34° HYPO MEETING IAAF: KARPOV E CHERNOVA PROTAGONISTI DELLE PROVE MULTIPLE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Si è disputata nell'appena concluso fine settimana, la 34^ edizione dell'Hypo Meeting di Gotzis, seconda tappa della IAAF Combined Events Challenge 2008 riservata alle prove multiple, che hanno visto protagonisti i migliori specialisti mondiali gareggiare in terra austriaca dopo la prima tappa disputata il mese scorso in Italia in occasione del Multistars di Desenzano.
Le premesse per un meeting di altissimo livello c'erano tutte, in quanto a livello maschile per il Decathlon erano presenti l'argento e il bronzo degli ultimi mondiali di Osaka, il giamaicano Maurice Smith e il kazaco Dimitry Karpov.
In campo femminile, la decisione di Carolina Kluft di gareggiare nel salto in lungo e nel triplo ha aperto la caccia alla futura protagonista della specialità femminile dell'heptathlon con la britannica Jessica Ennis favorità della vigilia in virtù di un personale di 6.469 punti ottenuto in occasione del titolo europeo under 23 ottenuto nel 2007, a fare da capofila alle attese atlete dell'est europeo ( russe e ucraine).

DECATHLON MASCHILE

Non ha tradito le attese Karpov, totalizzando al termine delle dieci fatiche l'ottimo punteggio di 8.504 pt finendo per una manciata di punti davanti al duo russo con Aleksey Sysoyev, secondo con 8.497 pt e Alexander Pogorelov terzo a 8.381 pt; vittoria finale decisa da uno splendido duello nel 1500 finale al fotofinish tra i due.
Escluso dalla lotta per il podio Smith, giunto 5° che può recriminare per le prove opache nel salto in alto (1.94) e nel giavellotto (53.54) e superato anche dal cubano Leonel Suarez, giunto 4° con il nuovo primato personale di 8.366 punti dopo uno strepitoso 1500 mt corso in 4.16.70 e una buonissima prova di giavellotto (70.64).
Giavellotto non brillante anche per Karpov, che però ha fornito nel complesso prestazioni convincenti (14.14 nei 110 hs) e (5.30 nell'asta 1004 pt. nella singola prova) che, se riconfermate gli permetteranno di puntare in alto in ottica Pechino, per un atleta ricordiamo bronzo ai Giochi di Atene 2004.

EPTATHLON FEMMINILE

A sopresa la britannica Ennis esce di scena dopo quattro prove al momento in cui si trovava in testa, non presentandosi in pedana del salto in lungo, lasciando così via libera al plotone delle atlete russe capaci di piazzare 4 atlete nelle prime 6.
A sopresa trionfa la giovane russa Tatyana Chernova, campionessa mondiale juniores in carica, capace di siglare il personale a 6.618 pt davanti all'ucraina Lyudmila Blosnka seconda con 6.570 pt e argento mondiale in carica e all'altra connazionale, Anna Bogdanova terza con 6.452 pt.
Anche in campo femminile vittoria finale decisa dall'ultima prova, un 800 da thrilling con la russa a superare e staccare l'avversaria nel rettilineo finale di 3 secondi, conquistando così i punti necessari alla vittoria.
Da segnalare l'ottima prova nel salto in lungo della vincitrice (6.78 pari a 1.099 pt) in un complessivo di rilievo; ( spiccano il 13.60 nei 110hs e 23.86 nei 200 mt); anche per la Chernova spetta il ruolo di sicura protagonista ai prossimi Giochi di Pechino.

Nella foto: il vincitore Dimitry Karpov in azione nel getto del peso

Risultati completi su:

http://www.iaaf.org/WCE08/results/eventCode=3982/index.html

fonte: www-iaaf.org
fonte foto: Franco Pizzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *