CDS – 1° GIORNATA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

LAZIO (Simone Proietti): Vento a favore sul rettilineo dei 100 e giornata afosa hanno fatto da sfondo alla prima giornata di CDS al campo Raul Guidobaldi di Rieti. La pista reatina che ci aveva lasciato lo scorso anno con il record mondiale di Asafa Powell continua ad essere l’ombelico del mondo dell’atletica laziale e non solo. Tante presenze sugli spalti ed in campo, prestazioni di discreto livello e qualche acuto dei diversi big in pista, delineano un bilancio nel complesso positivo per il primo atto di Societari 2008.
I tempi ancora non saranno eccezionali ma pur sempre di livello, a cominciare dalla velocità, dove spiccavano alla partenza dei 100 i nomi dei vari Donati, Torrieri, Dacastello, Calì, Arcioni. Di questi la più soddisfatta è da ritenersi proprio la siciliana Vincenza Calì, che, sospinta da un +1,6 m/s di vento a favore, ha chiuso in 11”52, prestazione che potrebbe voler significare l’inizio di un ritorno ad alti livelli. Considerato poi che la ragazza ha corso praticamente da sola nella sua serie, viene da sé che quel crono non rifletta il reale valore dell’atleta delle Fiamme Azzurre. Dietro di lei da segnalare un 11”60 di Giulia Arcioni, atleta prestata alla squadra di casa ed in forza alla Forestale, e un buon 11”71 di Jessica Paoletta, parsa in ripresa rispetto alla scorsa stagione. Si è comportata bene anche la junior della Fondiaria Sai, Ilenia Draisci, con 11”81, mentre cresce una nuova freccia nel reatino, l’allieva Francesca Romana Cattaneo, settima assoluta con 12”06.
Tra gli uomini è stato Marco Torrieri (Aeronautica) il più veloce, coprendo la distanza in 10”40 appena sette centesimi meglio di Stefano Dacastello (Fiamme Gialle), mentre Massimiliano Donati ha provveduto a tener alto l’onore di casa con un discreto 10”50. Ma a fare faville sono stati i due giovani più promettenti dello sprint regionale, Valerio Rosichini e Francesco Basciani. Il primo, junior in forza alla Fiamme Gialle Simoni, ha chiuso in 10”74, il secondo, allievo che corre per l’Acsi Campidoglio Palatino, ha corso in un buon 10”84. Spicca infine l’11”24 del 41enne Massimiliano Scarponi per l’Atletica Colosseo 2000.
Dai 400 in su i tempi hanno risentito del vento contrario sul rettilineo opposto all’arrivo, ciononostante sono arrivate buone prestazioni a cominciare dal giro di pista con i primi posti dell’aviere Fiorenzo Moscatelli, 47”39 a precedere il compagno di squadra Enrico Minetto (48”10), e di Tiziana Grasso della Fondiaria Sai, 55”19.
Nei 1500 il nome più atteso era quello di Andrea Lalli: il finanziere non ha deluso, imponendosi in 3’43”98, davanti al compagno Lorenzo Perrone, 3’46”25. Tra i giovani da segnalare poi la buona prestazione di Damiano Iovenitti, junior della Running Club Futura, con 3’57”86.
Nei 110 hs Elton Bitincka, albanese dell’Acsi Campidoglio Palatino, ha preceduto sia Tedesco delle Fiamme Gialle che Emiliano Pizzoli (Cariri/Carabinieri), chiudendo in un normale 14”28, mentre tra le donne è Margaret Macchiut che ha staccato tutte sui 100 hs, in 13”74, cogliendo uno dei pochi momenti di vento contrario.
Nei 3000 siepi femminili uno dei migliori risultati di giornata con la marocchina dell’Acsi Campidoglio Palatino Janat Hanane che ha fatto il vuoto, chiudendo in un ottimo 10’32”56.
Nei concorsi pochi acuti da segnalare se non le vittorie di Stefania Cadamuro (Fondiaria Sai) nell’alto con 1,80, di Cristiano Andrei nel disco con 54,64, e la buona misura nell’asta dell’allievo Simone Fusiani (Studentesca Cariri) con 4,70.
Infine la marcia, dove la solita Sibilla Di Vincenzo regala il successo alla Fondiaria Sai coprendo i 5km 22’44”2, mentre il giovane Daniele Masciadri tra gli uomini (Fiamme Gialle Simoni) vince in 44’09”4 i 10 km. A domani la seconda giornata.

SICILIA (Michelangelo Granata): La prima giornata dei societari, iniziata alle 15,15 al Campo Scuola di via Grasso Finocchiaro a Catania con le martellate delle donne, si è conclusa alle 21,58 con la marcia e per la precisione con l’atleta Francesco Manteo di Piazza Armerina, 59 anni, che ha completato i dieci chilometri in 1.11’00”55… La manifestazione è stata organizzata dalla Scuola di Atletica Leggera di Giuseppe Sciuto con grande impegno, nonostante le difficoltà incontrate a causa di un Assessorato allo Sport del Comune di Catania sordo alle esigenze di un’attività di grande valenza come l’atletica leggera a questi livelli.
Alla presenza del presidente della Fidal Sicilia Paolo Gozzo e il Segretario Nazionale del GGG, commissario straordinario della Sicilia, Roberto Guidi, le gare si sono svolte con un vento ribelle che ha penalizzato le gare di velocità e non solo. In più ha infreddolito sul tardi gli spettatori in tribuna e i numerosi giudici presenti con il commissario straordinario di Catania, il messinese Angelo Battaglia e gli altri provenienti da Palermo, Enna, Messina.
Dicevamo del martello femminile, vince la gara d’apertura Noris Di Stefano (Cus Palermo) con 49,97, assente la stella di Solarino Laura Gibilisco. Nell’alto a quota 1,50 si fermano in tre Chiara Cirrone (Cus Catania), Flavia Malgeri (Sal Catania) e Maria Grazia Franzò (Femminile Diana Siracusa). Nel disco bordate a non finire e l’attrezzo del ternano Danilo Liorni (Sport Club Catania) non vola tanto, atterra a 50,66, una misura che gli fa sfiorare i 900 punti (890). Di scena gli ostacolisti e nella seconda serie la bella ventenne Erika Ruiz (Femminile Diana Siracusa) segna 15”82 (vento furioso a -4,6) al suo esordio stagionale e inattiva per l’intera stagione 2007 a causa di un infortunio. Tra i maschi ottimo 14”75 dell’agrigentino Sergio Castronovo (Lib. Catania) con un vento contrario di -2,7, curiosamente lo scorso anno nella stessa occasione aveva impiegato un centesimo in meno.
Nei 100 metri tre serie per le donne e sette per gli uomini. L’azzurra palermitana Stefania Ferrante (Cus Palermo – Esercito) corre indisturbata in 12”37 anche qui con vento a -4,00, dopo l’11”95 di Reggio Calabria il 3 maggio. La serie più attesa maschile, sovvertendo la prassi che vuole i migliori per primi, è stata l’ultima. Buon esordio per Emanuele Di Gregorio (Lib. Catania – Aeronautica) in 10”76 (-1,6), che distanzia di dieci centesimi il compagno di squadra Francesco Scuderi (Fiamme Azzurre). Di Gregorio è di Castellammare del Golfo (Trapani) e da due anni fa la spola da Catania a Trapani per allenarsi alla corte del tecnico catanese Filippo Di Mulo.
Un’altra stella in pedana nel triplo, la palermitana Simona La Mantia (Fiamme Gialle) atterra a 13,79 (+0,2), 1006 punti, alla sua prima gara della stagione tra gli sguardi estasiati degli spettatori, un centimetro meno del 2007. Al maschile 14,83 per Marco Condemi De Felice (Atl. Villafranca). Suspense nell’asta con l’argentino di Santa Fe German Chiaraviglio (Sport Club Catania) che, dopo aver superato 5,40 (il punteggio più alto della manifestazione), al secondo tentativo a 5,55 gli si spezza l’asta al momento dello stacco e poi rinuncia anche per un po’ di paura. Chiaraviglio vanta 5,71, quando vinse l’oro ai Mondiali Junior di Pechino 2006. Sfortunato anche Oleksandr Korchimid (Cus Palermo), l’ucraino di Kiev con un personale di 5,81 rimane senza misura.
Nel peso la quarantenne palermitana Maria Tranchina (Cus Palermo) arriva a 12,97, una carriera senza soste la sua piena di allori, primatista italiana da cadetta nel disco, da assoluta nel martello, da Master F40 nel martello. Nei 400 la filiforme Lucia Pollina (Cus Palermo) chiude in 57”11. Nella sesta serie maschile tifo d’eccezione per Claudio Licciardello (Lib. Catania – Fiamme Gialle) e al suo primo giro di pista dell’anno ferma i cronometri a 46”32 (passaggi 22”2 e 33”9). Soddisfatto l’allievo di Di Mulo anche se per 3/4 di gara è incappato in un vento tiranno. Affollati i 1500, Barbara La Barbera (Cus Palermo – Esercito) s’impone in 4’34”60 su Ivana Busso (Cus Palermo ) 4’36”49. Deludente per la verità l’ucraino Ivan Heshko (Sport Club Catania), 4’04”69 il suo tempo, davanti a Tommaso Beati (Pol. Apb Palermo) 4’05”33 e il keniano John Rotich Kipsiele (Lib. Catania) 4’07”40. Nel giavellotto il catanese Marco Donia (Lib. Catania) ripete i 60 metri con 60,55 (60,69 il 24 aprile sempre a Catania). Nei 3000 siepi vittoria di Enzo Copia (Pol. APB Palermo) di Nicosia con il personale di 9’32”46.
Le staffette suscitano sempre tanto entusiasmo e nella 4×100 femminile il quartetto della Pro Sport 85 di Valguarnera (Vacirca, Parisi, Manna, Salamone) 52”28. Una formazione super quella della Lib. Catania con Castronovo, Battiati, Scuderi e la “freccia di Paternò” Alessandro Cavallaro, 42”21 il tempo.
Finale con la marcia: Nadyia Sukariyna (Cus Palermo) 25’26”57 nei 5 km e Andrea Rampa di Campobasso (Lib. Catania) 43’16”64 nei 10 km, più di un minuto oltre il suo limite.

TOSCANA (Gustavo Pallicca): Tempo incerto su Firenze fin dal mattino. Poi un netto miglioramento proprio in coincidenza dell’inizio delle gare al pomeriggio. Ma la pioggia preannunciata non è mancata all’appuntamento anche se è stato più che altro – a tratti – fastidiosa, ma non tale impedire o influenzare il regolare svolgimento delle gare.
Vento sempre leggermente contrario alla direzione di corsa sul rettilineo e nei due tripli in programma.
In queste condizioni ambientali sulla pista e sulle pedane dello Stadio Ridolfi ben 600 atleti circa hanno dato vita a una manifestazione che ha avuto momenti di ottima spettacolarità.
Nomi eccellenti, che da anni avevano cambiato casacca, sono tornati a rivestire la maglia degli inizi di carriera. E’ stata un revival simpatico che ha contribuito a dare spessore ad una manifestazione che altrimenti avrebbe sofferto parecchio sotto il profilo tecnico.
Uchenna Emedolu, nigeriano giramondo, è tornato a gareggiare per una società fiorentina. La prima volta aveva indossato i colori dell’Assi Banca Toscana, mentre oggi ha rivestito la maglia della Atletica Firenze Marathon, la società organizzatrice dell’evento.
Emedolu dopo il successo di Coppa del Mondo era un po’ uscito dal grande giro dell’atletica dei meeting. Oggi ha vinto abbastanza agevolmente i 100 metri in 10,62 (vento contrario 1.7) davanti a un Checcucci (Assi Banca Toscana) molto pimpante (10.74), autore di una straordinaria ultima frazione nella 4×100 che ha permesso alla sua società di imporsi con un probante 41.30. Degni compagni di staffetta altri due “poliziotti”: Lorenzo Tendi e Francesco Agresti.
Sempre ottimali le prestazioni dell’eclettico Manura Kuranaghe, atleta dello Sri Lanka da anni tesserato per la Virtus C.R. Lucca. Oggi pomeriggio si è imposto nei 400 metri in 47.90 dopo un bel duello con il pisano Massimiliano Quirico (48.75).
Altra gara di grande spessore agonistico è stata quella della prima delle tre serie dei 1500 maschili.
Il keniano di Lucca Eric Chirchir Kipkemei, il pisano Daniele Meucci e il grossetano Stefano La Rosa, hanno dato vita ad una gara molto tirata che solo negli ultimi metri ha trovato il suo degno vincitore. Si è imposto il keniano grazie al suo rapido cambio di frequenze in 3:49.48, mentre Meucci, atteso domani sui 5000, ha avuto ragione allo sprint del bravo La Rosa.
Anche i 1500 donne sono stati caratterizzati da un acceso duello fra due valide protagoniste che hanno dominato a loro piacimento la gara.
Si è imposta la pisana Giulia Scatena in 4:34.38 davanti a Maria Cristina Petralia, portacolori dell’Assi Banca Toscana. Una bella prestazione quella di Giulia, ottenuta con una grinta e determinazione tipica di questa ritrovata mezzofondista.
Nel salto con l’asta Claudio Michel Stecchi ha confermato il suo buon stato di forma superando ancora una volta i m. 4.70, in una gara senza storia.
Le due straniere dell’Assi Banca Toscana, Ganna Melnichenko e Thaimi O’Reilly Causse, hanno mostrato ancora una volta, oltre la loro bellezza, anche il valore delle loro prestazioni.
La signora Frullani si è infatti imposta sui 100 ostacoli in 13.79 e nel salto in alto con la misura di m. 1.68, mentre la cubana ha vinto la gara del triplo con la misura di m. 12.47 davanti alla compagna di squadra Sara Di Salvo (m. 12.12). L’exploit sui 100 femminili della speranza della velocità Audrey Alloh (Atletica Firenze Marathon) era atteso. La ragazza allenata dal prof. Paolo Fiorenza si è imposta nel tempo di 11.72 che rappresenta il suo primato personale. Ancora la Alloh è stata grande protagonista della staffetta veloce della sua società che si è imposta nel tempo di 48.23.
La manifestazione si è conclusa con la gara di marcia che i giudici, visto l’alto numero dei partecipanti (oltre 30 fra maschi e femmine) hanno prudentemente e saggiamente fatta disputare separatamente fra uomini e donne.
Si è fatto un po’ più tardi (le gare sono finite intorno alle 21.15), sotto una fitta pioggerella, ma almeno si sono evitati impicci al contagiri, ma soprattutto, i giudici di marcia hanno potuto operare al meglio. Hanno vinto le due prove Andrea Romanelli (Toscana Atletica) in 43:40.42 su Vittorino Mucci (Atl. Firenze Marathon) e Francesca Balloni (Atletica Sestese Femminile) in 23:54.64 su Costanza Giustini (Atl. Firenze Marathon)

ABRUZZO (Gabriele Di Giuseppe): Sotto la pioggia si è svolta a Teramo la 1° giornata dei CDS assoluti su pista. Record regionale di Daniele Greco Bruni Pubblicità atletica Vomano nel triplo mt 15.90 che dopo due ore ha portato in trionfo anche la staffetta 4×100 con il tempo di 41.95.
Grande tempo sui 3000 st di Taleb Brahim Bruni Pubblicità atletica Vomano 8.32.06 che ha preceduto il compagno di squadra Kiprotick Tanui Isaack.
Ottimo anche il riscontro di Fortunato D'Onofrio nei 10 km di marcia che da solo e sotto la pioggia ha ottenuto un tempo di poco superiore ai 43'.

MARCHE-UMBRIA (Diego Cacchiarelli): Con un tempo capriccioso e qualche spruzzo d'acqua, si sono svolti a Macerata i CdS unificati per Marche ed Umbria. Diversi gli atleti militari ritornati a dar man forte alle società di origine. Nei 100 uomini vince Marco Scalpelli in 10”90 davanti a Luca Verdecchia che gli è dietro di 3 centesimi. Nei 400 desta grande impressione Luca Sartori che, pur se della categoria juniores, mette in riga tutti col tempo di 48”90. Ottima gara di Giovanni Faloci che vince il disco con 59.35 facendo segnare 1014 punti in tabella svedese. Sprazzi di Umbria nell'asta dove la vittoria va a Giacomo Befani dell'Atletica Libertas Orvieto con un salto a 4.90. Buono il 110hs di John Mark Nalocca della Collection S. Benedetto che vince con 14”48. Tra le donne vince i 100 Ilaria Narcisi ma la giovane allieva Jessica Perez giunge terza col tempo di 12”50. Corsa solitaria fin dai primi appoggi (corsia sfavorevole) per la fortissima Daniela Reina nei 400 che chiude il giro di pista in 52”78 facendo segnare un altro over 1000 punti (1044). Gli arriva dietro una coraggiosa e brava Lara Corradini (categoria juniores) dell'Atletica Montecassiano con il tempo di 58”97. Di buon livello anche il 1500 con l'umbra Sara Degli Esposti (Libertas ARCS Perugia) che si impone in 4'39”11 con una gara tutta di testa davanti alla forte allieva Alessia Pistilli. Sempre per l'Atletica Avis Macerata, vince nel martello Eleonora Zappitelli con 53”89.

EMILIA ROMAGNA (Gino Esposito): Ester Balassini con la casacca del Cus Bologna scaglia il martello a 66.23 ma un infortunio che si porta dietro dall'ultimo raduno, uno strappo muscolare ai muscoli intercostali, ed il collo bloccato la costringono a limitarsi nei lanci. Dietro di lei la giovane Ludovica Fogliani della categoria junior chiude in 54.15. Brava Maria Vittoria Fontanesi della GS Self Atletica Montanari Gruzza che vince i 1500 in 4'31”64 Nei 100 donne vince nell'ottimo tempo di 11”48 Khubbieva Guzel sempre per il Cus Bologna mentre nella gara maschile la vittoria va ad Alessandro Rocco della Fratellanza Modena. Per i 400 uomini troviamo il nome di Luca Galletti in prima posizione col tempo di 47”51. Buono il 3'47”94 di Matteo Villani nei 1500 seguito da Jackson Kirwa in 3'51”13 sempre della Fratellanza Modena, tra i due ci saranno ancora scintille Domenica nei 5000 metri. Ancora Fratellanza nei 3000 siepi dove vince Antonio Santi in 9'32. Bravo lo junior Michele Calvi della GS Self Atletica Montanari Gruzza che vince i 110hs in 15”13. Asta a 5.20 per Matteo Rubbiani della Fratellanza Modena.

PUGLIA – BASILICATA (Silvia Lovati): Dopo diversi anni la provincia jonica torna ad ospitare una gara regionale di una certa importanza; bilancio positivo dopo la prima giornata per questa prima fase dei Campionati di Società Assoluti, in cui tutte le gare si sono svolte con regolarità e puntualità. Spiccano sugli altri alcuni risultati, come il 14″40 in apertura di Luca Ceglie (CUS Bari) nei 110hs; notevole anche il 10″80 del velocista in forze all'Atletica Aden Exprivia Molfetta, Gabriele Giudetti. Ennesima prestazione importante per l'italo-albanese Eusebio Haliti (Pol. Rocco Scotellaro Matera), classe 1991, per lui un ottimo 47″98, davanti ad Arcangelo Morizio (CUS Bari) che chiude in 48″76. Bene
Marcello De Cesare (Atl. Aden Exprivia Molfetta) che scaglia (e spacca) il giavellotto a 61,17. Cresce ancora l'astista foggiano Marcello Palazzo che raggiunge quota 4,80. Vittoriper il quartetto del CUS Bari nella 4×100 con 41″99. A livello femminile, Sara Say (Alteratletica Locorotondo) ottiene un buon 15″22 nei 100hs; primo posto nei 5km di marcia per Daniela Mancini (Olimpia Club Molfetta) con 24'43″48. Sorprende infine la 4×100 dell'Alteratletica Locorotondo che fa viaggiare il testimone in 50″37. Complessivamente buona la partecipazione degli atleti e la gestione della manifestazione dal punto di vista logistico.

FRIULI VENEZIA GIULIA (Alessandro Parlante): Grazie al nuovo regolamento diversi atleti in forza a società militari sono tornati a battersi per i colori delle loro precedenti società di appartenenza innalzando notevolmente il tasso tecnico di alcune gare in programma, nonostante la pioggia che ha accompagnato con insistenza questa prima giornata di gare.
Particolarmente avvincente la gara dei i 1500 metri maschili con la vittoria di Fabio Lettieri (Atletica Udinese Malignani/Aeronautica) in 3'50″35 seguito da Stefano Scaini (Atletica Brugnera Friulintagli/Fiamme Gialle) in 3'51″22 ed Andrea Seppi, promessa del Marathon Trieste che lo ha tallonato in 3'51″43. Con qualche secondo di ritardo l'allievo dell'Atletica Gorizia Mohamed Mouaouia che con 3'55″43 ha stabilito il record regionale di categoria strappandolo proprio a Scaini.
Tornato sulle piste di casa anche il carabiniere dell'Atletica Gorizia Jacopo Marin, detentore del primato regionale dei 400 metri e classificatosi agevolmente al primo posto nel giro di pista in 48″37.
Ottimi risultati nel tiro del giavellotto con Paolo Casarsa (Atletica Udinese Malignani/Forestale) a trovare un lancio da 68,82 metri, seconda miglior misura per il promettente junior del Marathon Marco Clean che però oggi non è riuscito ad andare oltre i 59,25 metri, discreta la misura di Marco Persello dell'Atletica Alto Friuli nel salto triplo con 14,39 metri.
Tra i migliori risultati delle donne il salto in alto a 1,74 metri di Monica Cuperlo del Cus Trieste ed il dominio della compagna di squadra Rita Apollo nei 400 metri (57″19).
Vittoria nel martello femminile per Francesca Gasbarro dell'Atletica Udinese Malignani (m 47,79) al termine di un'avvincente sfida con la junior del Cus Trieste Giulia Bartolich, giunta ad un soffio dal sorpasso portando il proprio record personale a 47,51 metri.
In finale di serata ottimo exploit della staffetta 4×100 dell'Atletica Udinese Malignani prima in 41″90 con i frazionisti Luca Rispoli, Andrea Bucovaz, Alessandro Minen ed Alessandro Pedrazzoli.
Minen in precedenza si era aggiudicato il primo posto nei 100 metri in 10″82 mentre Bucovaz si era imposto nei 110 ostacoli in 15″83.
Tra le staffette femminili la più veloce è stata quella del Cus Trieste formata da Elisabetta Vesnaver, Ilaria Santoro, Roberta Macchi ed Elen Tomadin, al traguardo in 49″19 con quasi due secondi di vantaggio sulle inseguitrici. Macchi e Tomadin regine incontrastate anche nei 100 piani rispettivamente in 12″51 e 12″54, mentre negli ostacoli è stata l'Atletica Brugnera l'autrice di una doppietta con Guendalina Milanese (14″88) e Ada Salgarella (14″90). Nel mezzofondo femminile si sono distinte Erica Linossi dell'Atletica Alto Friuli nei 1500 metri (4'41″32) e la capoverdiana dell'Atletica Brugnera Sonia Lopes Conceiçao nei 3000 siepi (11'13″72).

CAMPANIA (Vincenzo Miceli): Buona prestazione dello junior Antonio Magnatti della Polisportiva Amatori Benevento che nel triplo vince con la misura di 14.36. Nei 110hs il forte atleta dell'aggregato Hinna, Marco Perna vince in 16”17. Ottimo risultato nei 10km di marcia di Giampiero Palumbo che giunge sul traguardo col tempo di 41'46”22 che gli vale anche il miglior risultato tecnico della giornata. Diversa musica nel mezzofondo dove a fronte di risultati non troppo brillanti va segnalata una sostanziale assenza di atleti senior. Nei 1500 il primo senior è giunto 17° mentre nei 3000 siepi sono partiti 4 atleti, arrivati in 2 di cui nessun senior.
Nelle donne, il martello è per Patrizia Alletta che scaglia l'attrezzo a 47.82 mentre, ancora una volta la marcia fa registrare il miglior risultato tecnico della giornata con il 24'14”33 di Tatyana Gabellone nei 5km.

LOMBARDIA uomini(Marcello Scarabelli/Fidal Lombardia)Numeri da record di atleti in gara nonostante il freddo e la pioggia incessante, che ha accompagnato la manifestazione. Le gare di velocità hanno dovuto far fronte anche ad un discreto vento contrario sul rettilineo d'arrivo. Ben 18 serie per i 100 metri e 15 di 400 metri. Da segnalare il secondo posto nei 100 del mantovano Diego Marani in 10″90 alle spalle di Simone Collio (10″52). Bravi anche il giavellottista junior Stefano Nardini allenato da Sergio Previtali che ha lanciato 57.83 vincendo la gara e Matteo Costanzi, sempre junior, oro nell'asta con 4.40. In gara anche gli allievi tra i quali va segnalato Mattia Moretti, ottavo nei 1500 con 4.01.57.
Nella 4×100 41″80 della Riccardi davanti a Bergamo '59″ in 41″87-
Ecco l'elenco dei vincitori delle diverse specialità e dei migliori atleti delle differenti categorie (Senior e Promesse, Juniores e allievi).
-110 hs Nicola Comencini (Cento Torri PV) 14.31; Ivan Invernizzi (Atl. Lecco) 15.65; Andrea Cerelli (PP Bustese) 16.94
-100 Simone Collio (Pro Sesto Fiamme Gialle) 10.52; Diego Marani (Lib. Mantova) 10.90; Gianluca Piu (Pro Patria Cus MI) 11.30
– 400 Cristian Lancini (Cento Torri PV) 47.23; Dorino Sirtoli (Cento Torri) 48.98; Giacomo Cecchin ((Riccardi) 51.11
– 1500 Lorenzo Lazzari (Bergamo 59 Fiamme Oro) 3.55.60; l'allievo Mattia Moretti (Daini Carate) 4.01.57; Abdellah Haidane (NA Fanfulla) 4.02.47
– 3000st Jamel Chatbi (Bergamo 59) 8.47.32; Domenico Trevito – junior – (Cento Torri) 9.29.27
– 4×100 1 Riccardi Milano (La Naia- Vasco – Aita – Cerutti) 41.80; 2 Bergamo 59 3 Pro Sesto 42″36
– Asta l Matteo Costanzi – junior – (Riccardi) 4.40; Gabriele Perico – senior – ( Bergamo 59) 4.40; Antonio Pagliari (Brescia 1950) 4.00
– Giavellotto lo junior Stefano Nardini (US Atl. Vedano) 57.83; Samuel Bonazzi -promessa- (Atl. Saletti) 55.42; Alberto Convertino (US San Vittore) 38.27
– Triplo Fabio Buscella -promessa- (Cento Torri) 15.10; Andrea Arosio (US Atl. Vedano) 13.78; Valentin Tatarus (Chiari 1964) 12.92
– Disco Matteo Sacchi (Cento Torri) 54.42; Federico Zucchinali (Cento Torri) 45.06; Gabriele Scapellato (US Milanese) 28.66

LOMBARDIA donne(Redazione): Ottimo il 400 di Marta Milani dell'Atletica Bergamo 1959 CREBERG che vince in 53”69 davanti a Maria Elena Bonfanti dell'Atletica Lecco Colombo Costruzioni che termina la gara col tempo di 54”73. Il 1500 va all'Atletica Varese col 4'33”41 di Giulia Sangermani mentre Raffaella Lamera dell' Atletica Bergamo 1959 CREBERG vince il salto in alto con la misura di 1.83 con soli due centimetri di vantaggio da Ryan Deirdre dell'Athletic Club Italgest.

VENETO (Mauro Ferraro): A Marcon, nella giornata inaugurale della 1a fase veneta dei campionati di club, splendido duello tra l’argentino Balliengo (59.92) e Fortuna (59.27). Riparelli in scioltezza nei 100 (10”50). Bene la Mariani nel martello (57.43).
Una volata in scioltezza, sfidando vento e umidità. I primi applausi del pomeriggio, a Marcon (Venezia), nella fase inaugurale dei campionati veneti assoluti di società su pista, li ha raccolti Jacques Riparelli. Il velocista padovano, tesserato con l’Aeronautica, ma in gara nella rassegna di club con il Cus Padova, società con cui ha iniziato la carriera, si è imposto nei 100 in 10”50, lasciando gli avversari più vicini a circa quattro metri. Un buon test d’efficienza, considerato anche il vento contrario. Nel triplo, eccellente 15.90 del veronese Michele Boni, mentre il padovano Marco Boni (nessuna parentela) ha vinto l’asta con 5.10. Disturbata a tratti dalla pioggia, la manifestazione veneziana ha anche confermato il talento di alcuni under 23: da Antonio Fent, prevalso in un’incerta gara di giavellotto con 64.14, a Micaela Mariani, senza rivali nel martello (57.43), a Sara Mazzi, salita a 1.76 nell’alto, davanti alla più quotata Marina Caneva (1.71). Nella velocità, doppio successo africano con l’ivoriana Amandine Allou Affoue nei 100 (12”07) e la nigeriana Cynthia Ngozi Nwokocha nei 400 (54”76). Da segnalare anche la presenza del nigeriano Olusoji Fasuba, campione mondiale indoor dei 60 metri, con il quartetto dell’Assindustria Padova che ha vinto la staffetta veloce (40”95). In chiusura di giornata un’eccellente gara di disco: 59.92 per l’argentino dell’Assindustria, Jorge Esteban Balliengo, e 59.27 per il veterano azzurro Diego Fortuna. Domani pomeriggio, dalle 13.45, la seconda giornata di gare. RISULTATI. UOMINI. 100 (v. -1.1 m/s): 1. Jacques Riparelli (Cus Padova) 10”50, 2. Luca Berti Rigo (Assindustria Pd) 10”91, 3. Enrico Prà Floriani (Assindustria Pd) 10”93. 400: 1. Alessio Ramalli (Assindustria Pd) 49”25, 2. Paolo Zani (Assindustria Pd) 49”63, 3. Mirto Moressa (Vis Abano) 49”86. 1500: 1. Massimiliano Corso (Dolomiti) 3’52”52, 2. Marco Spada (Dolomiti) 3’54”24, 3. Dario Meneghini (Vicentina) 3’54”63. 3000 siepi: 1. Berardino Chiarelli (Assindustria Pd) 9’09”80, 2. Gabriele Fantasia (Jäger Vittorio Veneto) 9’11”85, 3. Mirko Signorotto (Jäger Vittorio Veneto) 9’53”03. 110 hs (-1.2): 1. Demis Roldo (Dolomiti) 14”69, 2. Devis Favaro (Assindustria Pd) 15”04, 3. Diego Appoloni (Insieme New Foods Vr) 15”19. Asta: 1. Marco Boni (Assindustria Pd) 5.10, 2. Mattia Cimolin (Jäger Vittorio Veneto) 4.40, 3. Guglielmo Zanetto (Biotekna Marcon) 4.40. Triplo: 1. Michele Boni (Bentegodi) 15.90 (+0.3), 2. Dario Marcato (Lib. Padova) 14.40 (+0.6), 3. Eugenio Dissegna (Vicentina) 14.19 (+0.9). Giavellotto: 1. Antonio Fent (Jäger Vittorio Veneto) 64.14, 2. Leonardo Gottardo (Biotekna Marcon) 63.80, 3. Fabio Caldon (Assindustria Pd) 62.36. Disco: 1. Jorge Esteban Balliengo (Assindustria Pd) 59.92, 2. Diego Fortuna (Vicentina) 59.27, 3. Daniel Compagno (Assindustria Pd) 45.33. 4×100: 1. Assindustria Pd (Fasuba, Prà Floriani, Bortolozzo, Oliverio) 40”95, 2. Biotekna Marcon (Cassettari, Lago, Bolgan, Prertile) 42”43, 3. Cus Padova (Riparelli, Cecchetti, Tonin, Rizzo) 42”71. Gare extra campionato. 100 (-0.9): 1. Alex Da Canal (Gs La Piave 2000) 11”39. 400: 1. Tommaso Battista (Atl. S. Marco) 52”17. Giavellotto: 1. Gianmatteo Poletti (Coin Ve) 38.07.
DONNE. 100 (-0.6): 1. Amandine Allou Affoue (Assindustria Pd) 12”07, 2. Francesca Dambruoso (Vicentina) 12”47, 3. Marinella Maggiolo (Lib. Padova) 12”52. 400: 1. Cynthia Ngozi Nwokocha (Industriali Conegliano) 54”76, 2. Alessia Tomassetti (Assindustria Pd) 55”24, 3. Francesca Marangoni (Vicentina) 56”58. 1500: 1. Alessandra Finesso (Assindustria Pd) 4’36”24, 2. Lucia Businelli (Asi Veneto) 4’36”55, 3. Francesca Smiderle (Asi Veneto) 4’39”82. 3000 siepi: 1. Caitlin Tara Malloy (Asi Veneto) 11’08”64, 2. Sofia Biancarosa (Assindustria Pd) 11’20”34, 3. Ines Pesavento (Montecchio Precalcino) 11’22”03. 100 hs (-0.8): 1. Angela Marcato (Cus Padova) 15”26, 2. Lisa Guidolin (Lib. Padova) 15”28, 3. Elisa Carniato (Stiore Treviso) 15”36. Alto: 1. Sara Mazzi (Insieme New Foods Vr) 1.76, 2. Marina Caneva (Vicentina) 1.71, 3. Giovanna Demo (Vicentina) 1.71. Triplo: 1. Barbara Lah (Asi Veneto) 12.58 (-1.9), 2. Giulia Agostini (Bentegodi) 12.26 (-1.2), 3. Camilla Consolaro (Vicentina) 11.79 (-2.0). Peso: 1. Damiana Dorelli (Asi Veneto) 12.69, 2. Mariavittoria Cestonaro (Vicentina) 10.31, 3. Micaela Mariani (Assindustria Pd) 9.86. Martello: 1. Micaela Mariani (Assindustria Pd) 57.43, 2. Tiziana Chiricosta (Asi Veneto) 49.17, 3. Annarita Maschietto (Industriali Conegliano) 47.72. 4×100: 1. Assindustria Padova (Menegaldo, Allou Affoue, Marchetti, Tomassetti) 47”39, 2. Vicentina (Pasini, Lobba, Dambruoso, Girelli) 49”37, 3. Cus Padova (Gelain, Marcato, Scaccabarozzi, Zinato) 50”45. Gare extra campionato. 100 (-2.1): 1. Giulia De Pieri (Lib. Mirano) 13”77. 400: 1. Ilaria Zuccon (Trevisatletica) 1’00”64. 100 hs (-1.5): 1. Jessica Novello (Atl. Schio) 15”81.

PIEMONTE – VALLE D'AOSTA(Redazione): Vince i 100 lo junior Davide Manenti per la Safatletica in 10”79 mentre nei 110hs Paolo Dal Molin dell'Atletica Alessandria vince in 14”48 davanti al compagno di squadra Luca Zecchin. Nei 10km di marcia Federico Tontodonati della categoria juniores vince nell'ottimo tempo di 43'31”36 davanti a Carlo Alberto De Casa dell'Atletica Vercelli 1978 che termina la sua prova in 43'56”92.
In campo femminile segnaliamo i 400 vinti da Cristina Grange dell'Atletica Canavesana nel tempo di 57”17, l'ottimo 3000 siepi con tre atlete sotto gli 11 minuti per la vittoria di Elisa Stefani del Runner Team 99 SBV in 10'39”47 e il terzo posto per la master Samia Soltane che chiude la gara in 10'44”50.

SARDEGNA (Redazione): Gavino Dettori vince i 100 in 10”76 davanti a Carlo Fadda che chiude in 10”94. Buono il 400 con tre atleti sotto il muro dei 50 secondi e relativa vittoria di Andrea Cossu del Cus Sassari in 48”34. Corsa solitaria per racimolare punti per l'Atletica Oristano per il keniano Justus Kipchirc Kiprono che chiude il 3000 siepi in 8'50”48. Di discreto livello la 4×100 con due società, il Cus Sassari e il GS Amiscora a darsi battaglia. La spunta la prima col tempo di 43”45 contro il 43”60 degli atleti dell'Amiscora Cagliari. Marcia a tutta birra Alberto Contu per il Cus Sassari e vince la prova sui 10km col tempo di 43'37”68.
Sfida tra due Cus nei 100 femminili che vanno all'atleta del Cus Sassari Maria Aurora Salvagno col tempo di 11”80. A soli 2 centesimi l'avversaria Endurance Ojokolo. Libiana Martinez Grenot copre il giro di pista nel ragguardevole tempo di 52”38 portando oltre 1000 punti al Cus Cagliari mentre Claudia Pinna, sempre per la società cagliaritana vince i 1500 in 4'38”68. Ancora Cus Cagliari nei 100 hs dove vince Marzia Caravelli in 13”84 davanti alla marchigiana Marta Tomassetti che finisce in 14”15. Chiude la carrellata dei risultati donne la 5km di marcia vinti da Marta Marcolini nel tempo di 23'52”26.

LIGURIA (Redazione): Nel reparto femminile corre e vince i 400 in 57”23 Martina Rosati per l'AtleticaSpezia CARISPE mentre nei 3000 siepi si mette in evidenza Emma Quaglia del Cus Genova che vince con l'ottimo tempo di 10'08”97. Bissa per il Cus Genova Silvia Salis nel martello che spara la palla alle soglie dei 70 metri (69.38) totalizzando un punteggio di 1133 punti mentre Federica Ferraro dell'Universale Alba Docilia vince i 5km di marcia in 23'34”47.
Tra gli uomini da segnalare un bel 1500 corso in 3'45”80 da Abdel Idrissi Ennaji per il Cus Genova e, sempre per la stessa società il 14”15 di Emanuele Abate nei 110hs.

CALABRIA (Redazione): Bene il 400 uomini con la vittoria di Charalambos Campolo per l'Atletica Minniti in 50”92 e di rilievo il giavellotto di Francesco Pignata che al primo e unico lancio valido scaglia l'attrezzo a 65.04 portando oltre 900 punti alla sua società di provenienza e cioè l'Asi Atletica Minniti. Tra le donne da rilevare il martello di Alessandra Pizzimenti della Nuova Atletica Fiamma Aranca che arriva alla misura di 48.26.

fonte: Redazione – Gabriele Di Giuseppe – Vincenzo Miceli – Mauro Ferraro – Alessandro Parlante – Michelangelo Granata – Fidal Lombardia
fonte foto: Alessandro Parlante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *