LJUBLJANA 2008: LANCI – OSTACOLI- MULTIPLE – MARCIA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Per concludere l'analisi settoriale sulle medaglie azzurre a Lubiana esaminiamo (dopo velocità, mezzofondo/fondo e i salti) le rimanenti specialità. Dai lanci sono venute 14 medaglie (di cui 6 d'oro); dagli ostacoli 11 (di cui 2 d'oro); dalle prove multiple 5 medaglie (nessun oro); dalla marcia 22 medaglie (di cui 7 d'oro).

LANCI
L'erculeo Carmelo RADO (nella foto) è arrivato a Lubiana a pochi giorni dal suo 75esimo compleanno (nato il 4 agosto 1933) e ha gareggiato nella categoria M70. Nel lancio del disco ha fiondato l'attrezzo da 1 kg. a 48,54 e cioè una misura che sarebbe di circa 3 metri superiore al record mondiale di categoria. Per capire la sua performance bisogna precisare che ha lasciato il secondo classificato (dell'esercito dei lanciatori tedeschi) a sei metri di distanza. La sua è stata, per così dire, una prova generale prima delle gare di settembre e ottobre dove intende siglare vari record (ad età compiuta) nelle specialità di lancio e nel pentathlon lanci. A Lubiana, se ce n'era bisogno, si è potuto riscontrare che RADO è per molti master di varie nazioni uno tra gli atleti più rispettati e considerati, un grande portabandiera del nostro movimento master a livello internazionale. E su questo piano un notevole contributo lo hanno dato anche Mario RIBONI e Gabre GABRIC, rispettivamente i partecipanti più anziani tra uomini e donne di Lubiana. RIBONI in particolare ha destato meraviglia per due fatti: da 95enne (e ipovedente) eseguire la rotazione completa nel lancio del disco; eppoi il salto giù dal palco del podio da buon ex-bersagliere che vale come prova di efficienza più di tante prestazioni tecniche. Diciamolo pure con orgoglio: questi tre master ci sono invidiati, specie dai tedeschi.
Tra gli altri lanciatori in luce la friulana Brunella DEL GIUDICE che ha concluso questa esperienza con 2 argenti e un bronzo, più la nuova m.p.i. MF65 del pentathlon lanci. La brava Brunella ha mancato la grande occasione da titolo nel lancio del martellone in cui è rimasta al di sotto delle sue potenzialità.

LANCI (14=6+4+4)
Medaglie d'ORO
M70 – Disco: Carmelo RADO 48,54
M95 – Peso: Mario RIBONI 5,92
M95 – Disco: Mario RIBONI 16,23
W90 – Peso: Gabre GABRIC 4,73
W90 – Disco: Gabre GABRIC 11,86
W90 – Giav: Gabre GABRIC 7,97
Medaglie d'ARGENTO
M85 – Peso: Bruno SOBRERO 9,01
M85 – P. Lanci: Giuseppe ROVELLI pt.2.878
W65 – MMC: Brunella DEL GIUDICE 14,11
W65 – P Lanci: Brunella DEL GIUDICE pt.4.369
Medaglie di BRONZO
M55 – Peso: Xhavit DERHEMI 12,67
M55 – Giav: Fabio DIOTALLEVI 49,96
M80 – P. Lanci: Salvatore DE BONI pt.2.290
W65 – Martello: Brunella DEL GIUDICE 32,38

OSTACOLI
Pur con alcune assenze di rilievo, i nostri specialisti degli ostacoli hanno messo assieme un discreto bottino. La varesina Emanuela BAGGIOLINI s'è ripetuta sui 400hs delle W35 dopo il titolo mondiale dello scorso anno. Per lei una bella soddisfazione dopo una stagione cominciata in ritardo per infortunio. Al suo fianco sul podio come 2° la romagnola Cristina AMIGONI che in Italia ha gareggiato quest'anno nella categoria superiore.
Però la gara più emozionante per gli italiani degli ostacoli è stata quella sulla distanza dei 300 metri M60 con un rettilineo elettrico tra l'emergente Antonio MONTARULI (finito vincitore) e l'udinese Sandro URLI che ha tentato di mantenere la leadership italiana ed europea.
Nella categoria M40 ottimo l'astigiano Roberto AMERIO all'argento sia sui 110 che su 400 metri, che in seguito s'è fregiato dei due ori nelle staffette 4×100 e 4×400.

OSTACOLI (11=2+5+4)
Medaglie d'ORO
M60 – 300hs: Antonio MONTARULI 45″96
W35 – 400hs: Emanuela BAGGIOLINI 1'02″29
Medaglie d'ARGENTO
M40 – 110hs: Roberto AMERIO 15″65
M40 – 400hs: Roberto AMERIO 57″22
M80 – 80hs: Silvano PIERUCCI 18″91
M85 – 80hs: Bruno SOBRERO 22″30
W35 – 400hs: Cristina AMIGONI 1'06″0
Medaglie dI BRONZO
M35 – 400hs: Marco AGOSTINELLI 57″10
M55 – 80hs: Tullio HROVATIN 16″78
M60 – 80hs: Antonio MONTARULI 16″45
M60 – 400hs: Sandro URLI 47″16

PROVE MULTIPLE
Assente il nostro atleta più forte della specialità, il primatista mondiale di decathlon M50 Hubert INDRA, questa volta le prove migliori sono state di due atlete nell'eptathlon, entrambe a medaglia con il nuovo record italiano di categoria: l'emiliana Rossella ZANNI è progredita ancora dopo Bressanone di oltre 200 punti classificandosi 3° tra le W40 con un totale di 4.755 punti; la meranese Ingeborg ZORZI è stata addirittura 2° tra le W60 con l'eccellente totale di 5.413 punti e un altro record conseguito nel corso delle prove con 1,28 nel salto in alto.
La soddisfazione dell'argento è andata anche al bresciano Francesco ONOFRI tra gli M40 con 6.213 punti, dopo che lo scorso anno a Riccione e nell'inverno a Clermont-Ferrand era stato tenuto fuori dal podio da fior di specialisti con passato da olimpionici.

PROVE MULTIPLE (5=0+3-2)
Medaglie d'ARGENTO
M40 – Decathlon: Francesco ONOFRI pt.6.213
M85 – Penta: Bruno SOBRERO pt.2.879
W60 – Epta: Ingeborg ZORZI pt.5.413
Medaglie dI BRONZO
M80 – Deca: Slvano PIERUCCI pt.4.361
W40 – Epta: Rossella ZANNI pt.4.755

MARCIA
Il bottino della marcia è ricco, ma andrebbe in un certo senso depurato dalle classifiche “a squadre” che appaiono un sovrappiù con un labile valore agonistico. Allo stesso modo dovrebbero esistere per analogia le classifiche a squadre nei salti o in tutte le specialità; cosa che nessuno ha mai reclamato. Detto ciò, gli azzurri hanno conseguito 4 titoli individuali, tutti nelle prove su strada per merito di: Roberto DEFENDENTI tra gli M40 (miglior tempo assoluto della 20 Km. con 1°34'19″); Alfredo TONNINI tra gli M75; Lino TADEI tra gli M85 (alla nuova m.p.i. di categoria con 2°58'39″); i 10 Km. W40 alla toscana Milena MEGLI. Anche a Lubiana in questo settore di specialità si è osservata una crescita sensibile della concorrenza internazionale, mentre tra le nostre file stentano a proporsi nuovi master provenienti dalle esperienze assolute. In particolare continua a latitare un fenomeno come Graziano MOROTTI.

MARCIA (22=7+10+5)
Medaglie d'ORO
M35-40 Marcia Squadre Km.20: DEFENDENTI-GERONIMO-ZANOLLI
M40 – Marcia Km.20: Roberto DEFENDENTI 1°34'19″
M75 – Marcia Km.20: Alfredo TONNINI 2°21'12″
M85 – Marcia Km.20: Lino TADEI 2°58'39″
W35- Marcia Squadre Km.10: FERLUGA-MEGLI-AURIZZI
W40 – Marcia Km10: Milena MEGLI 55'11″
W45-50 Marcia Squadre Km.10: MARCENCO-RICCIUTELLI-MINNELLA
Medaglie d'ARGENTO
M35 – Marcia km.5: Bachisio FAEDDA 23'07″05
M40 – Marcia km.5: Gianni SIRAGUSA 24'52″93
M45-50 Marcia Squadre Km.20: CALDARELLI-GIANI-TAMBURINI
M55 – Marcia Km5: Roberto CERVI 26'07″06
M55-60 -Marcia Squadre PIASER-FORTUNATI-ZAPPON
M70 – Marcia K20:Romolo PELLICCIA 2°04'46″
M75 – Marcia Km5: Alfredo TONNINI 33'18″92
M85 – Marcia Km.5: Lino TADEI 40'45″81
W50 – Marcia Km.5: Natali MARCENCO 28'46″40
W50 – Marcia Km.5: Natali MARCENCO 1°00'07″
Medaglie dI BRONZO
M60 – Marcia Km20: Roberto PIASER 2°03'09″
M65-70 Marcia Squadre Km.20: PELLICCIA-DE LUCIA-ANDREOTTI
W35 – Marcia Km.5: Fulvia FERLUGA 26'51″38
W35 – Marcia Km.20: Fulvia FERLUGA 55'00″
W50 – Marcia Km.10: Daniela RICCIUTELLI 1°00'43″

Slovenia-Italia
Arg. – M55 – Marcia Km.5: Fabio RUZZIER 25'57″25
Arg. – M55 – Marcia Km.20: Fabio RUZZIER 1°51'51″

NUOVI RECORDS
M70 – Giav: Luigi BROLO 40,73
M75 – Disco: Carmelo RADO 48,54 (“pre”)
M85 – Penta: Bruno SOBRERO pt.2.879
M85 – Marcia Km.20: Lino TADEI 2°58'39″
M90 – P. Lanci: Giuseppe ROVELLI pt.2.878 (“pre”)
F40 – Epta: Rossella ZANNI pt.4.755
F60 – Epta: Ingeborg ZORZI pt.5.413
F65 – P, Lanci: Brunella DEL GIUDICE pt.4.369
F80 – P. Lanci: Anna FLAIBANI pt.2.719
F90 – Peso: Gabre GABRIC 4,73

fonte: EVACS-Atleticanet
fonte foto: W. Corbelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *