REGOLAMENTI MASTER 2009

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La F.I.D.A.L. ha diramato (finalmente) il REGOLAMENTO 2009 per l’attività master scaricabile qui o altrimenti rintracciabile alla pagina web http://www.fidal.it/showfaq.php?fldAuto=7 Erano attese alcune modifiche rispetto alla stagione 2008, in particolare per quanto riguarda i Campionati di Società. Ad una prima lettura abbiamo individuato le novità che vi segnaliamo, rimandando ad ulteriori approfondimenti.

1. “In ogni manifestazione ciascun atleta può partecipare ad un massimo di due gare per giornata…” Viene sancita quindi ancor più rigidamente la norma che limita la possibilità per un master, anche in manifestazioni non di campionato, di disputare un numero superiore a due di gare. Una restrizione antistorica.

2. Si chiarisce una volta per tutte che: “Ciascuna staffetta deve essere composta da soli atleti della categoria Masters che possono appartenere a diverse fasce d’età… La staffetta è collocata nella fascia d’età risultante dalla media dell’età dei componenti la staffetta stessa, calcolata sulla base del solo anno di nascita (millesimo)…” In questo modo ai Campionati Italiani s’impedisce agli atleti Senior ma in età master di poter comporre una staffetta. Altra contraddizione.

3. “Nelle gare riservate esclusivamente alla categoria Masters, nei lanci, nel lungo e nel triplo le prove a disposizione per ciascun atleta sono quattro (ad eccezione dei Campionati Italiani Individuali Indoor e Outdoor che si effettuano con eliminatorie e finali…e nel Campionato di Società su Pista dove le prove a disposizione di ciascun atleta sono tre).” Altra restrizione, come se i masters fossero parzialmente inabili o handicappati.

4. C’è poi un punto sibillino: Nell’alto e nell’asta indipendentemente dall’altezza in cui ciascun fallo è avvenuto, tre falli consecutivi escludono da ulteriori tentativi, salvo nel caso di parità per il primo posto (regola 181/2 del R.T: I.)” (???)

5. Nelle gare di salto triplo sono stabilite in maniera rigida le distanze per la battuta di stacco, due per categoria. Non si fa cenno a deroghe per atleti per così dire over-size.

6. Per i Campionati di Società su Pista è riconfermato lo stesso programma-gare del 2008, con somma punteggi di 13 gare. La novità è l’accesso alla Finale Nazionale delle 30 società maschili dopo la Fase Regionale (invece di 36) e di 26 femminili (invece di 30). Possono comunque partecipare le vincitrici dei Campionati Regionali purchè avendo una somma di 13 punteggi-gara.
Però nel 2009 alla Finale Nazionale ogni società potrà iscrivere 2 atleti per gara. Il punteggio nella Finale sarà di 100 punti al 1° di ogni singola gara a scalare per le posizioni successive. E comunque la classifica di società sarà data dalla somma di 13 punteggi-gara.

fonte: F.I.D.A.L.
fonte foto: Fidal

ALLEGATO: ANet_news_Regolamento_Masters_2009_18.11.2002.pdf (458 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *