistorius è infatti un atleta amputato ad entrambe le gambe sin dalla nascita, che grazie all’uso di particolari protesi è in grado di correre i 400 metri con prestazioni assai vicine a quelle dei colleghi professionisti normodotati. Il suo personale è di 46”34. Un crono incredibile che ha convinto gli organizzatori del Golden Gala di accettare la richiesta del ragazzo sudafricano e farlo correre nel primo meeting al mondo del 2006.

Un evento straordinario che lo vedrà partire al fianco dei quattrocentisti italiani pretendenti alle maglie della staffetta azzurra. Mancherà solo Andrea Barberi che prenderà parte nella serie migliore dei 400. Per il resto ci saranno tutti e non è detto che Oscar Pistorius riesca ad arrivare avanti ai nostri atleti. Comunque vada, al di là del risultato sportivo, si tratterà di un importante messaggio di solidarietà ed un passo in più per Pistorius nel cercare di realizzare il sogno di poter correre un Olimpiade con la staffetta 4×400 del suo Paese. In quest’ottica sarà anche la partecipazione al meeting di Sheffield, il 15 luglio, durante il quale Pistorius partirà assieme a Jeremy Wariner.
In bocca al lupo Oscar!

fonte: www.goldengala.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *