BOLT 19″67, GIBILISCO CENTRA IL MINIMO OLIMPICO E ROMAGNOLO RECORD ITALIANO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Senza troppo rumore, ieri sera ad Atene il giamaicano Bolt ha corso i 200mt in 19″67 stabilendo, a ridosso dell'evento olimpico la miglior prestazione mondiale dell'anno. Nella stessa riunione il nostro Giuseppe Gibilisco ha saltato 5.55 mettendosi così in regola per una convocazione in azzurro in occasione delle olimpiadi di Pechino. Ancora in crescita Elena Romagnolo che stabilisce il secondo record italiano sui 3000st in nemmeno tre mesi.

Tornando a Bolt, il suo 19″67 rappresenta qualcosa di molto vicino ad una medaglia olimpica. Ha corso facile e veloce nonostante un vento contrario di 0,5 andando a stabilire il quinto tempo all-time della distanza. A fine gara Bolt ha dichiarato: “Sono molto soddisfatto della gara e il pubblico mi ha supportato moltissimo. Sarò un osso veramente duro da battere ai prossimi giochi olimpici“.

Ma come abbiamo detto questo meeting non è stato solo Bolt, anche Stefan Holm si è fatto valere alla grande. Nell'alto maschile, l'atleta svedese ha saltato 2.37 andando, a sua volta a stabilire il nuovo limite mondiale stagionale che era dell'americano Dusty Jonas con un solo centimetro in meno. Holm ha poi provato senza successo le tre prove a 2.40. Nella stessa gara, due nostri connazionali, per la verità non troppo in evidenza. A 2.20 e con il nono posto si è fermato Nicola Ciotti; poco dopo alla misura di 2.24 anche Andrea Bettinelli ha interrotto la sua gara. Forse un piccolo calo di tensione per i nostri altisti dopo una stagione senz'altro intensa, positiva e proiettata verso l'appuntamento di Pechino.

Ancora azzurri di cui parlare: nei 100 vinti dal bahamense Derrick Atkins in 10″10, si rivede Fabio Cerutti che nella prima serie corre in 10″40 con un vento contrario di 0,3 m/s. Mentre una nota più che lieta arriva dalla pedana del salto con l'asta dove Giuseppe Gibilisco salta 5.55 andando a prenotare un posto per l'aereo verso Pechino. E' un ottima notizia, soprattutto dopo l'incerto rientro dell'atleta siciliano ai recenti cds veneti dove non era riuscito a saltare la misura d'entrata finendo la gara con tre nulli. La gara dell'asta è stata vinta con 5.90 dal campione del mondo in carica e primatista mondiale stagionale Brad Walker.

Ordinaria amministrazione (si fa per dire) per il nuovo recordman mondiale degli ostacoli alti, Dayron Robles che con una bava di vento contrario (-0,1) vince la gara in 13″04. Piccola sorpresa invece tra le barrirere basse dove il sudafricano L.J. van Zyl migliora il suo personale stagionale andando a vincere in 48″22 (terza prestazione mondiale dell'anno) sul giamaicano Danny McFarlane che termina in 48″67.

Chiudiamo la carrellata dei risultati maschili con un post-it per il nostro Andrew Howe: nella gara del lungo vince Louis Tsatoumas con 8.44 (season best) davanti al cubano Ibrahim Camejo (8.27) e all'americano Brian Johnson che chiude con la misura di 8.10.

Dal lato dei risultati femminili segnaliamo senz'altro il nuovo record italiano di Elena Romagnolo nei 3000st con il tempo di 9'31″19 che va a migliorare il già suo 9'37″26 fatto a maggio di quest'anno. Per l'atleta azzurra una gara perfetta con un “treno” più che adeguato per arrivare ad una prestazione di questo genere: in meno di due secondi e mezzo sono arrivate la bellezza di ben nove atlete!

Ad andar veloce sul serio ci ha pensato Veronica Campbell-Brown che vince i 100 in 10″92 in netto vantaggio sul terzetto giunto dietro. Piazza d'onore per Chandra Sturrup che giunge seconda in 11″14 e terzo posto conteso tra le americane Angela Williams e Me'Lisa Barber, entrambe arrivate col tempo di 11″15. Dopo la lettura del photofinish, il terzo posto sarà assegnato alla Williams.

E per finire, ancora una volta scriviamo di Sanya Richards che, non paga del jackpot vinto lo scorso anno in Golden League, continua a macinare grandi risultati. Ieri sera ha corso i 400 in 49″86 andando a migliorare (per la terza volta quest'anno) il suo personale stagionale.

fonte: Michalis Nikitaridis / IAAF
fonte foto: Eckhard Pecher

ALLEGATO: ANet_news_I_risultati_completi_14.7.2008.html (83 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *