RIETI 9 SETTEMBRE 2007 – IAAF GRAND PRIX

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La velocissima pista del Guidobaldi di Rieti si conferma magica e ancora una volta nei prossimi anni battere il record del meeting significherà battere un record del mondo. Sono circa le 17,30 quando lo starter lancia la seconda batteria di qualificazione dei 100 m. Nella prima si era imposto Michael Frater e Simone Collio, giunto secondo, aveva già ritoccato il suo personale, stabilito di recente ad Osaka, correndo in 10”16. Powell esce reattivo dai blocchi, rimane a testa bassa fino ai 50 m. poi lascia andare le gambe per un’azione di corsa meravigliosa, leggera e potente, completamente rilassato nel busto e nelle braccia senza la pressione di una gara testa a testa (il secondo è almeno 5 metri dietro). Cessa di spingere ai 90 metri e passa il traguardo a busto arretrato…il crono gela per un attimo le tribune, che poi esplodono!! Poco più di un’ora dopo il velocista giamaicano quasi si ripete, facendo peggio di soli 4 centesimi, complice forse una partenza appena più contratta e l’assenza praticamente totale di vento. In finale si migliora invece Simone Collio che strappa a Tilli la terza miglior prestazione italiana all time con 10”14.
Lo stadio si era già scaldato per il combattutissimo concorso del triplo femminile: non si è andati sopra i 15 m., forse anche a causa del vento molto irregolare ma la gara è stata avvincente. Come ai Mondiali, ha di nuovo prevalso la cubana Yargelis Savigne(14,92 nuovo record del meeting) su Tatyana Lebedeva, mentre per il terzo posto la Pyatykh con 14,71 precedeva di un solo cm una Magdelin Martinez che ha confermato i progressi palesati ai Mondiali. Lontanissima invece da una condizione appena accettabile purtroppo Simona Lamantia a stento sopra i 13 m.
Appassionante anche il concorso del martello, che come al solito ha preceduto l’inizio vero e proprio del meeting. La gara è vissuta dello scontro fra Koji Murofushi ed il bielorusso Ivan Tsikhan. In un susseguirsi di sorpassi alla testa della graduatoria, con lanci tutti sopra gli ottanta metri, al 6° lancio il giapponese ha trovato la misura vincente con 82,62 nuovo record del meeting.
Non ha avuto invece avversari Irvin Saladino. Il panamense con un salto di 8,31 si è facilmente aggiudicata la gara del lungo, orfana dell’attesissimo scontro-rivincita con l’idolo di casa Andrew Howe. Andrew, ovviamente presente nel parterre, ha rinunciato a gareggiare perché ancora sofferente per una contusione patita al piede di stacco in occasione proprio dell’ultimo salto ad Osaka.
Due gare del mezzofondo femminile avevano promesso tentativi di attacco al record del mondo, ma non hanno raggiunto l’obiettivo. Nei 3000 siepi, il prematuro ritiro dalla gara della primatista mondiale, la russa Samitova – evidentemente ancora affaticata dopo il mondiale – ha lasciato sola e senza stimoli adeguati la neo-campionessa mondiale Volkova, che nonostante l’egregio lavoro delle lepri non è riuscita a finalizzare l’impresa, pur aggiudicandosi la gara in 9’26”80.
Negli 800 m. Janeth Jepkosgei ha forse pagato un passaggio furioso ai 400 m, correndo tutta la gara alle spalle della lepre ma ritrovandosi a ginocchia basse nel rettilineo finale, per un tempo di 1’56”29. Ottimo 4° posto per una non ancora appagata Elisa Cusma che ha chiuso per l’ennesima volta in questa stagione sotto i 2’ (1’59”36).
Degli altri italiani meritano una menzione speciale Christian Obrist al suo nuovo personale dei 1500 m. con 3’35”32, gagliardo terzo in una gara regolata dallo spagnolo Higuero (3’34”78) ed il giovane Matteo Galvan, autore di un promettente 47”27 nel suo primo 400 m. internazionale.
Purtroppo lontanissimi dai loro momenti migliori, nel giro di pista con ostacoli, Gianni Carabelli e Benedetta Ceccarelli, ritirato Andrea Longo nella serie B degli 800 m., in cui Maurizio Bobbato è giunto 4° (1’48”20)

fonte: Redazione / Foto: Simone Proietti

ALLEGATO: ANet_news__9.9.2007.jpg (124 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *