GRADUATORIE UOMINI MM60 E MM65

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Continuiamo nell’illustrazione delle graduatorie italiane master dell’anno agonistico concluso almeno su pista (per la strada s’attendono ancora varie maratone). E’ la volta degli uomini sessantenni suddivisi nelle due categorie MM60 e MM65, di cui sono consultabili le liste nel file scaricabile in fondo a questa pagina, oppure selezionando da questa pagina web la voce “STATISTICHE MASTER”. Come di consueto vi invitiamo a segnalarci errori e lacune inviando una email all’indirizzo werter.corbelli@atleticanet.it (nella foto d'epoca il portiere L. Boranga)

Commentando i risultati di queste due categorie master partiamo dicendo che, non ostante lo stimolo dei Campionati Mondiali casalinghi, non vi sono state nell’insieme dei 60enni italiani performances straordinarie; non sono emersi nuovi personaggi di grande spessore tecnico ed agonistico, tranne forse Lamberto BORANGA, che come vedremo è rimasto imbrigliato dalla sua data di nascita. Ad ogni modo questo è stato il bottino di medaglie mondiali dei master sessantenni italiani:

ORO
M65 – Mario Tible – 5.000 m. (18'14”05)
M65 – Maratona a squadre (M. Bassi – C. Saccà – A. Marini) (10°29'46)
M60 – Cross Country a squadre (A. Carboni – R. Soffiatti – E .Mattei) (1°25'35”)
M60 – Maratona a squadre (G. Materia – V. Schiavottiello – P. Balzano) (9°27'19)
ARGENTO
M65 – Galdino Rossi – Asta (3,10)
M65 – Mario Tible – 2.000 siepi (7'32”36) m.p.i.
M60 – Antonio Carboni – Cross Country (26'39)
M60 – Marcia 10 km. a squadre (I. Abbo – G. De Lucia – M. Fiori) (2°51'37”)
M60 – Lamberto Boranga – Triplo (11,40) m.p.i. pre
M60 – Marcia 20 km. a squadre (I. Abbo – G. De Lucia – F. Rutolo) (6°03'26”)
M60 – Konrad Geiser – 1.500 m. (4'42”66)
BRONZO
M65 – Marcia 20 km. a squadre (P. Andreotti – F. Messina – F. Mazzei) (6°46'18”)
M60 – Antonio Carboni – 5.000 m. (17'51”99)
M60 – Sandro Urli – 300 hs (44”99) m.p.i.
M60 – Gaetano Materia – Maratona (3°03'25)
M60 – 4×400 (V. La Camera – A. Del Rio – F. Zanardo – G.Grimaudo) (4'04”10) m.p.i.

Nei Campionati Europei Indoor di marzo c’era stata una sola medaglia conquistata, quella d’oro ad opera di Aldo DEL RIO (1946) nei 400 mt. degli M60. Per il tenace atleta milanese questa stagione è stata densa di soddisfazioni con il records italiano sui 400 mt. a 58”89 (segnato nella finale dei C.d.S. a Macerata) e quello della staffetta 4×400 in occasione dei Mondiali, dove ha portato il quartetto azzurro al bronzo. L’unico suo rammarico quel 4° posto nella finale mondiale dei 400 mt. con una rimonta nell’ultimo rettilineo che l’ha portato ad un soffio dal podio. Durante l’anno c’è stata anche la notevole crescita del palermitano Giuseppe GRIMAUDO che ha segnato da 63enne 26”08 nei 200mt. e 59”72 nei 400 mt.

Ai Mondiali l’unico successo individuale tra i nostri sessantenni è stato conquistato agevolmente da Mario TIBLE (1942-MM65) nei 5.000 mt. a cui ha fatto seguito l’argento dei 2.000 siepi in 7’32”26 (nuova m.p.i. di categoria), che sul piano tecnico vale sicuramente dippiù. L’atleta cuneese è da diversi anni uno dei nostri mezzofondisti di punta nelle gare internazionali master, soprattutto nelle siepi dove s’è sempre ben comportato. Bella stagione anche per Konrad GEISER (1947-MM70), anche lui in luce ai Mondiali. Prima l’azzurro tirolese ha mancato di poco la medaglia di bronzo negli 800 mt. e poi s’è rifatto con gli interessi conquistando quella d’argento nei 1.500 mt. grazie ad una gara condotta all’attacco fin dalla partenza. L’unico suo rammarico è forse quello di aver solo sfiorato con 2’17”48 il record italiano di categoria degli 800 mt. detenuto dal 1990 dal trentino BONVECCHIO con 2’17”0m.

Venendo ai salti un discorso particolare merita Lamberto BORANGA, che il 28 ottobre 1962 ha compiuto 65 anni ed è stato costretto a gareggiare ai Mondiali nella categoria M60. Il perugino ha mancato di poco il colpaccio nel salto triplo finendo 2° con la grande misura di 11,40 a soli 11 cm. dal vincitore, dopo essere stato anche in testa nei turni intermedi di salto. Questa riteniamo sia in assoluto la miglior prestazione tecnica espressa nel 2007 tra i master sessantenni italiani. BORANGA inoltre nell’inverno ha saltato in alto 1,61 e nella finale dei C.d.S. all’aperto 1,57, altre misure di grande contenuto tecnico. Dal prossimo gennaio è sua intenzione andare a caccia dei records mondiali indoor (11,61) e outdoor (11,94) del triplo M65. Restando nel settore salti merita un grande applauso Galdino ROSSI (1938-MM65) per il suo argento conquistato ai Mondiali nel salto con l’asta pur essendo un quasi 69enne. Il folletto milanese è stato ancora capace a Misano di scavalcare la misura di 3,10 a soli 5 cm. dal vincitore.

Nel settore dei lanci so no state registrate buone ma non eccelse prestazioni come: 45,95 del friulano Luciano BARALDO nel disco MM60; 41,33 del padovano Giuseppe FRANCO nel giavellotto MM65; 44,59 del catanese Isidoro MASCALI nel martello MM65; 16,52 dell’altro catanese Giuseppe DI STEFANO nel martellone MM65 a cui ha aggiunto 4.112 punti nel pentathlon lanci. Nelle prove multiple va ricordato il decathlon MM65 ai Campionati Italiani di Milano concluso con il testa a testa tra Francesco BRUNI a 6.129 punti (nuova m.p.i.) e il pugliese Alberto SOFIA a 6.124 punti. In ribasso invece il settore della velocista: assente Tristano TAMARO per infortunio (e il prossimo anno MM70), defilato Armando SARDI, non sono emersi altri atleti over60 in grado di competere a livello internazionale.

fonte: Fidal-Atleticanet

ALLEGATO: ANet_news_Grad._MM60-MM65_2007_22.11.2007.pdf (180 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *