CAMPIONATI UNIVERSITARI A PISA, PRIMA GIORNATA – CHIARA ROSA OK

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Il cammino di Chiara Rosa verso i Giochi Olimpici di Pechino ricomincia da dove si era fermato: oggi a Pisa ha ottenuto un discreto 18.09, assai vicino al 18.05 lanciato a Spalato, nella sua ultima uscita invernale.
“In questi due mesi e mezzo mi sono allenata molto bene, sono carica di lavoro e non mi aspettavo niente di più da questa gara, priva di particolari stimoli” ha detto la simpatica padovana, che colleziona così il suo quarto titolo nazionale universitario (terzo consecutivo). “Tra una settimana gareggerò al Memorial Nebiolo di Torino, che darà indicazioni importanti in vista della convocazione per la Coppa Europa a Annecy, anche se ovviamente il clou della stagione sarà ad agosto”.

La presenza della primatista italiana di getto del peso ha nobilitato la prima giornata dei Campionati Nazionali Universitari, che si è svolta al Campo Scuola “Cino Cini” in condizioni atmosferiche variabili: pioggia insistente e forte vento trasversale la mattina, che fortunatamente si è poi tramutata in sole regalando un pomeriggio tiepido e gradevole.

E' piaciuto anche il giovane marchigiano John Mark Nalocca, che nei 110 ostacoli è riuscito a regolare atleti ben più esperti grazie a un finale convincente, mettendo in mostra determinazione e buona tecnica.
Sui 100 piani, sfruttando anche l'assenza di quelli che potevano essere i favoriti della vigilia, vale a dire Giuseppe Aita e Audrey Alloh, si sono imposti l'outsider bergamasco Andrea Luciani e la ventenne fermana Francesca Ramini, che dopo un ottimo avvio è riuscita a contenere il ritorno delle altre sprinter.

Il giro di pista ha visto il successo di Marco Francesco Vistalli, privo di riferimenti nella corsia più esterna, cioè la sesta, e di Elena Maria Bonfanti.
Lorenza Canali ha fatto valere le sue doti di velocità, infilzando Catia Libertone con un autoritario allungo finale nei 1500, così come ha fatto Francesco Nadalini, mentre la genovese Emma Quaglia ha dominato le siepi dall'inizio alla fine.
Il talentuoso livornese Andrea Lemmi ha portato una medaglia d'oro agli organizzatori del Cus Pisa con 2.17 nel salto in alto.
Nella poco partecipata gara di pentathlon, la migliore è stata Barbara Rustignoli, conosciuta anche per aver rappresentato la Repubblica di San Marino nelle manifestazioni internazionali degli ultimi anni.

In mattinata si era fatto notare il discobolo Giovanni Faloci, autore di un buon lancio oltre i 58 metri, nonostante la situazione meteo proibitiva che tra l'altro ha costretto a rinviare la gara di salto con l'asta femminile a sabato mattina. Comunque la macchina organizzativa nel complesso ha retto piuttosto bene, portando a termine il programma pur con qualche inevitabile e fisiologico ritardo.

Nella foto: Chiara Rosa subito dopo la premiazione

LE MEDAGLIE ASSEGNATE

Gare maschili. 100 m (-1.9): 1. Andrea Luciani (Cus Bergamo) 10.69; 2. Marco Scalpelli (Cus Camerino) 10.82; 3. Davide Pelizzoli (Cus Milano) 10.85
400 m: 1. Marco Francesco Vistalli (Cus Bergamo) 47.21; 2. Diego Zuodar (Cus Milano) 47.69; 3. Stefano Fornara (Cus Torino) 48.52
1500 m: 1. Francesco Nadalini (Cus Trento) 3:51.70; 2. Michele Lucardi (Cus Genova) 3:53.22; 3. Giovanni Bellino (Cus Bari) 3:53.80
3000 siepi: 1. Alessandro Ruffoni (Cus Milano) 9:13.03; 2. Paolo Ciappa (Cus Napoli) 9:21.32; 3. Matteo Olivi (Cus Urbino) 9:30.85
110 ostacoli (+1.2): 1. John Mark Nalocca (Cus Camerino) 14.16; 2. Sergio Castronovo (Cus Catania) 14.21; 3. Carlo Alberto Mainini (Cus dei Laghi) 14.26
Alto: 1. Andrea Lemmi (Cus Pisa) 2.17; 2. Alberto Bedin (Cus Udine) 2.11; 3. Sandro Finesi (Cus Macerata) 2.08
Asta: 1. Marco Boni (Cus Venezia) 5.10; 2. Lorenzo Catasta (Cus Ancona) 5.00; 3. Riccardo Lelii (Cus Ancona) 4.80
Triplo: 1. Gianluca Gasperini (Cus Trento) 15.21 (+0.8); 2. Mauro Quattrociocchi (Cus Cassino) 14.92 (-0.6); 3. Stefano Magnini (Cus dei Laghi) 14.87 (-0.5)
Disco: 1. Giovanni Faloci (Cus Camerino) 58.11; 2. Matteo Sacchi (Cus Pavia) 54.77; 3. Federico Apolloni (Cus Roma) 53.96
Martello: 1. Massimo Marussi (Cus Camerino) 67.08; 2. Lorenzo Rocchi (Cus Macerata) 65.50; 3. Dario Ceccarini (Cus Pisa) 61.00
4×100 m: 1. Cus Torino (Fenocchio, Bertotti, Fornara, Pistono) 41.96; 2. Cus Milano (Redaelli, Maggioni, Giacinti, Pelizzoli) 42.31; 3. Cus Firenze (Coppa, Ramalli, Gregori, Uccello) 42.82
Pentathlon: 1. Marco Colombo (Cus Padova) 3154; 2. Gaetano Politi (Cus Messina) 2873; 3. Nicola Laudadio (Cus Bari) 2681

Gare femminili. 100 m (+1.3): 1. Francesca Ramini (Cus Ancona) 12.17; 2. Marinella Maggiolo (Cus Padova) 12.21; 3. Francesca Dambruoso (Cus Verona) 12.24
400 m: 1. Elena Maria Bonfanti (Cus Milano) 54.63; 2. Alessia Tomassetti (Cus Bologna) 54.81; 3. Martina Rosati (Cus Genova) 55.96
1500 m: 1. Lorenza Canali (Cus Padova) 4:34.71; 2. Catia Libertone (Cus Molise) 4:36.40; 3. Maria Cristina Petralia (Cus Catania) 4:38.30
3000 siepi: 1. Emma Quaglia (Cus Genova) 10:18.74; 2. Cecilia Sampietro (Cus dei Laghi) 10:48.09; 3. Elisa Stefani (Cus Torino) 10:51.43
100 ostacoli (+1.8): 1. Marta Tomassetti (Cus Roma) 13.88; 2. Silvia Fazio Tirrozzo (Cus Padova) 14.26; 3. Cristina Chiani (Cus Roma) 14.48
Triplo: 1. Sara Fabris (Cus Padova) 12.89 (+1.0); 2. Marta Bianchini (Cus Roma) 12.66 (+2.5); 3. Barbara Prandi (Cus Parma) 12.56 (+1.0)
Peso: 1. Chiara Rosa (Cus Padova) 18.09 [17.35, x, 18.03, 18.09, x, 17.43]; 2. Giorgia Curti (Cus Parma) 11.46; 3. Michela Sica (Cus Milano) 10.58
Disco: 1. Valentina Aniballi (Cus Roma) 49.52; 2. Elena De Lazzari (Cus Padova) 43.86; 3. Giorgia Curti (Cus Parma) 41.09
4×100 m: 1. Cus Milano (Cavenago, Colombo, Fugazza, Nicassio) 47.59; 2. Cus Padova (Fazio Tirrozzo, Marcato, Maggiolo, Fabris) 48.10; 3. Cus Udine (Vesnaver, Chessa, Macchi, Tomadin) 48.28
Pentathlon: 1. Barbara Rustignoli (Cus Bologna) 3162; 2. Monika Müller (Cus Verona) 2718; 3. Valentina Orecchioni (Cus Sassari) 2270

fonte: Redazione
fonte foto: Atleticanet – Luca Cassai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *