I MIGLIORI RISULTATI DEI CAMPIONATI NAZIONALI INDOOR DEL RESTO D’EUROPA – PARTE 1

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Nel fine settimana si sono disputati i Campionati Nazionali in molti Stati Europei, così come in Italia. Riportiamo i migliori risultati dalle varie sedi con accenno anche ai Campionati Statunitensi di Boston.

Il primo posto lo merita la Germania; a Sindelfingen si sono viste gare di ottimo livello, nettamente superiore a quello italiano. Grande gara dei 60m maschili dove la spunta Unger con 6″62 su Broening, '83 da 6″60 in batteria. Il sesto ha corso in 6″71. Nei 200m ottimo 21″00 del semi-sconosciuto 23enne Stefan Khulee. Ottima gara di 800m con molti specialisti al via, regolati in volata dal giovanissimo Robin Schembera, classe '88, che ha dato mezzo secondo al redivivo ex
campione olimpico Nils Schumann (1'49″73). Nei 1500m bene Schlangen con 3'38″47 davanti a Lohse, secondo in 3'39″60. 3000m dominati dal campione europeo dei 10000m, Ian Fitschen, che chiude in 7'54″43. Eccellenti anche i 60hs con scontata vittoria di Blaschek in 7″58 sui giovanissimi Balnuweit ('88) in 7'68 e John ('86) in 7'70. 2.28m nell'alto per Onnen davanti al 19enne Spank in 2.25m mentre Lobinger primeggia nell'asta con 5.80m; secondo a pari merito Ecker e 5° con il nuovo record nazionale indoor junior a 5.60 il 18enne Holdzeppe. Bene anche Stolz nel lungo con 7.91 e discreto l'eterno Friedek nel triplo, primo in 16.44m. Pregevole anche il 20.23m nel peso di Peter Sack.
In campo femminile eccellente 7″23 nei 60m piani della 22enne Verena Sailer e soprattutto grande 2.01m nell'alto di Ariane Friedrich. Ottima la gara di asta con vittoria a sorpresa di Julia Hutter con 4.60m davanti ad Anna Battke con 4.50m. Bella anche la vittoria nel peso della 21enne Denise Hinrichs in 18.81m davanti alla più esperta 23enne Petra Lammert in 18.63.

A Kiev, in Ucraina, si mettono in evidenza soprattutto i giovani 60isti. Vittoria in 6″65 del 21enne Bodrov davanti all'esperto Hlushchenko in 6″67 e al giovane Bublyk sempre in 6″67 (6″66 in batteria). Ottimo anche il 46″63 nei 400m di Myhaylo Knysh, record nazionale. Bene Demyaniuk a 2.28m nell'alto sul talento Nartov a 2.25m e buona gara anche nel lungo con Zyuskov a 7.96m e nel triplo con la promessa
Kuznyetsov a 16.83 davanti a Yastrebov con 16.81m. Nel peso ottimo 20.04m dell'eterno Bilonog sul giovanissimo juniores Savytskyy che si migliora fino a 18.46m. Tra le donne 7″36 della giovane Stuy (19enne) nei 60m e tre sub-24 nei 200m. Eccellente gara dei 400m con le migliori specialiste al via e vittoria della altissima Yefremova in 52″33 sulla Phyhda in 52″35. Terza la Karandyuk con 52″52. Negli 800m spettacolo con il 2'00″25 della Petlyuk (sconfitta però nei 1500m per pochi centesimi con il nuovo PB a 4'10″91) e altre tre sotto i 2'03″41. Nei salti bel lungo con il 6.60m della Stadnyuk sull'epthatleta Blonska, seconda in 6.50m e ancor meglio il triplo con la vittoria della Saladuha in 14.53m sulla Mamyeyeva in 14.17m.

In Polonia a Sopot vittoria nei 60m per il favorito Lukasz Chyla in 6″62 ma 6″59 corsi in batteria. Nei 200m ritorno di Marcin Urbas (terzo bianco di sempre nei 200m outdoor) con 21″05 e negli 800m vittoria di un soffio di Czapiewski sul giovane Dabrowski poco sopra l'1'49. Bella la doppietta di Nowitzki nei 1500m (3'42″68) e nei 3000m (8'05″67). Ancora buon 7.92 di Starzak nel lungo, 16.61m di Kruhlik nel triplo e gran bordata di Majewski nel peso a 20.51m. Tra le donne buon 7″34 nei 60m della Korczynska e bel 23″75 della 22enne Marta Jeschke nei 200m. Bene anche la Karpiesiuk nei 400m con 53″15 e la Setowska che vince facile gli 800m. Nell'asta grande 4.70 di Monika Pyrek sulla Rogoeska, fermatasi a 4.55m.

In Croazia doppietta per il 24enne Jurica Grabusic, che fa suoi i 60m piani in 6″71 e i 60hs in 7″78. Stessa doppietta anche tra le donne con la 23enne Andrea Ivancevic che vince i 60m piani in 7″33 e i 60hs in 8″29. Strepitoso il successo nel lungo dell'allievo Dino Pervan in 7.57m.

Ai campionati ungheresi di Budapest meritano la citazione il 48″04 nei 400m dell'allievo primo anno (classe '92) Marcell Deak-Nagy e il 53″75 della Listar nella prova femminile.

In Slovacchia 1'48″63 in solitudine di Pelikan negli 800m e test nei 400m dell'800ista Repcik con 48″04. Gittate a 19.76m per Haborak e 19.73 per Konopka nel peso, mentre in Finlandia a Joensuu vittoria per Haggblom in 19.92m.

Edizione sottotono dei campionati degli Stati Uniti d'America. Menzione speciale per i primi 3 dei 60m: Rodgers, Dixon ed Edwardrs; per loro nell'ordine 6″54, 6″56, 6″57. Stesso discorso per i primi 3 del peso: Cantwell, Hoffa, Nelson; per loro rispettivamente 21.51m, 21.40m, 21.25m. Spettacolari gli 800m con Robinson che la spunta di un centesimo sul bianco Symmonds (1'46″95 per il primo). Grande Oliver a 7″47 nei 60hs sul mai domo Allen Johnson, sempre in crescita prima dei grandi appuntamenti, che si migliora con 7″53 (si intende chiaramente per quest'anno). Bello il 2.30m di Andra Manson nell'alto e il 5.70m di Walker nell'asta così come il 16.91m di Wilson nel triplo. In campo femminile benissimo la Williams con 7″11 nei 60m, davanti ad altre 3 tra 7″21 e 7″22. Nei 400m vittoria fuori pronostico per la semi-sconosciuta Shareese Woods in 52″05, che precede le note Robinson (52″33) e Wineberg (52″36). Buon 7″88 di Lolo Jones nei 60hs davanti alla nuova Candice Davis (7″90). Nell'asta ancora bene la Stuczinsky a 4.70m.

fonte: tilastopaja.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *