GRADUATORIE MASCHILI M30 E M35

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Completiamo la graduatorie master italiane del 2007con le ultime due categorie maschili mancanti all’appello, quella per il momento virtuale degli M30 e l’altra effettiva degli M35. Tutti i dati statistici sono contenuti nel file scaricabile in fondo a questa pagina, altrimenti consultabile sulla sinistra di questa pagina alla voce “STATISTICHE MASTER”. Come sempre sollecitiamo chiunque (anche se non direttamente interessato) a segnalare errori o lacune inviando un’email all’indirizzo: werter.corbelli@atleticanet.it (nella foto il podio della staffetta 4×400 M35 ai Mondiali)

Andiamo a leggere la situazione di coloro che in un certo senso vanno considerati le speranze degli anni a venire del nostro movimento master. Ai Campionati Mondiali di settembre ha partecipato un buon numero di MM35 e di seniores assoluti over-35 e finalmente la categoria ha assunto una precisa identità in Italia. Finora essere MM35 significava per i più transitare in una sorta di limbo, in attesa di maturare una condizione più propriamente master. Una bella spinta verso questa nuova dimensione degli over-35 è venuta in particolare dal gruppo dei velocisti azzurri ai Mondiali, con le prove individuali e soprattutto con le staffette. Altro ancora però va fatto. Dagli over-35 si attende di ripetersi nelle prossime manifestazioni internazionali dei master. Dalla F.I.D.A.L. si spera venga finalmente un poco di determinazione e di relativo coraggio per prevedere automaticamente l’ingresso tra gli MM35 per tutti tesserati che hanno raggiunto i 35 anni.

Il Medagliere ai Campionati Mondiali

Oro
M35: Edgardo Barcella – 400 m. (49”90)
M35: 4×400 m. (E. Barcella – L. Lucciola – D. Biffi – M. Poeta) (3'20”43)
M35: Alessandro Di Priamo – Maratona (2°32'34)
M35: Maratona a squadre (A. Di Priamo – R. Brugè – G.L. Legumi)
M35: Cross Country a squadre (A. Di Priamo – L. Bordoni – D. Spina)
M35: Marcia 10 km. a squadre (B. Fredda – L. Paulini – B. Cartoni)
M35: Marcia 20 km. a squadre (R. Defendenti – B. Cartoni – F. Geronimo)

Argento
M35: Mauro Tavella – Alto (1,99)
M35: Moreno Belletti – Giavellotto (66,54)
M35: Gianpaolo Bolondi – Asta (4,65)
M35: Francesco De Santis – Martello (57,65)
M35: Massimiliano Poeta – 400 m. (50”03)
M35: Roberto Defendenti – Marcia 20 km. (1°35'23”)
M35: Roberto Brugè – Maratona (2h37'11)
M35: 4×100 (A. Benatti – D. Biffi – L. Casu – E. Raspi ) (43”08)

Bronzo
M35: Giuseppe Fatuzzo – 800 m. (1'56”18)
M35: Bachisio Faedda – Marcia 10 km (46'55”)
M35: Gianluca Bonanni – 10.000 m. (31'11”95)
M35: Riccardo Baggia – 3.000 siepi (9'28”12)
M35: Gian Luca Legumi – Maratona (2°37'30)

Titoli Euroindoor
M35 – Fernando Fusco – Asta (4,20)

Per comodità schematizziamo in settori di specialità quanto emerge dalle graduatorie M35.

VELOCITA’
LLo scorso anno Antonello PALLA (1970) era stato una spanna al di sopra tutti gli altri velocisti della categoria. Quest’anno ne sono arrivati altri a fargli compagnia ed anche a superarlo. Per lui la stagione si chiude con questi tempi 11”07 – 22”91 – 50”76 e soprattutto ben tre finali individuali ai Campionati Mondiali: 4° nei 100mt., 8° nei 200mt., 5° nei 400mt. Nel 2007 quando non te lo aspetti esplode il bergamasco Edgardo BARCELLA (1970) che dopo una carriera da tennista e un grave infortunio al ginocchio ha prodigiosamente vinto i 400mt. ai Campionati Mondiali con il suo record personale portato a 49”90. Nella finale dei 400mt. oltre ai due già citati erano presenti Massimiliano POETA (1972) finito 2° ad un’incollatura da BARCELLA (con 50”03, nel 2007 però ha 49”27 come best-time), mentre 4° è stato il lombardo-berlinese Daniele BIFFI (1972) con 50”50; quest’ultimo in precedenza anche 5° nei 200mt. con 22”57, miglior tempo stagionale della categoria. Però più ancora di questa finale il vero momento topico è stata la staffetta 4×400 in cui i quattro moschettieri (nell’ordiene di schieramento) Edgardo BARCELLA, Luigi LUCCIOLI, Daniele BIFFI e Massimiliano POETA hanno messo in scena una galoppata trionfale a tempo (3’20”43) di nuova miglior prestazione europea di categoria. Sempre a dimostrazione della straordinaria stagione dei velocisti over-35 a Riccione c’è stata la quasi-vittoria della staffetta 4×100 (con Andrea BENATTI, Daniele BIFFI, Luca CASU, Emiliano RASPI), 2° con 43”08 a tre centesimi dall’oro. Tra questi da evidenziare Andrea BENATTI (1972) che chiude l’anno con tempi di 11”26 e 22”81 e il 7° posto ai Mondiali nei 200mt.

MEZZOFONDO e FONDO
Ai Mondiali questo settore (trascurando la maratona) ha raccolto solamente tre medaglie di bronzo una delle quali è andata a Giuseppe FATUZZO (1972) negli 800mt. con il suo miglior tempo stagionale di 1’56”18. Nella stessa distanza il capofila di categoria è stato il romano Emilio DE BONIS (1970) con l’ottimo crono di 1’55”7m (anche 50”80 sui 400mt.). Per lui però nella finale di Misano solo un onorevole 5° posto. Durante l’anno altra prestazione di rilievo è stata quella del bresciano Stefano AVIGO (1970) con 1’56”72. Le altre medaglie di bronzo sono andate nei 10.000mt. per Gianluca BONANNI (1971) con 31’11”95 e nei 3.000 siepi a Riccardo BAGGIA (1971) con 9’28”12.
I tempi più significativi sul piano strettamente tecnico sono stati ottenuti però da atleti che non partecipano al momento all’attività master, ex-nazionali o ancora con qualche velleità di alto livello, come: Salvatore VINCENZI (1972) nell’anno con crono di 3’57”35 – 8’09”55 – 14’14”01; (1971) con 3’57”56 – 8’38”59 – 14’11”6 – 30’10”01; Michele GAMBA (1972) con 3’52”22; Danilo GOFFI (1972) con 8’24”13 – 29’07”7m; Antonello PETREI (1972) con 29’15”7m; Francesco BENNICI (1971) con 29’38”2m.

OSTACOLI
La specialità non ha beneficiato di particolari risultati generati dai Mondiali Master. Le cose migliori sono state circoscritte nei 110hs al veneto Devis FAVARO (1972, nel 2002 6° ai Campionati Europei Assoluti con 13”59) che ha ripreso con un certo impegno l’attività e ha corso nel tempo di 14”40; nei 400hs a Laurent OTTOZ (1970) che ha di nuovo tentato di recuperare salute e forma ma s’è arenato dopo una sola pregevole uscita conclusa a 50”13.

SALTI
A settembre l’ex-nazionale del salto in alto Mauro TAVELLA (1971) ha voluto cimentarsi nei Mondiali Master rimediando una medaglia d’argento a quota 1,99. Nella stagione però Michele BUIATTI (1970) era andato ancora più su fino a quota 2,01 senza però giocare la carta master; così come l’altro saltatore con un passato di buon livello assoluto Alessandro CANALE (1969) nel 2007 a 1,98. Ai Mondiali c’era invece il piemontese Angelo QUAZZA (1970) rimasto ai piedi del podio con 1,93.
Altra medaglia d’argento dal salto con l’asta per merito di Giampaolo BOLONDI (1970) a Riccione salito fino a 4,65 ma durante l’anno anche a 4,70. Però nelle graduatorie di categorie è preceduto da Giacomo BEFANI (1970) con 5,00 e da Matteo CORINNA (1971) con 4,80i non coinvolti dall’evento master.
Nei salti in estensione in inverno aveva ben impressionato Diego LAMENTI (1972) che d’esperienza era planato nel salto triplo a 15,71. Altre prestazioni degne di essere segnalate quelle di: Stefano TARI’ (1971) con 7,18 nel lungo e 14,59 nel triplo: Eugenio BIASIN (1971) con 7,03 nel lungo.

LANCI
Come nei salti anche dai lanci sono arrivate due medaglie d'argento mondiali: di Francesco DE SANTIS (1968) nel martello con 57,65 (ma 59,08 durante la stagione); del parmigiano Moreno BELLETTI (1970) nel giavellotto con 66,54 (ma 70,49 in stagione). In precedenza DE SANTIS ai Campionati Italiani di Milano era stato capace di migliorare il record di categoria del martellone con un lancio di 17,15.
Per il resto si registrano prestazioni di alto spessore tecnico di lanciatori spesso ancora nel giro della nazionale assoluta ed entrati virtualmente tra gli over-35 ma restii a farsi coinvolgere dagli eventi master, come: Marco DODONI (1972) nel peso durante l’anno a 19,03; l’ex-olimpionico Paolo DAL SOGLIO (1970) a 18,93; l’altro olimpionico il prossimo anno 40enne Diego FORTUNA (1968) ancora nel disco alla notevole misura di 61,43; Giovanni SANGUIN (1969) nel martello a 72,40; nel giavellotto il sammarinese Gabriele MAZZA (1972) a 70,82 e Paolo VALT (1972) a 70,46.

MARCIA
Il nostro miglior marciatore over-35 nell’anno trascorso è stato il 39enne Roberto DEFENDENTI (1968) giunto 2° nella 20 Km. su strada ai Mondiali Master con il bel crono di 1°35’23”; nell’anno anche a 21’16”70i nei 5.000mt. e a 43’30”2m nei 10.000mt. su pista. Senza medaglie ai Mondiali (4° nella 20 Km.) e comunque su buoni livelli cronometrici è stato Bernardo CARTONI (1969) che ha segnato 22’59”5m e 1°40’06”.

I PRE-MASTERS
Della categoria virtuale degli MM30 fanno parte un buon numero di atleti ancora appartenenti al circuito della nazionale assoluta, come i velocisti: Maurizio CHECCUCCI (1974) con tempi di 6”77 e 10”37 nel 2007; Francesco SCUDERI (1977) con 10”40 e 21”21; Stefano BRACIOLA (1975) con 21”38 e 46”26; Marco SALVUCCI (1976) con 46”86. Oppure mezzofondisti come Andrea LONGO (1975) con 1’47”04 nel 2007 e Angelo IANNELLI (1976) con 13’55”55 – 29’25”4m – 8’26”96. Gran parte dei migliori specialisti dei 110 come Andrea ALTERIO (1973) con 13”81, Andrea GIACONI (1974) con 13”84 ed Emiliano PIZZOLI (1974) con 14”05.
Nei salti si annoverano tra gli over-35 i gemelli Nicola e Giulio CIOTTI (1976) entrambi a 2,27 nell’alto; l’astista Davide BRESSAN (1975) a 5,25; soprattutto Fabrizio DONATO (1976) con misure di 8,02i nel lungo e di 16,97/17,06w nel triplo, perdippiù campione italiano assoluto; con a ruota i lunghisti Francesco AGRESTI (1977) a7,74i/7,81w e Nicola TRENTIN (1974) a 7,70/7,91w, più il triplista Paolo CAMOSSI (1974) ancora a 16,59.
Nei lanci due su quattro campioni italiani assoluti di specialità sono over-30: il pesista Paolo CAPPON (1976) con 19,01 ed il martellista Nicola VIZZONI (1973) con 78,21 durante il 2007. Senza dimenticare i discoboli Cristiano ANDREI (1973) con 59,47 e Stefano LOMATER (1974) con 58,05; e l’altro martellista Pellegrino DELLI CARRI (1976) con 72,06.
Infine nella marcia sono già oltre la trentina: il campione olimpico Ivano BRUGNETTI (1976) quest’anno con l’eccellente 1°19’36” nei 20 Km., ma deludente ai Campionati Mondiali di Osaka; il bravo ma boicottato Marco GIUNGI (1975) con 1°21’41”6 nei 20 Km. su pista; Diego CAFAGNA (1975) a 3°55’21” nei 50 Km.

Come già fatto per le donne segnaliamo i prossimi atleti di un certo spessore tecnico che dal 2008 saranno 35enni e quindi teoricamente master, come: Maurizio LEONE nel 2007 a 14’14”14 nei 5.000mt.; nei 110 ostacoli Andrea ALTERIO con 13”81; nel salto in alto Alessandro CONTI con 2,07; il decatleta Marzio VITI con 6.888 punti nel 2007; il saltatore Mario BORTOLOZZI con 7,20 e 15,41; il discobolo Cristiano ANDREI con 59,47; il martellista Nicola VIZZONI con 78,21; il marciatore Alessandro GANDELLINI con 1°24’28” nel 2007.

fonte: Fidal-Atleticanet

ALLEGATO: ANet_news_Grad._M30-M35_2007_24.12.2002.pdf (195 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *