DN GALAN STOCCOLMA – KBC NIGHT OF ATHLETICS

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

DN GALAN STOCCOLMA – 22 luglio 2008

100m: Asafa Powell si è lanciato dai blocchi in quella che sembrava una prima posizione inattaccabile, ma aveva fatto i conti senza il detentore del record del mondo: Usain Bolt. L’atleta Giamaicano ha, senza sforzo, accorciato la distanza fra se ed il campione. Powell ha prevalso con un tempo di 9.88 ed un margine molto risicato, una migliore partenza avrebbe portato Bolt ad insidiare l’avversario ancora più da vicino.

Fra le donne, l’ordine di arrivo si è deciso fin dai blocchi, con Lauryn Williams (11.10) in prima posizione, seguita da Marshevet Hooker (11.13) e Chandra Sturrup (11.14).

In terza e quarta posizione si sono piazzati Jaysuma Ndure (Norvegia) e Richard Thompson (Trinidad e Tobago), entrambi con il tempo di 10.06, è stato il fotofinish a stabilirne le posizioni.

5000m: una corsa potente e decisa non è stata sufficiente a Meseret Defar per riappropriarsi del record del mondo che le era stato strappato da Tirunesh Dibaba il 6 Giugno ad Oslo (14:11.15). L’atleta, messasi fin dall’inizio all inseguimento della lepre, e conducendo una gara contro il tempo più che contro le avversarie, ha chiuso in 14:12.88.

110 ostacoli: Dayron Robles, con una corsa fluida, reattiva e con un eccellente 12.91 ha riaffermato il proprio primato sull’avversario David Oliver (13.04)che l’aveva battuto a Berlino

Nella gara femminile, le più veloci sono state la canadese Priscilla Jones (12.61) e la statunitense Lolo Jones (12.64), peccato che le due non si siano potute scontrare, avendo vinto due sezioni separate.

1000m: Splendida vittoria di Abubaker Kaki, campione del mondo Indoor e campione Junior sugli 800. L’atleta ha avuto la meglio su Youssef Kamel, dopo uno scontro serrato, stabilendo il record del mondo Junior, il record della pista e correndo più forte di chiunque altro quest’anno.

400m: Jeremy Wariner ha neutralizzato ogni opposizione fin dai 150m, vincendo agevolmente in 44.29, tempo più che sufficiente a tenere alla larga il secondo classificato Chris Brown.

Fra le donne, anche Sarah Richards ha portato facilmente a segno la sua vittoria chiudendo in 50.38.Seconda La Giamaicana Novlene Williams (50.85), terza Allyson Felix(50.88).

Salto in lungo: la Portoghese Gomes ha realizzato il record nazionale e ha fatto molto bene con 7m netti al primo salto (-0.4 ms)seguito da un 7,04 (-0.3 ms), da due salti da 6.97 e 6.85 e due nulli.Dietro di lei la statunitense Brittany Reese (6.80) e la scedese Carolina Kluft (6.71)

Salto in alto e salto con l’asta: Nessuna sorpresa fra le donne in queste due gare, vinte rispettivamente da Yelena Isimbayeva (4.85) e Blanka Vlasic (4.85)

3000m: la vera gara non è iniziata che a 2 giri dalla fine quando l’australiano Craig Mottram si è portato prepotentemente in testa, senza che la sua posizione fosse mai seriamente minacciata, e ha chiuso in 7:37.73. Secondo Isaak Songok (7:38.97), terzo Dahan Bashair.

3000 siepi: lo stadio si è alzato per incitare Mustafa Mohamed, in testa all’inizio del rettilineo. L’atleta, tuttavia, si è dovuto accontentare del terzo posto, chiudendo con 18:14.77 dietro ai kenyani Kipyego(18:14.35) e Kiprotich (18;14.52).

Staffetta: La squadra femminile statunitense è stata stracciata da quella Cubana (42.90 a 42.40); sono stati gli uomini a preservare l’orgoglio U.S.A. con una vittoria in 37.99, il tempo più veloce di quest’anno

Quanto alle altre gare, i campioni olimpici Stefen Holm (Svezia) e Andreas Thorkildsen (Norvegia) hanno vinto rispettivamente nel salto in alto (2.30m) e nel giavellotto (87.36m).

L’atleta svedese del salto triplo, Christian Olsson, di ritorno da un infortunio che lo aveva bloccato per un anno, ha realizzato uno splendido 17.00m al secondo tentativo, ma degli altri tre salti, ne ha passati tre e ne ha sbagliato uno. Sembra inoltre che il campione si sia infortunato di nuovo .La gara l’ha vinta Il rumeno Marian Oprea con una misura di 17.25 al secondo salto.

KBC NIGHT OF ATHLETICS – 20 luglio 2008
Grazie a Kim Geveart e Tia Hellebaut la KBC night si è trasformata, ancora una volta, nella giornata dell’atletica belga.

Kim ha avuto la meglio su avversari di livello mondiale vincendo i 100 m in 11.20, da parte sua, la Hellebaut si è aggiudicata l’oro nel salto in alto giungendo a quota 2.00 m.

Bene anche Monder Rizki che, sui 5000, ha sorpreso, guadagnandosi la terza posizione e il record personale con un ottimo 13.04.06 il secondo miglior tempo belga di sempre . Paul Kipsiele Koech, nei 300 ostacoli, è riuscito ad illuminare la serata con un tempo di 8.00.57, che gli vale la miglior prestazione stagionale del mondo.

L’intento della gara di oggi era di ottenere la qualificazione del maggior numero possibile di atleti belgi per le olimpiadi di Pechino; le condizioni meteorologiche, tuttavia, erano tutt’altro che favorevoli, a causa del vento e delle basse temperature. Ne ha pagato le conseguenze Elodie Ouedraogo, solo 56.58 sui 400 ost.

Neanche i gemelli Borlèe hanno ottenuto buoni tempi. Kevin Borlèe, tuttavia ha vinto i 400 m mentre il fratello ha ottenuto la seconda posizione contro avversari importanti.

Nei 3000 siepi Krijn Van Koolwijk e Pieter Desmet, che puntavano alla qualificazione, l’hanno mancata per poco.

Fra le donne Sigrid Vanden Bempt si è piazzata subito dietro a Veerle Dejaeghere senza riuscire a qualificarsi
mentre il 5.60m di Kevin Rans nel salto con l’asta gli è valso il terzo posto ma non Pechino.

I 3000m donne si sono trasformati in un feroce duello fra Jennifer Barringer e Anna Willard. La Barringer ha avuto la meglio nello sprint, abbattendo il record nazionale della sua compatriota con un tempo di 9:22.73.
Negli 800m uomini, il canadese Gary Reed ha raggiunto un ottimo risultato mentre, ancora una volta quella dei 5000m è stata una gara di alto livello, vinta da Murat Morafit in 13:02.84: un vero omaggio a Tom Compernolle, a cui la gara era dedicata.

Insomma, il vasto pubblico ha potuto godere di una serata spettacolare, ricca di prestazioni di altissimo livello e illuminata da ottimi risultati da parte dell’atletica belga.

fonte: sport.be – iaaf.org
fonte foto: Gino Esposito – Atleticanet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *