UN GRANDISSIMO BEKELE VINCE ANCORA IL “GREAT EDINBURGH CROSS COUNTRY”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Il campione olimpico dei 10000, l'etiope Kenenisa Bekele, ha vinto ancora. Sul percorso dei 9,3 km del BUPA Great Edinburgh Cross Country, l'africano si è imposto su Zersenay Tadesse e Eliud Kipchoge dopo una voltata tiratissima.

Ancora 27 minuti e 42 secondi per vincere la terza edizione consecutiva di questo affascinante cross. I due avversari gli sono arrivati alle spalle con un solo secondo di ritardo. Per l'etiope non è solo una vittoria ma anche un'iniezione di fiducia per il mondiale del 30 aprile che si terrà sempre ad Edimburgo.

Di umore totalmente diverso è l'eritreo Tadese che è stato battuto davanti a più di 200 tifosi eritrei arrivati nella città scozzese per tifare per il loro beniamino. Una tattica iniziale fin troppo cauta forse per paura del ghiaccio sul percorso ha relegato l'atleta nelle retrovie per una lunga parte della competizione.

Terzo posto per Kipchoge che ha condiviso con Tadese lo stesso tempo d'arrivo ma non lo stesso umore. Kipchoge ha dichiarato che nonostante il freddo, la corsa ha rappresentato per lui una buona esperienza. Da tenere d'occhio in prospettiva futura il quarto arrivato Joseph Ebuya forte dei suoi vent'anni e di un personale sui 5000 ben al di sotto dell'eccellenza dei 13 minuti. Anche per lui, nonostante la quarta piazza, lo stesso tempo del secondo e del terzo!

La gara si è decisa negli ultimi due giri quando Kipchoge guidava il gruppo di testa formato dallo stesso Kipchoge, Ebuya, Bekele, Tadese e l'americano Ritzenhein. A quel punto Tadese premeva decisamente sull'acceleratore facendo staccare l'americano. Al suono della campana dell'ultimo giro il quartetto viene scosso da un attacco di Tadese che utilizza una parte in discesa per cercare di fare il vuoto ma Bekele rimane incollato all'avversario. Di altra natura l'attacco successivo dello stesso Bekele che rompe gli indugi con un finale inarrestabile che lo porta a tagliare il traguardo davanti a tutti.

Per la gara femminile, prima sul traguardo è l'etiope Burka che ha la meglio sulla giovane e fortissima Liniet Masai. Quindici i secondi di vantaggio all'arrivo e una forte ipoteca per la vittoria del titolo mondiale del 30 marzo. La vittoria della Burka è ancor più di valore se si pensa che l'estate scorsa è stata condizionata da gravi problemi al tendine di achille che hanno fatto perdere all'atleta circa 3 mesi di lavoro.
La gara si è sviluppata su un primo giro che ha visto al comando la giovanissima Stephanie Twell fresca di titolo europeo di cross ma ben presto la Burka ha iniziato ad incrementare il ritmo aprendo un buco di circa 10 metri tra lei e la Masai che si è trascinata dietro anche la connazionale Cheruiyot. Sul traguardo, con i giochi fatti per le prime due posizioni si è assistito ad uno sprint per la terza piazza vinto dalla Keniana Cheruiyot.

In precedenza si era corsa una gara nazionale di 4,4km che ha visto il successo di Andy Baddeley già finalista dei 1500 ai mondiali di Osaka.

Risultati uomini
1. K Bekele (ETH) 27:42
2. Z Tadese (ERI) 27:43
3. E Kipchoge (KEN) 27:43
4. J Ebuya (KEN) 27:43
5. D Ritzenhein (USA) 27:56
6. J Torres (USA) 28:14

Risultati donne
1. G Burka (ETH) 19:58
2. L Masai (KEN) 20:13
3. V Cheruiyot (KEN) 20:34
4. S Twell (GBR) 20:34
5. A Kalovics (HUN) 20:38
6. L Yelling (GBR) 20:40

fonte: IAAF / Foto: Simone Proietti – Atleticanet
fonte foto: Atleticanet – Simone Proietti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *