VILLANI VA A CENTRARE MINIMO A OLIMPICO E RECORD PERSONALE IN BELGIO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Con il tempo di 8'21″73 centra il pass Olimpico in una gara spasmodica dove il vincitore il keniano naturalizzato statunitense, Paul Koech, tentava il record del mondo ma si è accontentato di vincere con il crono di 8'00″57.

Nel meeting belga,the KBC Nacht, l'atleta originario della provincia di Parma, ma cresciuto tra i mezzofondisti della Fratellanza Modena, allenato dalla vecchia gloria del mezzofondo olimpico, Renzo Finelli, è riuscito questa volta a battere anche la malasorte che lo attanagliava da alcuni meeting, riuscendo a scendere sotto il fatidico muro del minimo A Olimpico di 8'24″60.

In Spagna a Huelva, qualche settimana fa, aveva già stabilito abbondantemente il minimo B Olimpico correndo in8'25″ 85, ma questo non bastava al Coni quindi atleta e tecnico sono andati alla ricerca di un meeting che gli permettesse di strappare il fatidico pass Olimpico.

Al Golden Gala di Roma, dopo un calo di tensione nervosa dovuto al fatto che prima della partenza della gara aveva saputo che non ci sarebbe stata una lepre per tirare la gara, Villani aveva preferito fermarsi, gli rimanevano come ultima chance i campionati italiani di Cagliari o il prestigioso meeting belga.
Nonostante qualche rassicurazione di una sua partecipazione anche con il minimo B da parte della federazione, poi caduta dopo il niet del Coni, l'atleta ha preferito giocarsi la sua ultima carta in Belgio arrivando a pochi decimi dal gradino più basso del podio che è stato aggiudicato quasi al fotofinish.
Il crono stabilito al meeting KBC Nacht è abbondantemente al di sotto del minimo A olimpico ed i risultati ottenuti dal giovane atleta lo rendono abbastanza affidabile per un'avventura Olimpica, unico neo per l'atleta, l'incertezza con cui ha dovuto giocarsi questo importante traguardo, ottenuto tra allenamenti e meeting internazionali e i suoi studi universitari.

fonte: Gino Esposito
fonte foto: Gino Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *