TRICOLORI ALLIEVI: TERZA GIORNATA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Si concludevano oggi allo stadio Guidobaldi di Rieti i campionati italiani under 18 che fino a ieri si erano tenuti in condizioni climatiche non propriamente ideali, condizioni che oggi al contrario hanno permesso agli atleti di ottenere qualche buona prestazione cronometrica.

In particolare nelle gare con ostacoli alti si sono contraddistinti Ivan Mach Di Palmstein (ex saltatore in alto) al primo anno nella categoria con un buon 13.99 a vento nullo davanti a Mattia Bassetto (14.25) e Luca Michele Sergio (14.28). Tra le ragazze (100 hs) vittoria per Silvia Zuin con 13.99 aiutata da un vento di +1.2 m/s, che precede Alessandra Feudatari (14.25) e Giulia Latini (14.30).

Nell’ultimo appuntamento con le gare di velocità (400 m) si è assistito ad una nuova sfida fra Francesco Ravasio e Alessandro Pedrazzoli che nella giornata precedente si erano affrontati nel mezzo giro di pista. Ancora una volta è Pedrazzoli che si impone, anche se di una manciata di centesimi : 48.93 contro 48.98. Infatti Ravasio fino all’ultimo ha provato ad impensierire il suo rivale andando molto vicino al colpaccio. Con questo sono 3 i titoli conquistati dal friulano dopo 200 metri e 4×100. Terzo e a quasi un secondo Diego Guarnerio con 49.81.

Nel giro di pista donne ottiene il titolo Valentina Zappa con 56.63, secondo gradino del podio per Giada Priarone 57.05, terza Monica Lazzara 57.54.

Si conferma la migliore in Italia per la quarta volta (tra indoor e outdoor) Maria Moro nel triplo con la misura di 12.46 m (-0.6), che precede Rita Gallone 12.05 m e Sofia Romano 11.94 m.

Per le gare di mezzofondo erano di scena i 2000 siepi maschili e i 3000 metri femminili. Tra i ragazzi ha prevalso un po’a sorpresa il piemontese Maurizio Tavella con 6’07.89 che stacca notevolmente Francois Marzetta con 6’15.63 e Giacomo Sartori con 6’16.23. I favoriti della vigilia Pintus e Sanguinetti non sono stati all’altezza delle attese e il primo è finito nelle retrovie mentre il secondo è stato costretto al ritiro.
Nella gara femminile la protagonista è stata Alessia Pistilli nuova campionessa italiana che ha allungato sulle altre a due giri dal termine chiudendo in 10’09.09, in seconda piazza Chiara Renso 10’16.76 seguita da Jessica Pulina 10’20.87.

Buone misure nel peso allievi, dove le pedane asciutte hanno agevolato gli atleti e l’occasione non è sfuggita a Tommaso Parolo che con un bel lancio a 18,36 m ha messo le mani sul titolo. Insieme a lui sul podio Antonio Martino (17,42 m) e Daniele Secci (16,93 m).

Tra le discobole si sono fatte largo due figlie d’arte di genitori ex lanciatori, stiamo parlando di Elisa Boaro prima con 43,90 m e di Ilaria Marchetti seconda con 40,53 m.

Per chiudere le staffette del miglio (4×400) che hanno visto imporsi tra gli allievi l’Atletica Bergamo 59 con Crotti-Fidanza-Markin-Ravasio con 3’23.56, e tra le donne l’Atletica Alba Docilia con DiLuca-Tulumello-Bellino-Priarone.

Nella foto (Petrucci) il campione italiano del peso, Tommaso Parolo.

Risultati Completi

fonte: Redazione
fonte foto: www.fotosports.it – Claudio Petrucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *