ALEKNA 71,56 MONDIALE M35 DEL DISCO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Ieri a Kaunas in Lituania, in un meeting internazionale dal sapore casalingo, il colosso locale Virgilijus ALEKNA (13/02/1972) all’ultimo lancio ha ribaltato il risultato della gara di disco con una prova di 71,56 e ha relegato nuovamente al secondo posto il rivale delle ultime stagioni, l’estone Gerd KANTER, ieri a 70,92(!!). Il risultato, di per se eccezionale, ha anche un valore storico: è la nuova miglior prestazione mondiale M35 della specialità sottratta a due grandi personaggi ormai leggendari nella specialità, John POWELL (1947) e Richard BRUCH (1946), che ambedue nel 1984 lanciarono a 71,26. (Nella foto di G. Herringshaw, due immagini in sequenza di ALEKNA)

La gara di Kaunas ha avuto un contenuto tecnico complessivo straordinario con cinque atleti al di sopra dei 66 metri e altri tre oltre 64 metri.

Risultato del lancio del disco nel meeting di Kaunas
1. Virgilijus Alekna (Ltu) 71,56
(la serie 65.29-67.65-67.62-67.37-X-71.56)
2. Gerd Kanter (Est) 70,92
(la serie 66.79-X-66.62-69.92-X-70.92)
3. Piotr Malachowski (Pol) 66,61
4. Gábor Máté (Hun) 66,45
5. Zoltán Kovágó (Hun) 66,42
6. Ian Waltz (Usa) 64,93
7. Michael Möllenbeck (Ger) 64,50
8. Aleksander Tammert (Est) 64,23
9. Jarred Rome (Usa) 61,97

Lo statuario ALEKNA (taglia ideale 2,00 mt. x 130 kg.) ha un record personale di 73,88 ottenuto nel 2000, seconda prestazione mondiale all-time dopo il misterioso 74,08 del tedesco dell’est Jürgen SCHULT del 1986. Dal 2000 ALEKNA non lanciava così tanto lontano quanto ieri a Kaunas.

Da non dimenticare che il lituano, erede in ordine temporale del tedesco Lars RIEDEL, ha un palmares stellare: due Titoli Olimpici (2000 e 2004); due titoli (2003 e 2004) e due secondi posti (1997 e 2001) ai Campionati Mondiali; ai Campionati Europei 3° nel 1998, 2° nel 2002 e ancora nel 2006. E con la misura di Kaunas riafferma di essere il favorito degli imminenti Mondiali di Osaka.

La sua progressione di anno in anno:
1990 (18): 52,84 – 1991 (19): 57,16 – 1992 (20): 60,86 – 1993 (21): 62,84 – 1994 (22): 64,20 – 1995 (23) 62,78) – 1996 (24): 67,82 – 1997 (25): 67,70 – 1998 (26): 69,66° – 1999 (27): 68,25 – 2000 (28): 73,88 – 2001 (29): 70,99 – 2002 (30): 66,90 – 2003 (31): 69,69 – 2004 (32): 70,97 – 2005 (33): 70,67 – 2006 (34): 71,08 – 2007 (35): 71,56.

Il lancio del disco è forse la specialità atletica in cui è maggiore la longevità tecnico-agonistica. Non a caso le tabelle di conversione edizione 2006 della WMA riportano per i 40-44 anni il coefficiente “1,0000” e per i 45-49 anni il coefficiente “1,0499”. Cioè si ritiene che idealmente non dovrebbe esserci un calo prestazionale tra i discoboli. Forse questa valutazione è eccessiva, tuttavia i riscontri statistici mostrano che tra i migliori specialisti al mondo che hanno continuato l’attività con impegno, dopo i 35 anni hanno raggiunto ancora misure ragguardevoli.

All-time mondiale lancio del disco over-35
1) 71,56 Virgilijus Alekna (Ltu) (13/02/1972) 2007
2) 71,26 John Powell (Usa) (25/06/1947) 1984
3) 71,26 Richard Bruch (Swe) (02/07/1946) 1984
4) 70,92 Wolfgang Schmidt (Ddr) (16/01/1954) 1989
5) 69,50 Lars Riedel (Ger) (28/06/1967) 2003
6) 69,46 Wichita Al Oerter (Usa) (19/09/1936) 1980
7) 69,22 Art Swarts (Usa) (14/02/1945) – 1980
8) 68,18 Jürgen Schult (Ger) (11-05-1960) 1999
9) 68,12 Iosif Nagy (Rom) (20/11/1946) 1983
10) 67,96 Mac Wilkins (Usa) (15/11/1950) 1988

fonte: Atleticanet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *