DOMANI SI CORRE “IL CAMPACCIO”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Prenderà il via nella mattinata di domani una delle classicissime del cross nazionale ed europeo: il Campaccio. Anche per quest’anno al via i migliori specialisti europei della specialità, primo tra tutti il fresco campione europeo di cross, Sergey Lebid che correrà in casa in quanto da anni è l’orgoglioso portacolori di uno dei team civili più attivi nel campo del mezzofondo, il Running Team Cover Mapei di Verbania.

E’ dal 1957 che la tradizione si ripete, allora fu Adolfo Consolini a dare l’avvio alle gare ma il Campaccio non perde la sua bellezza. Anche quest’anno i migliori atleti italiani e un nutrito gruppo di atleti stranieri si daranno battaglia per i prati si S. Giorgio sul Legnano. Nonostante il picco dello scorso anno (era il 50° anniversario) con l’organizzazione del Campionato Europeo di Cross, quest’anno ci saranno comunque motivi per seguire con attenzione le gare.
Per gli uomini prenderanno il via diversi atleti a cui fare attenzione. Si parte con Sergey Lebid, sette volte campione europeo di specialità. Esperienza da vendere e un ritrovato smalto dopo la prova opacha dello scorso anno. A fargli compagnia il keniano Moses Mosop, attuale vice-campione del mondo di cross e Soi, altro africano di lusso che pochi giorni fa ha corso e vinto un’altra classicissima, la Boclassic di Bolzano. Anche gli azzurri saranno tutti pronti sulla linea di partenza. Per darsi battaglia e ben figurare tra gli oltre 50 concorrenti delle diverse nazioni europee ed africane. Da tenere d’occhio gli atleti delle Fiamme Gialle De Nard, Scaini e Gualdi con un’attenzione particolare a Scaini che, pur se giovane potrebbe trovarsi a particolare agio per la tipologia del percorso. Ancora per l’Italia, Leone e Goffi per i Carabinieri, Iannelli per le Fiamme Azzurre e Ruggiero per la Forestale.

In campo femminile, l’atleta da battere è anch’essa la portacolori del Running Team Cover Mapei e si tratta della magiara Aniko Kalovics che dovrà vedersela, prima tra tutte con l'ucraina Tatyana Holovchenko. Per l’Italia, anche qui con una rappresentanza estremamente nutrita, ci saranno Weissteiner e Tschurtschenthaler, entrambe della Sv Sterzing, la Romagnolo, la Sicari, la Rinicella e la Dal Ri per il C.S. Esercito insieme a diverse altre atlete come Michalska, Rungger e Desco.

Interessante monitorare anche gli azzurri e le azzurre della U23 che correranno di fatto un pentagonale contro le nazioni di Ungheria, Svizzera, Portogallo e Francia. Mancano certo le formazioni europee più blasonate del cross e del mezzofondo in genere ma di certo sarà l’occasione per testare i nostri giovani atleti in vista di appuntamenti di maggiore rilevanza.

Le gare, organizzate come sempre dalla U.S. Sangiorgese prenderanno il via alle ore 10 con le categorie giovanili per arrivare al clou della manifestazione poco dopo le 14 con la partenza delle due gare assolute, maschili e femminili. La Rai con la terza rete e il canale satellitare fornirà della gara un’ampia sintesi durante il pomeriggio di sabato.

SI CORRE ANCHE A BELFAST
Cross di lusso anche a Belfast per il Belfast International Cross Country. La sfida degli ultimi due anni si rinnova con tutto il suo vigore. Sia il vincitore del 2007, Moses Kipsiro che Patrick Makau, il terzo arrivato (dietro di soli 5”) saranno presenti sulla linea di partenza di questo cross. Ci sarà anche il vincitore dell’edizione 2006 il keniano Barnabas Kosgei che dovrà rintuzzare ancora una volta gli attacchi del solito Kipsiro che in quell’edizione di due anni fa giunse secondo ad un solo … secondo. Da rilevare anche che, nonostante Kipsiro e Kosgei siano i favoriti, il 22enne Makau, nell’ultimo anno ha avuto miglioramenti strabilianti tanto da correre la mezza maratona di Berlino in 58’56. Gli altri atleti sono avvisati!

Buona anche la partecipazione al femminile dove le migliori sono praticamente delle teenagers. L’atleta di punta risulta essere l’ appena diciottenne (festeggiati il mese scorso) Linet Masai del Kenia che forte del titolo di campione del mondo junior e di un 14’55 sui 5000 correrà per vincere. A lei si opporrà l’altra giovanissima, l’inglese Stephanie Twell che abbiamo visto raggiungere il titolo europeo juniores non più tardi di alcune settimane fa. A fare da contrappeso a tanta gioventù, da tenere presente per le medaglie la 34enne inglese Hayley Yelling.
(fonte: Steve Landells IAAF)

fonte: U.S Sangiorgese / Foto: www.runningteamco-vermapei.it
fonte foto: www.runningteamco-vermapei.it

ALLEGATO: ANet_news_Elenco_iscritti_4.1.2008.zip (90 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *