APPUNTAMENTO AZZURRO – 20/08

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Nel corso della quinta giornata ancora un record mondiale abbattuto per la zarina russa Isimbayeva (5,05m) che mette la ciliegina sulla torta alla sua medaglia d’oro (fin troppo scontata!). E’ il terzo mondiale stabilito nel Nido di Pechino, il secondo femminile dopo quello dell’altra russa Samitova-Galkina nei 3000siepi.
Oltre a lei, ieri, grande prestazione della keniana Jelimo negli 800m, ancora una volta in questa stagione al record mondiale juniores con 1’54”87, in una gara stellare con la settima (l’ucraina Krevsun) che ha chiuso in 1’58”73; peccato per Elisa Cusma che pur correndo su tempi d’eccellenza, resta un po’ all’ombra di questi “mostri sacri” che imperversano da un paio di stagioni.
Da segnalare anche la storica tripletta americana nei 400H degli Usa con il “vecchio” Taylor, che si riconferma campione olimpico otto anni dopo Sidney 2000, davanti ai connazionali Clement e Jackson.
Per quanto riguarda l’Italia, nessun azzurro è sceso in campo ieri pomeriggio.
Questa mattina invece Vincenza Calì ha ottenuto il passaggio del turno (sesto tempo ripescato) finendo sesta nella quinta batteria (vinta dalla jamaicana Campbell con 23”04), siglando il tempo di 23”44. Decisamente meglio dovrà fare questo pomeriggio per ambire all’accesso alla semifinale di domani.
Male invece la Bani che ha chiuso la qualificazione senza misure valide (come ieri la Salis nel martello), uscendo in lacrime dallo stadio olimpico.

Domani mattina nessuna sessione mattutina prevista; lo stadio riaprirà alle 19,00 ore locali per i turni eliminatori degli 800m maschili (nessun italiano in gara, la candidatura dell’altoatesino Riffeser era stata bocciata dal Coni); per l’Italia scenderanno in campo la Claretti nella finale del Lancio del Martello e l’attesissimo Giuseppe Gibilisco nelle qualificazioni del Salto con l’Asta. Eventualmente anche la Calì, se sarà brava e fortunata questo pomeriggio.

19,00 800m U (batterie)
19,20 Lancio del Martello D (finale): Clarissa Claretti
si riconferma, nonostante i problemi di inizio stagione, in una finale mondiale (quest’anno addirittura olimpica) dopo il settimo posto dello scorso anno. Settimo posto che potrebbe migliorare se riuscirà a rimanere serena come ha fatto in qualificazione e a lanciare come ha dimostrato di poter fare in questo ultimo scorcio da stagione. Le medaglie però, se tutte lanceranno ai propri livelli, sembrano essere ancora su un altro pianeta con la bielorussa Miankova (quest’anno a 77,32m), la slovacca Danisova esplosa nel 2008 con un lancio a 76,86m (fino allo scorso anno non arrivava ai 70m!) e la sempre pericolosa cubana Yipsi Moreno, vice campionessa mondiale nel 2005 e nel 2007 ma anche vice campionessa olimpica quattro anni fa ad Atene (quest’anno miglior misura di 76,16m).
20,15 5000m U (batterie)
20,40 Salto con l’Asta U (qualificazioni):
l’ex campione mondiale (Parigi 2003), bronzo quattro anni fa ad Atene Giuseppe Gibilisco è tornato alle gare: lo ha fatto quest’anno dopo la conclusione dell’inchiesta sul suo coinvolgimento in una questione di presunto doping, che si è conclusa con la sua assoluzione; dopo aver lasciato il Gruppo Sportivo dalla Guardia di Finanza, approdato alla Jager di Treviso, quest’anno ha saltato 5,55m in occasione del Meeting di Atene (il 13 luglio), dopo quasi un anno di assenza alle gare, guadagnandosi così la convocazione per Pechino. Curiosità, lo stadio di Atene sembra essere molto gradito dal siracusano di stanza a Formia, che nelle ultime stagioni ha sempre dato il meglio di se proprio in occasione del Meeting greco. Sarà impegnato nel gruppo B: la misura di qualificazione è un proibitivo per molti, 5,75m; sicuramente verranno ripescati i primi 12 classificati.
21,30 110H U (semifinali)
21,55 200m D (semifinali): ev. Calì
22,20 200m U (finale)
22,35 400H D (finale)

fonte: Giulia Scatena
fonte foto: preview.dada.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *