NEL CROSS DI SIVIGLIA VINCE KIPSIRO, ANCORA BEFFATO TADESE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

E' L'ugandese Moses Kipsiro il vincitore del “26° Cross Internazionale de Italica” andato in scena oggi in terra spagnola in quel di Siviglia e valido come 6^ prova della IAAF Cross Country Permit Series.
Ancora battuto e ancora allo sprint il campione del mondo di cross in carica, l'eritreo Zersenay Tadese;
come sette giorni fa per opera di Bekele ad Edimburgo, l’iridato di cross oggi si è dovuto inchinare al giovane 21enne ugandese, primo vincitore non etiope delle ultime cinque edizioni del cross iberico, disputatosi in una giornata soleggiata e con temperature quasi primaverili a sfiorare i 20°C.
Un altro candidato si aggiunge prepotentemente alla lotta per le medaglie ai Campionati Mondiali di Edimburgo del prossimo 30 marzo, una lotta che si profila, come da tradizione, tutta africana.

L'iridato ha trovato solo Kipsiro a tenergli testa già nei primi kilometri di gara, con alle spalle un gruppetto a inseguire a una decina di secondi.
Il vantaggio è aumentato nel corso dei giri seguenti sugli inseguitori guidati dal keniano Komon a 15 secondi, staccatissimi gli altri, l’argento di Mombasa Kiprop a oltre 30 secondi, il miglior europeo Martinez a ridosso del minuto.
Nessuno dei due contendenti a prendere l'iniziativa, si è giunti così alla volata finale dove a prevalere di pochissimo è stato il giovane ugandese, con un Tadesse che pur uscendo sconfitto rimane sempre l'uomo da battere anche se oggi ha recriminato molto sul finale e sul fatto di non aver provato a staccare prima il suo avversario.
Dietro al duo di testa, terzo posto per il 20enne keniano Komon davanti al connazionale Kiprop Kipyego e al rappresentante dello zimbabwe Nyasango a completare la top 5.
In campo europeo, lotta tutta spagnola con gli atleti di casa Chema Martinez, decimo a spuntarla su un
Juan Carlos de la Ossa in ripresa.

Venendo alla gara femminile, dopo le prime fasi di studio a gruppo compatto, a uscire allo scoperto è la keniana Jepleting con uno scatto perentorio, seguita solo dall'etiope Yimer a formare un duo che prende alcuni secondi di vantaggio sulla russa Konovalova e la keniana Kibiwott.
A metà gara rompe nuovamente gli indugi con un'altra variazione di ritmo, la Jepleting
( argento ai Mondiali di Fukuoka 2006 nel cross corto) a prendere trenta metri di vantaggio e andando
a vincere controllando sulla russa Konovalova, seconda in forte rimonta sulla Yimer, giunta terza.
Staccate di oltre 30 secondi le keniane Kibiwott e Jepkorir, prima europea la sempre presente ungherese Kalovics giunta sesta.
Delusione per il pubblico iberico che si aspettava grandi cose dalla
neo-campionessa europea Marta Dominguez, l'iberica mai in lotta per le posizioni di testa è giunta dodicesima, battuta anche dalla connazionale Aguilar.

Risultati Uomini
(10.8km):

1. Moses Kipsiro (Uganda) 31:01
2. Zersenay Tadese (Eritrea) 31:01
3. Leonard Komon (Kenya) 31:21
4. Bernard Kiprop Kipyego (Kenya) 31:25
5. Cuthbert Nyasango (Zimbabwe) 31:30
6. Tola Tadese (Ethiopia) 31:35
7. Michael Kipyego (Kenya) 31:58
8. Thomas Longosiwa (Kenya) 32:00
9. Yonas Kifle (Eritrea) 32:06
10. Chema Martínez (Spain) 32:25

Risultati Donne
(8km):

1. Priscah Jepleting (Kenya) 25:49
2. Mariya Konovalova (Russia) 25:52
3. Wude Ayalew Yimer (Ethiopia) 26:01
4. Viola Kibiwott (Kenya) 26:30
5. Eunice Jepkorir (Kenya) 26:45
6. Aniko Kalovics (Hungary) 26:56
7. Workitu Ayanu (Ethiopia) 27:06
8. Veronica Nyaruai Wanjiru (Kenya) 27:10
9. Hanane Aouhaddou (Morocco) 27:13
10. Alessandra Aguilar (Spain) 27:27

fonte: IAAF
fonte foto: Eckhard Pecher

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *