IL RITIRO DI ANA GUEVARA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Un altro ritiro eccellente, a pochi giorni dall’abbandono della saltatrice in alto Kajsa Bergqvist. Questa volta a lasciare è la quattrocentista messicana Ana Guevara, di fatto la migliore al mondo dal 2001 al 2003. Per Ana Gabriela Guevara, nata a Nogales il 04/03/1977, è un ritiro polemico essendo in aperto contrasto con il Presidente della Federazione Messicana Teijera e con la sua gestione ritenuta lacunosa e dannosa per gli atleti. Dunque nessuna scelta di vita e nemmeno problemi fisici sono alla base di tale decisione.

La prima apparizione di un certo rilievo nel proscenio internazionale della Guevara avviene ai Mondiali di Siviglia1999, dove giunge alle semifinali. Nello stesso anno si impone ai Panamericani di Winnipeg (Canada) con il tempo di 50″91. A Sydney2000 la prima esperienza olimpica: il risultato è un confortante quinto posto con il tempo di 49″96, in una delle gare più emozionanti dei Giochi, nella quale ricordiamo ancora l’apoteosi della Freeman, atleta di casa, in 49″11. L’anno successivo ai Mondiali di Edmonton coglie la medaglia di bronzo: sul podio 1.Mbacke Thiam (Sen) 49″86, 2.Fenton-Graham (Jam) 49″88, 3.Guevara (Mex) 49″97.

Nel 2002 si impone nel circuito dei grandi meetings internazionali del Grand Prix/Golden League, vincendo la finale di Parigi in 49″90 superando la giamaicana Fenton e la statunitense Miles-Clark e corona la stagione primeggiando anche a Madrid in Coppa del Mondo dove ottiene due successi quale rappresentante delle Americhe. Vince i 400m. in 49″56 e la staffetta del miglio (3:23.53) con le compagne Richards/Jam,Pernìa/Cub,Amertil/Bah.

L’anno migliore della sua carriera è il 2003: a Parigi conquista il titolo di campionessa del mondo correndo in 48″89, che rimarrà il suo primato personale, posizionandola fino ad oggi nella all-time di specialità al nono posto. Sempre nel 2003 rivince a Santo Domingo i Panamericani. Alle Olimpiadi di Atene2004, deve inchinarsi, seppure di poco, alla bahamense Tonique Williams-Darling, olimpionica in 49″41. Per Ana Guevara arriva l’argento con il tempo di 49″56.

L’ultima medaglia di valore ai Mondiali di Helsinki2005: coglie il bronzo alle spalle della Darling e della Richards. Salvo improbabili ripensamenti, il quarto posto ai Mondiali giapponesi di Osaka l’estate scorsa rimarrà l’ultimo risultato di valore in una grande competizione internazionale. Nel ranking della rivista statunitense “Track and Field” ha ottenuto per ben tre volte il primo posto quale migliore quattrocentista dell’anno: esattamente nel 2001,2002 e 2003.

fonte: Ansa
fonte foto: jerez.com.mx/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *