A TOKYO VINCE NOGUCHI, MA LA GENOVESE SI CONFERMA TRA LE GRANDI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Era la sua corsa e Mizuky Noguchi non se l’è lasciata sfuggire, anzi ha dominato la gara fin dal primo metro e alla fine ha fatto segnare anche il record della corsa. Con questo successo la campionessa olimpica di Atene completa il grande slam delle tre grandi classiche giapponesi (Osaka, Nagoya, Tokyo) impresa riuscita solo alla tedesca Kathrin Dorre nei lontani anni ‘80. Temperatura alta (22°C) e vento contro nella prima metà gara, ma un gruppo di nove atlete fra le quali la detta Noguchi, Yoko Shibui, Hiromi Ominami, Akemi Ozaki, Bruna Genovese, Salina Kosgei e Zivile Balciunaite sono andate subito davanti a dettare l’andatura. Kilometro dopo kilometro però la gara è diventata ad eliminazione diretta, con varie atlete a perdere contatto una alla volta con la testa della corsa. L’intervallo fra il 30° ed il 35° km ha fatto la selezione finale (16’26” lo split) ed il successivo tratto in leggera salita ha fatto il resto, la leggera Noguchi davanti, seguita a 10” dalla keniana Kosgei e dalla nostra Bruna Genovese a quasi 4 minuti. Alla fine trionfo per la Noguchi che batte il record della corsa concludendo in 2h 21’37” davanti alla keniana Kosgei e alla nostra Genovese. Deludente Yoko Shibui che preannunciata come l’avversaria numero uno della Noguchi è stata in gara solo fino al 30° Km per poi finire solo settima all’arrivo.
Una menzione speciale va fatta per la trevigiana di Volpago del Montello Bruna Genovese che si conferma atleta di grande affidabilità. 15 maratone corse dal ‘99 ad oggi, piazzamenti di prestigio a Boston, decima alle Olimpiadi di Atene, quinta agli Europei di Goteborg e mai un ritiro! A Tokyo Bruna nel 2004 aveva vinto diventando così una delle star delle maratone del sol levante. Per lei la migliore prestazione italiana stagionale e un grande passo in aventi sulla strada per Pechino…ricordiamo inoltre che la Genovese è allenata da Salvatore Bettiol uno dei grandi interpreti della maratona italiana degli anni 80.

Di seguito l’ordine di arrivo ufficiale:
1. Mizuki Noguchi (JPN) 2:21:37, Record della corsa
2. Salina Kosgei (KEN) 2:23:31
3. Bruna Genovese (ITA) 2:27:35
4. Akemi Ozaki (JPN) 2:28:39, PB
5. Hiromi Ominami (JPN) 2:30:24
6. Mika Hikichi (JPN) 2:34:14
7. Yoko Shibui (JPN) 2:34:19
8. Zivile Balciunaite (LTU) 2:34:29

fonte: IAAF/Gazzettino – Foto: brunagenovese.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *