PARATA DI STELLE AL RUSSIAN WINTER

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Conferme e sorprese al Russian Winter, uno degli appuntamenti classici di inizio stagione indoor giunto alla sua 17ma edizione. Il meeting è stato anche occasione per premiare Tatiana Lebedeva come atleta Russa dell’anno. La fortissima saltatrice ha confermato che quest’anno salterà la stagione indoor per concentrarsi solo sulle prossime Olimpiadi. Spalti gremiti e affannosa ricerca di biglietti da parte degli appassionati all’esterno dell’arena, segno che l’atletica se è proposta nei modi giusti è sempre uno sport spettacolare.

Le gare sono quindi iniziate nel segno di Yelena Soboleva che ha stabilito il nuovo record nazionale sul miglio. La Soboleva che aveva annunciato l’attacco al record della Zadorozhnaya si è ora portata al terzo posto delle graduatorie all time sulla distanza. Il suo tempo 4:20”21, con la seconda classificata Olga Komyagina dietro di 3 secondi.

La gara del salto in alto uomini era una delle più attese del programma, visti I progressi dei saltatori di casa nelle prime uscite della stagione. Andrei Silnov ha vinto con 2,36 davanti a Yaroslav Rybakov (2,30), terzo l’americano Williams a 2,27. Silnov ha anche tentato I 2 metri e 40 sbagliandoli di pochissimo. Il suo 2,36 eguaglia la miglior prestazione stagionale stabilita dal suo connazionale Ivan Ukhov qualche giorno fa.

Lungo femminile con Irina Simagina che si conferma con un bel salto a 6,92 davanti alla sempreverde Tatiana Kotova con 6,75 all’ultimo salto. In questa gara si messa in mostra anche la diciassettenne Darya Klishina che è arrivata sesta con un ottimo 6,44. La giovanissima lunghista russa è stata indicata da Tatiana Lebedeva come il futuro della specialità. Da segnalare che la Simagina si conferma leader mondiale stagionale dopo il 6,94 di due settimane fa sempre a Mosca.

Fra gli uomini vittoria per l’ucraino Volodymyr Zyuskov con 8,02 davanti a Ruslan Gataulin a 8 metri esatti.

Sempre in campo maschile vittoria negli 800 per l’idolo di casa Yuriy Borzakovskiy. La gara aveva un significato particolare per la presenza del fortissimo Keniano Wilfred Bungei alla quale Borzakovskiy teneva particolarmente vista l’amicizia che li lega da molti anni ed I problemi che stanno affliggendo il Kenya ultimamente. Ottimo il tempo del russo (campione olimpico in carica ndr.) che con 1’46”78 fa segnare la migliore prestazione mondiale stagionale; secondo Bungei con 1’47”52, terzo un altro giovane russo Yuriy Koldin.

Nella velocità maschile ottimo esordio stagionale del nigeriano Olusoj Fasuba che ha vinto I 60 con 6”56 davanti all’idolo di casa Andrei Yepishin a 6”67 e allo sloveno Osovnikar con 6”73. Più serrata la lotta nei 60 femminili con Svetlana Nabokina vincitrice con un ottimo 7”16 davanti alla specialista Yevgeniya Polyakova seconda ad un centesimo. Per entrambe le velociste prestazioni da leadership mondiale stagionale.

Nei 200 femminili buon 23”31 della rivelazione Anna Geflikh mentre nei 400 uomini ha vinto Maksim Dyldyn con un ottimo 46”32.

Altri risultati: Salto con l’asta uomini 1° Lukyanenko (RUSSIA) 5,85, 2° Mazurik (Ucraina) 5,75, 3° Gerasimov (RUSSIA) 5,75. 60 Hs maschili 1° Peremota (RUSSIA) 7”59, 2° Borisov (RUSSIA) 7”66, 3° Olijars (Lettonia) 7”73. 600 Femminili : 1° Firova 1’25”23, 2° Ignatova 1’26”53.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *