TORINO SI CANDIDA A OSPITARE I GIOCHI OLIMPICI DEGLI OVER-30

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Il 2 settembre su “LA STAMPA” di Torino è apparso un articolo in merito all'intenzione di candidare la capitale piemontese all'edizione del 2013 dei WORLD MASTER GAMES. E' questa una manifestazione a ciclicità quadriennale come le Olimpiadi e prevede gare 28 discipline sportive, tra cui naturalmente l'atletica leggera. L'ultima edizione è stata quella del 2005 in Canada ad Edmonton nel 2005 e la prossima è prevista in Australia a Sidney nell'ottobre del 2009. Finora è rimasta per lo più una manifestazione ad uso e consumo quasi esclusivo del mondo sportivo anglosassone. Proporre Torino diventerebbe in un certo senso un allargamento delle prospettive di partecipazione. La concorrenza sarà dura perché anche Berlino scenderà in campo con la sua candidatura.

Torino si candida per ospitare i World Master Game, una sorta di Giochi olimpici riservati agli atleti «Over 30». In questi giorni Paolo BELLINO, il direttore di T.O.P., il Torino Olimpic Park sta lavorando al dossier di candidatura che in caso di vittoria potrebbe portare sotto la mole nell’agosto del 2013, 35 mila atleti e 15 mila accompagnatori.
Spiega Bellino: «Si tratta di appassionati con un alta propensione alla spesa e pronti a pagarsi iscrizioni e soggiorno. Tra i partecipanti alle edizioni precedenti, ad esempio, c’è lo stilista Giorgio Armani». E aggiunge: «Il nostro obiettivo è di sfruttare l’effetto di Torino 2006 e di portare in città nel mese di agosto migliaia di atleti-turisti con evidenti ricadute economiche sul tessuto produttivo della città».
Nei giorni scorsi i vertici di T.O.P. hanno illustrato il progetto nel corso di un vertice con la presidente della regione, Mercedes Bresso, il presidente della Provincia, Antonio Saitta, e il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino. Bellino ha presentato il bilancio (previsionale) dell’edizione 2009 che si svolgerà a Sydney (10-18 ottobre): 30 milioni di dollari di investimento che porteranno una ricaduta economica sulla città di 135 milioni di dollari.
Il dossier ha ricevuto il via libera degli enti locali. Adesso T.O.P. dovrà elaborare la candidatura che «può contare su punti di forza come la qualità degli impianti della città» mentre resta da «affinare il tema dell’accoglienza». Per organizzare i giochi servono circa 22 milioni di euro, almeno la metà dovrebbe arrivare da fondi pubblici. Gli enti locali si sono detti pronti a fare la loro parte ma è evidente che «il contributo dello Stato sarà determinante».
Secondo T.O.P., però, l’investimento iniziale darà i suoi effetti positivi: «Abbiamo preso come riferimento lo studio fatto dalla società Deloitte per i master che si sono svolti ad Edmont nel 2005 e si può prevedere che la ricaduta sulla città possa essere di circa 80 milioni di euro». Benefici derivanti soprattutto dall’accoglienza: 42 milioni di spese durante i 15 giorni dei giochi e poi 11 milioni dallo shopping. «Il master – conclude Bellino – servirà come traino per il turismo anche in vista degli eventi per i 150 anni dell’unità d’Italia e dell’Expo 2015». di MAURIZIO TROPEANO

fonte: LA STAMPA
fonte foto: www.fotografico.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *