DOPPIETTA TURCA NELLA COPPA EUROPA DEI 10.000M

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Storica doppietta turca alla Coppa Europa dei 10,000m disputata sabato 12 aprile allo Stadio di Enka ad Istanbul; Elvan Abeylegesse e Selim Bayrak hanno infatti vinto le rispettive prove, al femminile e al maschile.
Terzo titolo consecutivo per Abeylegesse, argento mondiale 2007 su questa distanza: con una grande gara ha sconfitto la leader mondiale Lornah Kiplagat stabilendo il mondiale stagionale di 31'36″33, che rappresenta il minimo olimpico A, fissato a 31'45″.

La coppia di testa ha condotto il gruppo per 21 dei 25 giri con un passaggio a metà gara di 15'50″ per poi veder scappar via la turca, conscia di una possibile sconfitta in caso di arrivo in volata. Terzo posto per la cugina della Kiplagat, olandese d'adozione anche lei hilda Kibet. Quarta la maratoneta ungherese Aniko Kalovics con 32'09″02.
Per i nostri colori erano in gara Gegia Gualtieri, 17^ in 34'47″20, e Fatna Maraoui 20^ in 35'28″13, dopo il ritiro ai mondiali di cross.
La classifica a squadre purtroppo è composta da soltanto due formazioni, e questo lascia molti dubbi sull'oppurtunità di continuare a disputare questa manifestazione.

Bielorussia 1:40.41,27
Turchia 1:42.27,62

La vittoria di Selim Bayrak nella gara maschile è storica così come la doppietta grazie all'Abeylegesse di cui abbiamo appena parlato.
Allenato da Anatoliy Bychkov che anche allena anche Abeylegesse, Bayrak è stato la rivelazione della gara, e vincendo la gara ha stabilito il mondiale stagionale 27'47″75 (destinato ad essere velocemente cancellato dagli africani) ma anche il record turco e il minimo olimpico per poco più di 2″.

Di origine africana anche lui per la verità, era noto come Girma Legese (Etiopia) e vinse il bronzo ai giochi mondiali della gioventù nel 2003 a Sherbrooke sui 3000m prima di scegliere la nazionalità turca.
Fino all'8° chilometro, i pacemakers etiopi hanno condotto il gruppo di testa composto da 7 atleti, prima che lo spagnolo Carles Castillejo provasse l'azione che lo ha portato a sfiorare il suo personale e a conquistare il secondo posto.

Castillejo ha realizzato il minimo B Olimpico per la Spagna e alla luce di questa gara potrebbe essere convocato per Pechino dalla sua federazione.
Il russo Oleg Kunkov che ha regolato il gruppo degli inseguitori finendo al terzo posto in 28'48″55 ha preceduto il compagno di squadra Sergey Yemelyanov, quarto in 28:49.55. Delusione invece per Juan Carlos de la Ossa, vincitore nel 2005, ma qui lontano dalla forma migliore.

Il migliore degli italiani è stato Daniele Meucci con 28'56″53 al 6° posto ma ben lontano dal minimo olimpico (ricordiamo, 27'50″ minimo A e 28'10″ minimo B). Gianmarco Buttazzo 11° in 29'32″75, Fabio Mascheroni 13° in 30'07″28 e Francesco Bona, 15° in 30'22″45 completano il quadro per l'Italia che si insedia al terzo posto praticamente “per inerzia”. A squadre, si sono qualificate 5 formazioni.

Russia 1:26:47.32
Spagna 1:27:31.71
Italia 1:28:36.56
Turchia 1:29:27.17
Portogallo 1:29:36.96

fonte: www.european-athetics.org
fonte foto: Atleticanet – Luigi Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *