CONVOCAZIONI COPPA EUROPA: INGIUSTIFICATA ESCLUSIONE DELLA MARCONI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Diamo opportuna visibilità al comunicato dall'Atletica Corradini di Rubiera relativa all'esclusione dell'atleta Gloria Marocni dalla Coppa Europa dei 10.000. Il comunicato originale è visionabile sul sito dell'Atletica Corradini all'indirizzo [link diretto all'articolo]

Apprendiamo con rammarico le notizie riguardanti la mancata convocazione alla prova di Coppa Europa dei 10.000 per Gloria Marconi: la forte fondista toscana, dopo le belle prove nei cross culminate con il 4° posto agli italiani di Carpi, era stata in un primo momento avvisata della convocazione per la trasferta turca, ma in un secondo momento esclusa in maniera opinabile e poco trasparente.

In merito alle convocazioni in azzurro raccogliamo le dichiarazioni del Presidente della Corradini Calcestruzzi Excelsior, Marco Benati: “ Sono veramente felice per la convocazione in nazionale di Fabio Mascheroni per la Coppa Europa dei 10.000 che si terrà ad Istanbul sabato prossimo, mi aspetto ed auguro che Fabio sappia dare il meglio di se stesso per onorare nella maniera migliore la maglia azzurra.

Al tempo stesso esprimo un forte disappunto per la mancata convocazione di Gloria Marconi; martedi’ scorso il settore tecnico della FIDAL mi aveva comunicato la convocazione di Fabio e Gloria. Il giorno dopo ho appreso per vie informali che la convocazione di Gloria era annullata per l’impossibilità di formare la squadra femminile. Il giorno successivo sono state pubblicate sul sito ufficiale FIDAL le convocazioni: quattro maschi e due femmine, quest’ultime a titolo individuale. Eppure la squadra per essere classificata richiede tre risultati utili, quindi bastava una sola donna in più per avere la squadra. A questo punto l’esclusione di Gloria Marconi è apparsa chiaramente un’esclusione di carattere personale e non organizzativa, inaccettabile sotto ogni punto di vista. Esprimo quindi la più ampia contrarietà per la decisione della FIDAL che offende un’atleta, la società di appartenenza e che mina la credibilità dell’intero settore tecnico federale, smentito dall’apparato dirigenziale.”

fonte: Atletica Corradini
fonte foto: Atletica Corradini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *