ANNA INCERTI E WILSON KIPROP DOMINANO LA 34 CORRIDA DI SAN GEMINIANO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Anna Incerti delle Fiamme Azzurre, in una forma smagliante, domina la 34ª Corrida di San Geminiano stracciando il record della manifestazione e vincendo con il tempo di 42’28” dietro di lei si classifica Maraoui Fatna del gruppo sportivo dell’Esercito con il tempo di 44’22”, terza un indomita Gloria Marconi della Calcestruzzi Excelsior con 45’36”.

Nella gara maschile il podio è andato al duo keniano formato da Wilson Kiprop 38’12”che è riuscito negli ultimi metri di gara a superare Peter Muriuki Nderitu 38’15”, quest’ultimo dopo aver tenuto la testa della gara per buona parte di essa, non è riuscito a contrastare il tremendo rush del suo connazionale negli ultimi metri.

Alle loro spalle sì è classificato l’ugandese Kipkemei Wilson Busienei, portacolori della Quercia Rovereto, con il tempo di 38’24”, primo degli italiani è stato un coraggioso Denis Curzi, l’atleta dei carabinieri Bologna è riuscito per buona parte della gara a rimanere in contatto con i primi, ma ha dovuto cedere al ritmo incalzante del drappello dei corridori africani, chiudendo con il tempo di 39'42”, dietro di lui al nono decimo ed undicesimo posto gli altri tre componenti dei carabinieri Bologna: Alberico De Cecco 40’28”; Domenico D’Ambrosio 40’31”; Matteo Villani 40’41

Anna Incerti dopo uno stage in Namibia è pronta a breve a ritornare nel paese africano per rifinire la sua preparazione. Oggi intervistata ci ha commentato che ha volutamente fatto una gara molto veloce in previsione della maratona di Treviso, dove secondo indiscrezioni dovrebbe definire la sua posizione con il minimo olimpico che è di 2 ore e 29.
Fatna Maraoui ha cercato di tenere il ritmo della Incerti ma poi ha capito che non poteva tenere il suo passo, l’atleta del G.S dell’Esercito al momento sta preparando gli italiani di campestre, sia i societari che gli individuali con la previsione di un'ottima prova ai mondiali di cross.

La toscana, Gloria Marconi è abbastanza soddisfatta del suo ennesimo podio alla Corrida di San Geminiano, ci ha ricordato di come è stata per ben due volte seconda arrivando un anno ad essere battuta dalla campionessa del mondo dei 3000 siepi, Docus Inzikuru (2003) negli ultimi metri della gara, mentre l’anno dopo riuscì a conquistarne il podio, quest’anno dopo un paio di mesi in cui sì è allenata pochissimo è più che soddisfatta del piazzamento.

Oltre la sfida sportiva è da sottolineare la storia personale dei primi due keniani, Wilson Kiprop e Peter Muriuki Nderitu, entrambi delle due etnie in lotta in questi giorni nel loro paese, ma entrambi legati da una speciale amicizia che va oltre l’odio che infiamma in questi giorni il Kenia. In particolare Wilson Kiprop proveniente da Eldoret, il luogo dove sì sono riscontrati il maggior numero di scontri e di morti, nella regione della Rift Valley, ha messo in evidenza i suoi timori per ritornare nel suo paese natio, ed il fatto di non sapere dove andare, sottolineando le sue paure per la sua incolumità. Entrambi gli atleti hanno espresso il desiderio che la pace ritorni presto in Kenia.

Ordine d’arrivo 34ª Corrida di San Geminiano km 13.350.

Prova maschile
Wilson Kiprop Kenia 38.12
Peter Muriuki Nderitu Kenia 38.15
Kipkemei Wilson Busienei Quercia Rovereto 38.24
Alfred Sang Kenia 38.55
David Ngney Cheruiot Kenia 39.24
Julius Too Kenia 39.25
Denis Curzi C.S. Carabinieri Bologna 39.42
John Kiplagat Sawe Kenia 40.04
Alberico De Cecco C.S. Carabinieri Bologna 40.28
Domenico D’Ambrosio C.S. Carabinieri Bologna 40.31
Matteo Villani C.S. Carabinieri Bologna 40.41

Prova femminile
Anna Incerti Fiamme Azzurre 42.28
Fatna Maraoui G.S Esercito 44.22
Gloria Marconi Calcestruzzi Corradini 45.36
Melissa Pretti Cover 46.33
Laura Ricci Calcestruzzi Corradini 48.75
Veronica Chiusole U.S Quercia Rovereto 50.50

fonte: Fratellanza 1874
fonte foto: Gino Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *