PAVIA, MEMORIAL DELLA VALLE – GIORDANO BENEDETTI STUPISCE: 1’47″52 NEGLI 800.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Una giornata ventosa ha accompagnato lo svolgimento del 6° memorial Graziano Della Valle a Pavia e da oggi si può dire che la stagione italiana della pista sia ufficialmente aperta. Gli spunti per cominciare la cronaca della giornata sono innumerevoli ed alla fine ho deciso di iniziare….da metà giornata: ore 16.30 800 maschili.
In chiave azzurra questa gara ha definitivamente consacrato il talento del giovane Giordano Benedetti (Atl. Trento, classe '89) che, come e meglio del coetaneo Scapini negli anni scorsi, ha usato la pista pavese come trampolino di lancio verso una stagione da protagonista annunciato.
Dopo un passaggio a metà gara in circa 53″3 secondi impostato dal keniano Nirojne (3° alla fine) è Goran Nava (Pro Patria), altro protagonista atteso, ad animare le danze. Nava mette in crisi il keniano e, all'entrata del rettilineo finale quando sembra che la vittoria sia un affare a due, sopraggiunge in rimonta Benedetti, capace di distribuire le energie in modo ottimale per effettuare uno sprint nel quale stupisce la leggerezza del suo passo. Il tempo lascia a bocca aperta: 1'47″52, che significa un progresso di oltre due secondi e mezzo per lui e il minimo per i mondiali Juniores.
In termini di validità di punteggio però, gli 800 non sono stati la gara qualitativamente migliore, perchè il pubblico, non moltissimo per la verità, si è letteralmente spellato le mani per il giovane Harry Aikines-Aryeetey, che ai più non dirà molto ma gli appassionati ricorderanno campione mondiale juniores sui 100m l'anno scorso. Proprio sui 100m l'inglese classe '88, impressiona con un 10″18 in batteria (vento +1,4 m/s) mollando ben prima del traguardo, ripetendosi in finale con 10″20 (vento -0,3).
Rimanendo nel capitolo velocità, ampi sorrisi anche per Anita Pistone che in finale nei 100m scende ad 11″37 con vento al limite (2^ a parimerito con la 1^, l'inglese Ashlee) dopo l'11″40 in batteria.
Il vento a folate che cambia spesso direzione gioca brutti scherzi ai triplisti ma nonostante ciò è bravo Fabrizio Schembri (Carabinieri) ad atterrare alla misura vincente di 16,84m con vento +0,2 alla 1^ prova. Meglio ancora ha saputo fare nel triplo femminile la slovacca Dana Veldakova che con un gran 14,51 alla 2^ prova vince e stabilisce il record del circuito di meeting European Athletic Promotion.
I 400m femminili son andati alla bergamasca dell'Esercito Marta Milani con un ottimo 53″54, corso distribuendo in modo attento le energie; seconda la Bazzoni in 54″59, sua compagna di squadra e terza Manuela Grillo (Forestale) in 54″78.
Vince lo slovacco Peter Znava, filiforme e nemmeno tanto alto, nei 400 maschili, con 46″79, davanti al nostro Marco Marsadri, che scende a 46″96 e nonostante il progresso non sembra soddisfatto. E' lecito attendersi ulteriori progressi da lui. Terzo posto con record personale per il giovane bergamasco Vistalli: 47″35.
Lunghi i lanci del carabiniere Hannes Kirchler nel disco (61,48m) e dello svizzero Muller nel giavellotto (75,47). In questa seconda gara 2° posto per Roberto Bertolini, questanno in maglia 100 torri, giunto a 69,49.
Nel salto in alto Martijn Nujens (Olanda) e Robbie Grabarz (Gran Bretagna) fanno il vuoto dietro di loro, salendo rispettivamente a 2,23 e 2,21.
Vince Carlo Alberto Mainini (Carabinieri) nei 110hs con 14″25 su Tedesco (Giamme Gialle) 14″27 ma altre emozioni forti le regalano i 3000, dove Matteo Villani si batte per la vittoria fino all'ultimo metro e forse con una tattica di gara più accorta nel finale avrebe potuto ottenere l'intera posta in palio. Il keniano Kirwa lo precede con 8'01″32 e il carabiniere modenese finisce in 8'01″91.
Il quadro di giornata si completa con le vittorie dell'inglese Eilidh Child nei 400hs femminili e di Elena Carini (esercito) nel peso con 14,91.
Nel meeting c'è stato spazio anche per due gare giovanili, gli 800 under 18 femminili e i 1000 cadetti, in memoria del al tecnico lombardo Volpi.

fonte: Redazione Atletica Net
fonte foto: fidaltrentinomagazine.blogspot.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *