MASSIN SOSTIENE LE RICHIESTE DI MUELLER

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Nei giorni scorsi il sito www.masters-sport.de ha riportato le affermazioni del Presidente dell’European Veterans Athletic Association (E.V.A.A.) il tedesco Dieter MASSIN rilasciate in un’intervista alla rivista “Senioren Leichtathletik”, in cui sostiene che con i Mondiali di Riccione si sia toccato un punto estremo e quindi per quanto riguarda i campionati internazionali master sia tempo di un ripensamento. MASSIN ha preso spunto dalle recenti affermazioni di Guido MUELLER che chiede sinteticamente campionati di minor durata, di migliore livello e meno elefantiaci.

Il Presidente della E.V.A.A. parte dalla considerazione che, sebbene il numero dei partecipanti master ai campionati internazionali abbia raggiunto un livello eccezionale e quindi lusinghiero, le critiche sui problemi che sono emersi nelle ultime manifestazioni hanno un serio fondamento. Per MASSIN queste critiche a volte sono state eccessive, tuttavia ritiene che la gestione dei campionati internazionali sia ormai fuori controllo da parte delle organizzazioni come la W.M.A. e la E.VA.A., le quali non possono garantire da parte dei gestori condizioni di trattamento adeguate degli atleti e situazioni di gara decenti. Per queste ragioni anche nella E.V.A.A. si sta riflettendo e c’è la volontà di intervenire.

I responsabili della federazione europea già ne hanno discusso a marzo ad Helsinki durante gli Euroindoor e più recentemente a Lubljana in ottobre in occasione di un incontro del direttivo. MASSIN fa capire che sembra esistano le condizioni per arrivare a soluzioni. Il punto attorno a cui si riflette è l’introduzione dei minimi d’accesso ai campionati internazionali e le forme di controllo da parte delle federazioni nazionali. Retoricamente MASSIN chiede se questa sia “la soluzione giusta al momento giusto?”. Un altro punto su cui la E.V.A.A. s’impegnerà a riflettere è quello delle quote d’iscrizione. Insomma sembrano all’orizzonte cambiamenti che potrebbero modificare forma e sostanza dei campionati internazionali.

fonte: www.masters-sport.de/annette.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *