TRIALS U.S.A., GAY FUORI È DIX LA STELLA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Finale a sorpresa nei 200 dopo l’infortunio di Tyson Gay nei quarti, con Walter Dix a spuntarla al fotofinish su Shawn Crawford. Risultati superlativi ma condizionati dal vento sulle gare di ostacoli e 200 femminili, la Stuczynski nell’asta va ancora più su.

Una finale così sui 200 nessuno l’avrebbe mai pronosticata: un duello spalla a spalla fra il torello prodigio dello sprint americano Walter Dix ed il navigato Shawn Crawford, campione olimpico in carica, con Tyson Gay spettatore della sua gara preferita, nella quale non potrà essere ai Giochi di Pechino. Per Gay un duro colpo cui si aggiungono i dubbi amletici di un infortunio, un forte crampo in realtà, di cui bisognerà valutare gli esiti nei prossimi giorni. La sensazione è che Gay abbia pagato con gli interessi quel lanciato superveloce da 9”68, un picco cui neanche i muscoli del campione del mondo passano indenni. Staremo a vedere come Tyson Gay si riprenderà dalla batosta.
Ma torniamo alla gara, che ha visto Dix centrare la sua seconda chance di partecipazione alle Olimpiadi. Oltre ai 100 ora anche i 200, dove si è imposto con 19”86, stesso tempo di Crawford secondo, mentre al terzo posto è finito il regolare Wallace Spearmon con 19”90. Quarto con 19”99 Rodney Martin cui rimane la possibilità di disputare la staffetta 4×100 alle Olimpiadi. Altro grande assente della gara è stato Xavier Carter, che ha rinunciato a partire per la finale a causa di forti dolori alla caviglia sinistra prodotti da uno sperone osseo e relative calcificazioni. X-Man rimane dunque completamente fuori dai Giochi Olimpici e non è detto che la sua stagione finisca qui.
Chi proseguirà la corsa verso Pechino, e che corsa, è quel meraviglioso talento di Allyson Felix. “Zampe di gallina”, così la chiamavano i compagni al College, ha ancora una volta dimostrato di valere una spanna di più delle altre, vincendo i suoi 200 in 21”82, tempo straordinario sia pur aiutato da una folata di vento di oltre 5 metri a favore. La Felix dopo la delusione nei 100, ha così ritrovato il sorriso e la potremo ammirare già il prossimo venerdì nei 400 al Golden Gala. Dietro di lei ha continuato a convincere la graziosa Muna Lee, seconda in 21”99, e l’altra giovane sprinter Marshevet Hooker, terza in 22”20. Fallisce invece la qualificazione olimpica Bianca Knight, il giovanissimo talento della velocità americana, divenuta professionista anticipando un po’ i tempi appositamente per partecipare alle Olimpiadi. Niente da fare, il pur buono 22”25 non è stato sufficiente per andar meglio del quinto posto, sopravanzata anche da Lauryn Williams con 22”21.
Se sui 200 si è andati forte che dire dei 100 hs, dove Lolo Jones si è lanciata per un fantastico 12”29, crono d’altri tempi che nonostante gli oltre tre metri alle spalle, dice parecchio sull’eccezionale stato di forma dell’americana. A seguire Damu Cherry con 12”58 e Dawn Harper con 12”62. Sui 110 Hs prova di forza del gigante David Oliver che precede sul traguardo Terrence Trammell in un eccellente 12”95 contro 13”00, con vento +3,5 m/s. Oliver aveva già corso in semifinale in 12”89, anche in quel caso con vento oltre i limiti +3,2 m/s.
Nell’asta femminile continua la scalata di Jenn Stuczynski, sempre più seria antagonista della russa Yelena Isinbayeva. L’americana stavolta è salita sino a 4,92, tentando per due tentativi ma senza successo il record mondiale a 5,02.
Da segnalare infine le vittorie di Aarik Wilson nel triplo con 17,43 e di Bernard Lagat sui 1500. Per il keniano naturalizzato statunitense ci sarà ancora la possibilità come per Osaka 2007 di bissare 1500 e 5000. Al seguente link la lista ufficiosa della squadra olimpica americana http://www.trackandfieldnews.com/display_article.php?id=23915

fonte: Trackandfieldnews
fonte foto: usatf.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *