MARATONE DI PADOVA E VIENNA: PROTAGONISTA IL CALDO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

MARATONA DI PADOVA

E’ stato il sole insieme al primo caldo primaverile il vero protagonista della maratona di Padova che quest’anno ha visto celebrata la sua 9^ edizione; un caldo che ha sicuramente messo a dura prova la resistenza fisica e mentale dei maratoneti giunti in 2637 all’arrivo in Prato della Valle a fronte dei 3700 partenti.
Assente dell’ultim’ora il bergamasco Migidio Bourifa, gli occhi erano puntati sull’azzurro Alberico di Cecco in caccia del minimo per Pechino e a sfidare gli africani presenti sulle strade della città del Santo. La vittoria è andata a sorpresa all’outsider di turno, il keniano naturalizzato finlandese Francis Kirwa che ha tagliato il traguardo con il tempo di 2h11’00’’ a precedere proprio l’azzurro, (ancora secondo dopo l’edizione 2007 dove siglò il tempo di 2h10’38’’), e al keniano Haron Kiplimo Toroitich terzo in 2h13’24’’. Tempi sopra le 2h15 per l’ugandese Amos Masai e l’australiano Scott Westcott finiti rispettivamente quarto e quinto con 2h16’09’’ e 2h16’28’’.
Per Kirwa l’allungo decisivo al 35° kilometro, con un Di Cecco sofferente all’arrivo a commentare il suo crono nella speranza che gli valga una convocazione olimpica.
Tempi elevati anche in campo femminile, con l’azzurra Marcella Mancini a rivincere sulle strade patavine dopo i successi del 2003 e del 2006. Allungo già dal 25° kilometro e corsa in solitaria per la vincitrice che ha fermato le lancette in 2h35’24’’. Secondo posto per la spagnola Dolores Pulido, 2h39’28’’ e terzo per la keniana Josephine Njoki Wangoi (Ken) 2h48’19.
La gara era valida come Campionato Italiano Disabili e non sono mancati i primati italiani di categoria con Francesca Porcellato e Walter Endrizzi primi nelle rispettive categorie.
Nel complesso successo organizzativo per Assindustria Sport Padova, oltre 20,000 i partecipanti alle “stracittadine” le gare di contorno della maratona.

MARATONA DI VIENNA

25° Compleanno per la maratona della capitale austriaca, di sicuro una delle più interessanti e famose quarantadue chilometri d’Europa.
Edizione disputatasi in una soleggiata mattina di primavera con temperature sopra la media, che ha visto la riconferma dell’indiscusso dominio africano di inizio stagione con ben 9 atleti keniani classificati ai primi dieci posti; il vincitore Abel Kirui è il primo a tagliare il traguardo nella suggestiva cornice della piazza Heldenplatz davanti all’ex-palazzo Imperiale e a siglare anche il tempo record della corsa con 2h 07’38’’ (precedente 2h08’20’’ datato 2006 per opera del marocchino Lahoucine Mrikik ) davanti ai connazionali Dunkan Kibet e Paul Biwott fermatisi rispettivamente a 2h08’33’’ e 2h08’53’’.
Successo importante per Kirui, atleta che vanta un personale di 2h06’51’’ corso lo scorso anno a Berlino, che ha sferrato l’attacco decisivo con un poderoso cambio di ritmo dal 30° al 35° kilometro, causa il caldo degli ultimi chilometri però non è riuscito a migliorare il tempo che a quel momento sembrava veramente alla sua portata.
Tempi superiori alle 2h10 per gli altri atleti keniani capitanati da William Todoo-Rotich in 2h12’18’’ a precedere il numeroso drappello africano. Primo atleta europeo è l’ucraino Mykhaylo Iveruk giunto 11° con un modesto 2h17’42’’ davanti all’atleta di casa, l’austriaco Markus Hohenwarter 12°.
In campo femminile buone le prestazioni per la vincitrice, la rumena Luminita Talpos, impostasi in 2h26’43’’ a riconfermare il successo del 2007, e della giapponese Tomo Morimoto seconda in 2h29’01’’; favorita della vigilia in virtù del suo personale di 2h24:33 siglato proprio sulle strade viennesi due anni fa ma incappata in una giornata no, che ha lasciato sin dal passaggio della mezza maratona, il via libera all’avversaria.
Sul terzo gradino del podio, molto più staccata, la keniana Beatrice Omwanza, 2h37’36’’ il suo crono, a precedere la russa Oksana Kuzmicheva.

RISULTATI:

Padova

Uomini:
1 Francis Kirwa (Fin) 2:11:00
2 Alberico di Cecco (Ita) 2:13:09
3 Haron Kiplimo Toroitich (Ken) 2:13:24

Donne:
1 Marcella Mancini (Ita) 2:35:24
2 Dolores Pulido (Spa) 2:39:28
3 Josephine Njoki Wangoi (Ken) 2:48:19
– – –

Vienna:
Uomini:
1 Abel Kirui (Ken) 2:07:38
2 Dunkan Kibet (Ken) 2:08:33
3 Paul Biwott (Ken) 2:08:53
4 William Todoo-Rotich (Ken) 2:12:18
5 Andrew Limo (Ken) 2:12:27

Donne:
1 Luminita Talpos (Rom) 2:26:43
2 Tori Morimoto (Jap) 2:29:01
3 Beatrice Omwanza (Ken) 2:37:36
4 Oksana Kuzmicheva (Rus) 2:39:54
5 Tanith Maxwell (Rsa) 2:40:05

Nella foto l'arrivo vincente di Kirwa a Padova

fonte: www.iaaf.org – www.assindustriasport.it
fonte foto: www.assindustriasport.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *