ITALIANI A PADOVA, CON LO SGUARDO RIVOLTO A OSAKA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

A poche ore dall’inizio dei Campionati Italiani Assoluti una breve presentazione di quelli che saranno i personaggi e le gare più interessanti da seguire, ad un mese esatto dall’appuntamento più importante della stagione.

I ragazzi delle prove multiple avranno l’onore dell’apertura dei giochi nello Stadio Euganeo di Padova, impianto già utilizzato quest’anno per il meeting internazionale. Un’edizione degli Italiani, quella di quest’anno, nel segno dei Mondiali di Osaka, l’occasione per definire le condizioni di forma di chi già ha il biglietto per il Giappone in tasca, e l’ultima grande possibilità per chi è ancora a caccia di minimi e conferme. Nicola Silvaggi sarà attento osservatore sulle tribune dell’Euganeo, taccuino alla mano, pronto a cogliere spunti e riflessioni su quella che sarà la compagine azzurra.

A cominciare dai velocisti, con tutti i migliori in pista a caccia di quei tre posti della 4×100 che già vede titolare Simone Collio. Proprio il finanziere potrebbe essere l’unico assente a Padova, autore di un paio di settimane particolarmente tirate ed aperte con l’exploit del Golden Gala, record personale e minimo raggiunto. Tra i pretendenti alla maglia azzurra si dovranno seguire con interesse Jacques Riparelli, Giovanni Tomasicchio, Rosario La Mastra, Luca Verdecchia e Fabio Cerutti.

Si divertirà Andrew Howe sui 200, dove si ritroverà ancora contro il compagno di squadra Marco Torrieri. A Rieti qualche mese fa Andrew finì in 20”60, suo miglior tempo quest’anno sulla distanza, vedremo come andrà a finire a Padova. Di sicuro il reatino vorrà ben figurare dopo il passo falso del Terra Sarda sui 100, anche se la gara più importante rimarrà comunque il salto in lungo, dal quale si attende una misura superiore ai “noiosi” (così li ha definiti lo stesso Andrew qualche settimana fa) 8,20-8,25.

Nello sprint femminile Pistone e Reina saranno le sorvegliate speciali, con la seconda disposta a ben figurare nei 400, dopo le ultime gare non proprio esaltanti. Anita Pistone dovrà vedersela con tutte le migliori del momento, compresa la rediviva Vincenza Calì. Mancherà invece Manuela Levorato.

Tutto da decidere sui 400 maschili per ciò che riguarda un’ipotetica staffetta 4×400. Se Barberi e Braciola sembrano un bel gradino sopra tutti, sarà una bella lotta tra gli inseguitori, affollati su tempi attorno ai 46”80-47”00.

Negli 800 Longo e Bobbato proveranno a ritrovare la brillantezza di qualche tempo fa, magari sulla scia di un ottimo Livio Sciandra, già sceso sotto gli 1’46”. Ci sarà anche Obrist, già dominatore quest’anno dei 1500, mentre desterà grande curiosità il comportamento del neo campione europeo junior dei 1500 Fabio Scapini.
Da segnalare poi la presenza di Cosimo Caliandro nei 5000 dove nessuno sembra in grado di impensierirlo, un’occasione importante comunque per testare le proprie condizioni fisiche.

Gli ostacoli cercheranno le conferme di Abate e Carabelli, quest’ultimo capace di annientare lo stagionale qualche giorno fa a Rethymno. Tra le donne Cattaneo e soprattutto Ceccarelli proveranno ad abbassare quanto fatto sino a questo momento della stagione, con Benedetta alla ricerca dello smalto dei tempi migliori.

Elisa Cusma e Silvia Weissteiner saranno le atlete d’elite del mezzofondo femminile, assai difficili da battere e pronte a cogliere un risultato di prestigio.

Detto di Andrew, i salti dovrebbero regalare voli importanti nella pedana dell’alto, grazie ai vari Bettinelli, Ciotti, Campioli, ed ovviamente Antonietta Di Martino tra le donne. Non che si debba pretendere una misura sopra i 2 metri da parte della campana, ma un cenno di condizione in crescendo non farebbe male vederlo, dopo la discreta prestazione del Golden Gala.

I lanci saranno rappresentati soprattutto dal peso femminile, con un duello di fuoco fra Assuna Legnante e la neo primatista italiana Chiara Rosa. Poi un occhio di riguardo lo meriteranno Zahra Bani nel giavellotto e la coppia Clarissa Claretti-Ester Balssini nel martello.

Infine da seguire le fatiche dei marciatori, con la presenza al via di diversi probabili protagonisti ai Mondiali, alcuni dei quali con sogni neanche tanto nascosti di cogliere una medaglia importante.

I Campionati saranno seguiti in diretta dalle 18 alle 20 di venerdì e sabato dalle telecamere di Raisport Sat.

fonte: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *