FIAMME GIALLE E FONDIARIA SAI DOMINANO I CDS U23

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Sull'atletica su pista sta ormai per calare il sipario ma qualche gara interessante l'abbiamo potuta vedere in questo fine settimana al Campo Scuola di Modena.

Vincitori di questa finale dei CdS promesse sono state per l'ennesima volta le ottime squadre della Fondiaria SAI fra le donne e delle Fiamme Gialle fra gli uomini.

Atleti e allenatori, giunti ad ottobre, iniziano a fare i loro calcoli per la prossima stagione e questo lo si è potuto notare dalla non particolare brillantezza degli atleti in gara.

Sicuramente riesce ancora a far parlare Daniele Greco che, dopo una lunga ed eccellente annata, ha ancora il talento per fare tempi e misure dignitose.
Il salentino dell'atletica Vomano ha vinto i 100 in 10.62, lasciando dietro uno specialista come Rosichini a 20 centesimi, e il salto triplo con un facile 15.72.

Doppia sconfitta per l'ex bimbo prodigio Matteo Galvan: sui 200 non riesce andare oltre un lento 21.99 (battuto dal torinese Squillace e dal bergamasco Juarez), mentre sui 400 le prende dall'altro coetaneo torinese Stefano Fornara (48.27 contro 48.31).
Speriamo sia solo in un momento della stagione di carico e che torni il prossimo anno a correre ad alti livelli.

Solo Africa nel mezzofondo maschile: vincono il senegalese Gueye sugli 800 in 1:53.34, l'algerino Khadar sui 1500 in 3:49.98, il keniano Kirwa sui 5008 in 14:08.69 e l'altro keniano Kiprotich Tanui sui 3000 siepi in 8:52.55.

Sui 400 ostacoli l'umbro Capotosti, che corre per l'atletica Vomano, ha dovuto tenere a freno con 54.15 i lombardi Ghislotti Sirtoli finiti insieme in 54.28.

Nono male il 2.12 di Chesani nel salto in alto poi sottotono nel triplo cn 14.72 e il 7.32 del romano Catania nel salto in lungo (poi anche 15.11 e secondo posto nel triplo).

Domina il getto del peso un reduce dei campionati mondiali junior di quest'anno: Alberto Sortino 17.57.
Fa piacere trovare nella pedana del lancio del giavellotto, nella stagione del ritorno dagli infortuni, il giavellottista veneto Leonardo Gottardo che vince con 67.42, davanti al talentuoso Emanuele Sabbio che lancia a 66.89.

Passiamo alle donne.
Sui 100 da segnalare la sfida fra Arcioni e Alloh vinta da quest'ultima con il modesto tempo di 11.80 contro 11.84.
Si rifà la Arcioni sui 200 vinti in 24.24 davanti alla bergamasca Marta Milani in 24.68 (quest'ultima vince poi i 400 in 54.86).

Il CUS Bologna non si lascia sfuggire nemmeno un punto nel mezzofondo: Valentino Costanza vince sugli 800, Margherita Magnani sui 1500, la junior Lucia Colì sui 3000 e sui 3000 siepi con grande personalità.

Non male il 13.71 sui 100 ostacoli di Sara Balduchelli con cui batte l'atleta della Fondiaria Manuela Vellecco.

Nei salti da segnalare l'1.74 di Monica Cuperlo nel salto in alto, la vittoria con 3.70, dopo una brutta caduta di Elena Scarpellini nel salto con l'asta (stessa misura ma più errori per la junior Giorgia Benecchi) e il 5.73 di Teresa Di Loreto nel salto in lungo.

Annotiamo anche il bronzo degli europei junior di Hengelo 2007 Tamara Apostolico che ha fatto suo il lancio del disco con un dignitoso 50.13 e il buon 57.81 di Silvia Maria Koller nel martello.

Link ai risultati

fonte: Redazione
fonte foto: lafratellanza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *