GRADUATORIE MASCHILI 2007 DA MM70 A MM95

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Dopo le graduatorie virtuali maschili e femminili OVER-35, continuiamo la pubblicazione delle graduatorie italiane master dell’anno 2007 presentanto il blocco di quelle maschili che vanno dalla MM70 fino alla MM95 scaricabili in fondo alla pagina), a cui seguiranno nei prossimi giorni quelle di tutte le altre categorie maschili e femminili. Rinnoviamo l’invito a segnalarci errori e lacune inviandoci una email all’indirizzo werter.corbelli@atleticanet.it (nella foto Sergio Agnoli)

Cosa salta all’occhio dai dati consuntivi di queste categorie che potrebbero essere anche definite dei “supermaster”? Innanzitutto il risultato mostre di Carmelo RADO nel lancio del disco MM70 di 55,27 con cui ha stracciato il precedente record mondiale di categoria; una prestazione a dir poco storica e tra le più significative del movimento master italiano da quando è partito trentanni fa. RADO è da sempre uno degli atleti simbolo dell’atletica italiana senza età, ma quest’anno a 74 anni s’è surclassato e nell’arco di settembre ha messo assieme il titolo mondiale M70 e il relativo record che ha fatto molta sensazione anche all’estero.

Restando nella categoria MM70 quest’anno ha visto il ritorno dopo infortuni muscolari di Giorgio BORTOLOZZI, secondo ai Mondiali nel salto triplo con la misura di 10,14 (tra le migliori al mondo per quest’età) e al record italiano nel salto in alto con la ragguardevole di 1,42. Per il resto la categoria a livello mondiale non ha offerto altri spunti di livello assoluto, dimostrando in Italia una relativa debolezza rispetto ad altre categorie. Si possono segnalare ancora le apprezzabili prestazioni di Gian Carlo MEDESANI con 13,17 nel peso e di Sergio VERONESI al record di categoria nel decathlon con 5.579 punti.

Peggio ancora nella categoria MM75 dove si registra un numero scarso di atleti presenti nelle graduatorie, per altro atleti di eccellenza assoluta se si eccettua l’ostacolista Enzo AZZONI, terzo ai Mondiali sugli 800 ostacoli. Dopo le indoor è mancato Luciano ACQUARONE per un fastidioso problema ad un gluteo che gli ha impedito la partecipazione ai Mondiali, dove altrimenti avrebbe fatto man bassa di titoli. Ad ogni modo il prossimo anno il ligure dovrebbe essere di nuovo competitivo.

Meglio quello che lascia nel 2007 la categoria MM80 con due punte di valore assoluto: ancora il fondista Sergio AGNOLI con tre titoli mondiali e il marciatore Severino ROSSETTI con all’attivo due titoli mondiali. Siamo però lontani dalle annate segnate dai quattro terribili ultr80enni (Colò, Marabottti, Sobrero e Sansonetti) che hanno segnato un’epoca della nostra atletica master e li hanno fatti conoscere in tutto l’ambiente mondiale. In questa fascia d’età merita di essere segnalata la prestazione dell’84enne Antonio NACCA capace di segnare negli 800 mt. 3’28”74, che si può assicurare ai più scettici che non è cosa da poco.

Gli MM85 hanno vissuto soprattutto di quello che potrebbe essere definito il ”Bruno SOBRERO Show”. Questo splendido ragazzo di 87 anni non ha mancato un appuntamento dalle indoor fino alla finale dei Campionati di Società, con prestazioni sempre eccellenti, anche se non è riuscito nell’intento di battere il record mondiale dei 100 metri. Ogni volta si presenta dicendo di essere stanco e di voler smettere …ma sta già pensando ai prossimi Mondiali Indoor. Invece Ugo SANSONETTI è stato limitato da un ginocchio infortunato, ma lui del 1919 è ormai proiettato al passaggio di categoria.

Nelle graduatorie 2007 degli MM90 figurano 5 atleti: Giuseppe OTTAVIANI, Bruno BERTOLDI, Giovanni PERTILE, Renato CAPOZZI e Mario RIBONI; quest’ultimo il prossimo anno al passaggio di categoria. Che dire di questi fenomeni? Li ritroveremo nel 2008 con la solita tenacia e l’entusiasmo.

Infine il 2007 sarà da ricordare anche come l’anno del ritorno sulle pedane a 96 anni di Vittorio COLO’. Si, proprio così! Perché COLO’, dopo aver giurato di abbandonare le gare ma pressato per mesi dagli amici, s’è ripresentato a Macerata in ottobre per la Finale dei C.d.S. con in testa una bella misura nel salto in lungo; a causa della pioggia non l’ha ottenuta (diversamente dagli allenamenti), così che sarà costretto a riprovarci nel 2008. Come dice il grande Vittorio a chiusura dei suoi discorsi: “…e così sia!”

fonte: Fidal-Atleticanet

ALLEGATO: ANet_news_Graduatorie_MM70-MM95_15.11.2007.pdf (149 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *