TOP CLUB CHALLENGE, 2A GIORNATA – VINCONO FIAMME GIALLE ED ESERCITO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Il Top Club Challenge di Firenze, che quest'anno è il massimo evento a squadre dell'atletica nazionale, ha fornito un risultato inedito: infatti per la prima volta un gruppo sportivo militare si è imposto nella classifica finale femminile. Se la neonata manifestazione viene considerata il naturale proseguimento dei Societari, così come erano concepiti fino all'anno scorso, si può dire che la Fondiaria SAI ha ceduto lo scettro del primato all'Esercito, dopo ben sei successi consecutivi a partire dal 2002. Nello stesso anno iniziava la striscia di vittorie anche per i dominatori del settore maschile, cioè i finanzieri delle Fiamme Gialle, che hanno invece continuato la serie.

La seconda giornata, pur priva di risultati eclatanti come il record italiano del giorno prima ad opera di Libania Grenot, ha comunque offerto alcuni spunti di interesse.
Nel salto in alto è piaciuto Andrea Bettinelli che, avendo vinto la gara con 2.26 senza commettere errori fin lì, ha provato a migliorare il proprio personale, chiedendo l'asticella a 2.32. Soprattutto il terzo e ultimo tentativo ha dato l'impressione che il bergamasco possiede senz'altro le potenzialità per superare la misura; in ogni caso è stata per lui un'ulteriore prova di efficienza, dopo aver già saltato per due volte 2.30 nel mese di giugno, l'ultima delle quali in Coppa Europa appena una settimana fa.

L'astista Anna Giordano Bruno, 27enne di San Vito al Tagliamento, ha prevalso con 4.30 e ha cercato invano di ottenere il 4.45 del minimo A che le avrebbe spalancato le porte della qualificazione per i Giochi Olimpici, oltre a rappresentare un miglioramento di cinque centrimetri del primato italiano da lei detenuto. “Peccato perché sono stata sicuramente penalizzata dal caldo patito durante una competizione che è stata messa in programma troppo presto, alle 15… Sarebbe stato meglio iniziare un paio di ore dopo, come ieri per i maschi”. Anna è nota nell'ambiente per essere un mirabile esempio di come poter coniugare sport e studio, entrambi ad alto livello. “A febbraio ho finito il dottorato in matematica, adesso spero di ottenere un assegno di ricerca per poter iniziare la carriera universitaria”, che richiede passione, tenacia e forza di volontà, doti che certo non mancano alla friulana. “Per me fare sport è importante, dopo aver passato tante ore al giorno davanti a un computer. Da tre anni mi alleno a Nova Gorica con lo sloveno Igor Lapajne, che da questa stagione segue anche Giorgio Piantella. Il mio tecnico qui a Firenze non è potuto venire per impegni di lavoro”, poiché svolge un mestiere un po' insolito: fa il capo croupier nel casinò della cittadina frontaliera.
La Giordano Bruno, fidanzata con un rugbista che gioca in serie C nel Pordenone, ama molto gareggiare vicino casa: “Il mio meeting preferito è quello di Lignano, dove l'anno scorso ho realizzato uno dei miei record. Vi partecipano sempre atlete di rango internazionale, con cui mi posso confrontare e poi lì posso saltare senza calamitare troppo l'attenzione del pubblico, a cui non sono abituata”.

Anche per Nicola Vizzoni la gara è iniziata nel primissimo pomeriggio, alle 14.30, quando lo Stadio “Luigi Ridolfi” era una fornace incandescente. “Ho effettuato dei lanci molto buoni in riscaldamento, poi in gara non sono andato oltre un 75.53. L'importante è comunque aver portato il massimo dei punti alle Fiamme Gialle. Sono soddisfatto di questa prima parte di stagione, ho ottenuto il minimo olimpico e mi sono comportato bene in Coppa Europa, dove però poteva venir fuori un risultato ancor migliore, date le buone condizioni di forma. Adesso, prima dei Giochi, ho in programma un test il 14 luglio al meeting EAA di Réthymno, nell'isola di Creta”. Il capitano azzurro ha dato tanto all'atletica italiana, ma non ha certo intenzione di mollare a breve: “Mi diverto ancora un sacco e continuerò finché proverò piacere nel lanciare. Con alcuni amici abbiamo fondato il “Team Hammer Throw”, guidati dal mio allenatore Riccardo Ceccarini e animati da un bello spirito di gruppo”.

Nelle gare di velocità si è rivisto Alessandro Cavallaro, vincitore sui 200 in 20.94 con un vento rilevato a +2.0, ma in realtà trasversale in curva. “Purtroppo sono reduce da un infortunio, ora mi auguro di trovare la gara giusta per realizzare un buon tempo”, dice il siciliano, a cui basterebbe un 20.75 per andare a Pechino, essendo forte del minimo A fatto nella passata stagione ai Giochi Mondiali Militari di Hyderabad.
La romana Giulia Arcioni, correndo in 23.60, ha confermato il suo buon momento; la più veloce è stata però la britannica Emma Ania del Cus Cagliari in 23.27.

Silvia Weissteiner (15:53.41), alla ricerca della giusta condizione, è stata nettamente sopravanzata sui 5000 da Elena Romagnolo (15:34.07), nella gara vinta dalla tanzaniana Mrisho.
Sui 400 ostacoli, Benedetta Ceccarelli con 56.48 ha vinto davanti alla rientrante Monika Niederstätter, mentre Nicola Cascella (50.93) ha regolato gli avversari nel settore maschile.

L'ormai 38enne Paolo Dal Soglio, con un lancio a 18.89, ha avuto la meglio nel peso su Paolo Capponi (18.56).
Il lungo femminile ha visto Magdelín Martínez trovare all'ultimo salto un 6.31 ventoso per battere l'uzbeka della Fondiaria SAI, Anastasiya Zhuravleva.

Il programma è stato chiuso dalla 4×400 vinta dai Carabinieri sulla Cento Torri Pavia, dove le Fiamme Gialle si sono dovute accontentare del terzo posto, prive di Barberi e con un avvio sottotono del giovane e promettente Galvan.
Il quartetto femminile dell'Esercito, con le nazionali Bazzoni e Milani, ha invece suggellato il proprio successo di squadra, festeggiato in tribuna con fiumi di spumante.

Fiamme Gialle ed Esercito rappresenteranno dunque l'Italia alla Coppa dei Campioni del prossimo anno. Per le società civili ci sarà l'occasione di prendere parte alla finale A Oro dei Campionati italiani per società, che si svolgerà a Lodi alla fine del mese di settembre.

Nella foto: il sorriso di Nicola Vizzoni, portacolori delle Fiamme Gialle vincitrici al Top Club Challenge di Firenze 2008

fonte: Redazione
fonte foto: Atleticanet – Luca Cassai

ALLEGATO: ANet_news_Tutti_i_risultati_29.6.2008.zip (36 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *