VECCHIO, UN ANGELO CON LE ALI A CATANIA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Il 1° giugno a Catania, in occasione dei Campionati Regionali Individuali Amatori/Master, Angelo VECCHIO ha superato 1,61 nel salto in alto stabilendo il nuovo primato italiano M60. L’atleta, nato a Catania il 26 aprile 1948, aveva eguagliato con 1,60 il 18 maggio scorso sempre nella stessa pedana ai C.d.S. Assoluti – 22 giorni dopo il suo ingresso nella nuova categoria – il record ottenuto da Lamberto Boranga, l’ex portiere di Foligno, il 30 settembre 2006 a Ostia.

Angelo è tra gli atleti etnei più longevi, una spanna appena sopra di lui si collocano i catanesi Isidoro MASCALI (classe 1939) e Carmelo SARDO (1945), il primo martellista e l’altro mezzofondista, il discobolo (ex decathleta) clarentino Giuseppe DISTEFANO (1941). Sedicenne saltava a 1,65 e pertanto può vantare una carriera lunga un arco di tempo di 44 anni, interrotta solo per un settennio (1973-1979) e se si aggiunge che la sua specialità del salto in alto è logorante come nessun’altra il tutto sa dell’incredibile.

Ugo POLITTI, scomparso nel 1992, organizzò il 4 aprile 1976, data ormai storica, la prima manifestazione di atletica su pista con i veterani dell’Unvs “Fontanarosa” alla Cittadella Universitaria di Catania e due anni dopo ideò, persona lungimirante, il Gran Premio d’Estate, il suo gioiello. Intento di Politti era quello di tenere in attività i “vecchietti” anche in questo periodo di stanca, il gran caldo dei mesi di luglio e agosto li avrebbe altrimenti fiaccati e tenuti lontano dall’amata pista. Il frutto copioso si è visto in questi lunghi anni con prestazioni di tutto rilievo tra corsa, marcia, salti e lanci. I vincitori del Gran Premio d’Estate sono nomi altisonanti: il marciatore taorminese di Boston Chico SCIMONE; il velocista di Enna Salvatore MARTINEZ; i fondisti nicolositi Angelo PETRALIA e Domenico RIZZO; il marciatore siracusano Vincenzo MINCELLA; i citati Isidoro MASCALI, Giuseppe DISTEFANO e Carmelo SARDO; il pistaiolo per eccellenza Salvatore PoORTO, quest’ultimo con un poker di successi (1984-1986-1987-1988); Nino GUZZETTA, che spaziava dai 100 ai 10.000 metri. Nino e Chico ci hanno lasciato di recente, rispettivamente a 81 anni nel 2002 e 93 nel 2005, dopo aver segnato un’epoca.

Il nostro campione Angelo VECCHIO, di professione chimico, sposato dal 1974 con Domenica Burgaretta, ha due figli, Giovanna di 30 anni, che vive nel Wisconsin (USA) da un anno e mezzo ed Emanuele di 28. Con il dono dell’eclettismo, pratica pure windsurf, canoa, pesca subacquea in apnea e dal 1975 judo non agonista, dove ricopre il grado di cintura nera quinto dan. Ritornando all’alto, Angelo ha scalato la vetta a quota 1,91 il 19 aprile 1970. La leggenda narra che quel giorno uno spettatore in tribuna al campo scuola di via Grasso Finocchiaro a Catania spense la radiolina per non disturbare la concentrazione del saltatore ed Alfio Vittorio Pistritto, presidente della Mongibello, si commosse sino alle lacrime. Vecchio aveva stabilito il nuovo primato siciliano assoluto, un centimetro in più del precedente fissato a 1,90 dal messinese Santo Tiano il 27 ottobre 1963 a Palermo ed eguagliato due anni dopo, sempre nel capoluogo dell’isola, dal palermitano Giuseppe Di Natale il 4 novembre 1965. Tra i suoi dieci migliori risultati figurano poi, oltre al tetto di 1,91, 1,87 (1972), 1,85 sei volte (cinque nel 1970 e una nel 1972), 1,84 (1969) e 1,82 (1969).

Passato amatore nel 1980, VECCHIO ha collezionato altri numeri da stordire: 26 salti a 1,75 o misure superiori sino al 2001, una costanza di rendimento ineguagliabile lunga ben 22 stagioni, come se si fosse appollaiato, nonostante il trascorrere degli anni, sempre alla stessa altezza. Cifre parlanti, l’Angelo che vola, raccontato del suo record assoluto, ha stabilito tutti i primati siciliani in ogni categoria nella quale man mano è entrato, a partire dalla M30 con 1,76 nel 1981. Più grandetto come M35 nel 1983 limite eguagliato a 1,75; M40 nel 1988 ancora 1,75, nel 1989 1,76, nel 1990 1,77; M45 nel 1993 1,75, nel 1995 1,76; M50 nel 2000 1,75, nel 2001 1,76; M55 nel 2003 1,70; M60 nel 2008 1,55, infine 1,60 P.I. eg., fallendo 1,70 e l’ultimo record di 1,61, tiro mancato a 1,63.

Nel pingue carniere del neoprimatista M60 vi si trovano 29 medaglie raccolte ai vari Campionati italiani Amatori/Master dal 1980 al 2006: 22 d’oro, 4 d’argento e 3 di bronzo. Davvero indistruttibile Angelo VECCHIO in pedana, ma lui ripete sempre “mi sento tutto rotto”…. Questi sono i nostri Amatori.

Tutte le medaglie di Angelo Vecchio
ai Campionati Italiani Amatori/Master
(22 d’oro – 4 d’argento – 3 di bronzo)

– Viareggio 21/06/1980 Indiv. 1,75 3° M30
– Firenze 14/02/1987 Indoor 1,73 1° M35
– Cagliari 10/10/1987 Imitt 1,70 1° M35
– Verona 27/06/1988 Imitt 1,65 1° M40
– Torino 25/02/1989 Indoor 1,68 2° M40
– Cesenatico 16/09/1989 Indiv. 1,73 1° M40
– Torino 03/03/1990 Indoor 1,71 2° M40
– Cesenatico 15/09/1990 Indiv. 1,66 1° M40
– Torino 24/02/1991 Indoor 1,69 2° M40
– Cesenatico 21/09/1991 Indiv. 1,70 2° M40
– Verona 23/02/1992 Indoor 1,74 1° M40
– Viareggio 19/09/1992 Indiv. 1,64 1° M40
– Montecatini 11/10/1992 C.d.S. 1,72 3°
– Firenze 06/02/1993 Indoor 1,74 1° M45
– Cesenatico 11/09/1993 Indiv. 1,68 1° M45
– Caorle 17/09/1994 Indiv. 1,67 1° M45
– Napoli 18/02/1995 Indoor 1,74 1° M45
– Cesenatico 22/09/1995 Indiv. 1,74 1° M45
– Cesenatico 29/06/1996 Indiv. 1,69 1° M45
– Formia 28/09/1996 C.d.S. 1,72 3°
– Cesenatico 12/09/1997 Indiv. 1,66 1° M45
– Napoli 01/02/1998 Indoor 1,60 1° M50
– Viareggio 20/06/1998 Indiv. 1,66 1° M50
– Formia 19/06/1999 Indiv. 1,66 1° M50
– Marina di Pietrasanta 30/09/2000 C.d.S. 1,69 1°
– Salerno 26/05/2001 Indiv. 1,66 1° M50
– Cesenatico 27/09/2003 C.d.S. 1,66 1°
– Formia 02/10/2004 C.d.S. 1,63 1°
– Misano Adriatico 11/06/2006 Indiv. 1,57 1° M55

Tutti i 26 salti di Angelo Vecchio a 1,75 e oltre
dal 1980 – primo anno amatore

1 – 1,77 20/04/1985 Fidal
2 – 1,77 11/02/1990 M40 PR
3 – 1,76 08/11/1981 M30 PR
4 – 1,76 12/03/1989 M40 PR
5 – 1,76 26/03/1995 M45 PR
6 – 1,76 02/06/2001 M50 PR
7 – 1,75 21/06/1980 M30
8 – 1,75 10/05/1981 M30
9 – 1,75 25/04/1982 M30
10 – 1,75 10/07/1982 M30
11 – 1,75 16/10/1982 M30
12 – 1,75 14/05/1983 M30 PR eg.
13 – 1,75 05/05/1985 M35
14 – 1,75 03/05/1986 M35
15 – 1,75 18/05/1986 M35
16 – 1,75 17/04/1987 Fidal
17 – 1,75 11/07/1987 M35
18 – 1,75 30/10/1988 M40 PR
19 – 1,75 20/05/1989 M40
20 – 1,75 10/06/1989 M40
21 – 1,75 02/07/1990 M40
22 – 1,75 02/09/1990 M40
23 – 1,75 27/04/1991 M40
24 – 1,75 27/06/1993 M45 PR
25 – 1,75 08/07/2000 M50 PR
26 – 1,75 16/06/2001 M50

fonte: Fidal catania
fonte foto: M. Granata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *