AL VIA I CAMPIONATI MONDIALI INDOOR

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Terza edizione dei Mondiali master al coperto (17-22 marzo) dopo l'edizione inaugurale di San Sebastian nel 2004 e Linz nel 2006. I numeri ufficiali sono nettamente superiori al passato: 3.625 iscritti, per 6.781 atleti-gara, da 59 nazioni. I master italiani iscritti sono 319 e rappresentano il quarto raggruppamento per nazione. Dopo l'ubriacatura di medaglie Riccione 2007 sarà l'occasione per dimostrare che la nostra atletica master ha consolidato una dimensione internazionale di vertice nel movimento mondiale. Difficile fare previsioni su titoli e medaglie, che comunque dovrebbero essere un totale cospicuo..

A ben vedere questi Mondiali indoor saranno soprattutto una questione europea dato che a questo continente appartengono 3.338 iscritti (il 92,1% del totale). Sarà in particolare l'occasione per trovare gloria tra i master transalpini iscritti in massa (1.267 e quindi il 35% del totale). E' una situazione che si ripete in ognuna di queste manifestazioni, dove gli atleti di casa sono stimolati a tutti i livelli di capacità agonistica a partecipare. Secondo gruppo per consistenza è quello della Germania con 383 iscritti (10,6%), tutto sommato in misura proporzionalmente inferiore al passato. Il gruppo della Spagna invece ha numeri superiori al solito con 334 iscritti (9,2%). Poi l'Italia con 319 (8,8%) e la Gran Bretagna 285 (7,9%). Primo gruppo extraeuropeo quello degli Stati Uniti con 132 iscritti (3,6%), naturalmente molto agguerrito, molto selezionato, composto da numerosi “professionisti” dell'atletica master. Infine per rendere l'idea della composizioni continentali sono da citare questi numeri residuali di iscritti: 173 da America del Nord e Centrale, 56 dall'Africa, 26 dal Sud America, 18 dall'Oceania e 14 dall'Asia.

Guardando tra le lista dei nostri atleti potremmo azzardare qualche, per così dire, speranza molto concreta. Portabandiera virtuale dovrebbe essere Enrico SARACENI, che si spera libero da remore per la recente infiammazione tendinea. E' favorito su 200 e 400 metri. Visto ad Ancona sui 60 metri, si può credere che con una buona partenza anche su questa distanza possa agguantare negli ultimi metri la vittoria. Inoltre sarà il leader di una 4×200 molto agguerrita. Insomma potrebbe tornare da Clermont-Ferrand come l'atleta immagine della manifestazione.

Altri candidati alla vittoria saranno, se presenti: tra gli M40 Giorgio GENNARI-LITTA (1.500 mt.) e Roberto BONVICINI (lungo); tra gli M45 Marco SEGATEL (alto) e Giancarlo D'ORO (60 mt.); tra gli M60 Konrad GEISER (800 e 1.500 mt.); tra gli M65 Lamberto BORANGA (lungo e triplo); tra gli M70 Giorgio BORTOLOZZI (triplo); tra gli M75 Enzo AZZONI (60 ostacoli), tra gli M85 Bruno SOBRERO (60 mt., 60 ostacoli e pentathlon); tra le W35 Roberta BUGARINI (alto) e Patrizia ALETTA (martellone); tra le W40 Milena MEGLI (marcia), Elisa Neviani (triplo), Tiziana PICONESE (alto); tra le W45 Carla FORCELLINI (asta); tra le W55 Lucia SORANZO (1.500 e 3.000 mt.); tra le W65 Brunella DEL GIUDICE (martellone); tra le W90 Gabre GABRIC (peso e disco). Ci scusino anticipatamente coloro che si ritengono esclusi da questa lista, ma è inevitabile in fase di previsioni contemplare tutti.

Dispiace che a questo gruppo non possano essere aggiunti Waltraud EGGER (W55, 1.500 e 3.000 mt.) probabilmente assente per i postumi ad un ginocchio da caduta in bicicletta: Hubert INDRA (M50, pentathlon) fermato da un problema muscolare, ma che assicura in estate di voler puntare a migliorare il suo record mondiale del decathlon; e Luciano ACQUARONE (M75, mezzofondo) in ripresa dopo i problemi dello scorso anno, ma non ancora pronto per il rientro agonistico.

Per il resto alcune note piacevoli. Fa il suo esordio internazionale tra i master Fausto FRIGERIO (M40, 60 ostacoli e lungo), tre volte campione italiano assoluto con personali di 13″64 e 8,15, un nome di prestigio acquisito dalla famiglia dei master. E' poi iscritto sotto la nostri colori l'albanese di nascita e da molto anni in Italia Arben MAKAJ (M40, 60 mt.) con tempi sui 100 mt. degni di grandi ambizioni. Nella lista M45 del peso e nel disco figura Luciano ZERBINI, atleta olimpionico per tre lustri nel giro della nazionale assoluta (da 20,54 nel peso e 64,26 nel disco); e negli 800 metri degli M40 Alberto BARSOTTI già campione italiano assoluto con un personale di 1'45″3m.

Lunedì 17 il via alle gare con il pentathlon femminile (da seguire in particolare Rossella ZANNI W40) e quello maschile delle categorie dagli M65 a salire (con Bruno SOBRERO M85); poi tutte le semifinali dei 60 metri e le batterie di qualificazione alla finale degli 800 metri.

Nella sezione STATISTICHE MASTER potrete trovare tutte le liste aggiornate dei records master indoor mondiali, europei ed italiani.

fonte: WMA-Atleticanet
fonte foto: clermont2008.athle.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *