MARION JONES CONFESSA. ORA RISCHIA IL CARCERE!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Sì sta concludendo nel peggiore dei modi la carriera di Marion Jones.
L’atleta statunitense ha annunciato il suo ritiro dopo aver ammesso in un aula di tribunale di aver fatto uso di sostanze dopanti.

L’atleta appena trentunenne rischia ora ben cinque anni di carcere e la perdita delle medaglie olimpiche conquistate durante la sua carriera.
A proposito la Jones avrebbe affermato che avrebbe fatto uso di sostanze dopanti non durante la preparazione olimpica, ma nel periodo che va dal settembre del 2000 al luglio del 2001, questo nel tentativo di salvare, almeno le medaglie.
La sostanza incriminata che ha fatto cadere, Marion Jones, è il Thg o tetraidrogestrinone, somministrato con regolarità dal suo allenatore Trevor Graham, si tratta di uno steroide anabolizzante androgeno sostanza sconosciuta fino a poco tempo fa, fino a quando uno sconosciuto non invio ad uno dei laboratori dell’antidoping, una siringa contenente la sostanza, fornendo tra le indicazioni la società produttrice la Balco che seguiva vari atleti di caratura internazionale. La sostanza, si può produrre con relativa facilità ottenendola dal gestrinone, noto quest’ultimo in medicina come contraccettivo.

fonte: Washington Post. foto Luigi Esposito Gino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *