CHIUDE CON DUE PRIMATI ITALIANI IL CAMPIONATO NAZIONALE INDOOR DI PROVE MULTIPLE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Si sono chiusi con due nuovi record italiani i Campionati Italiani di Prove Multiple al coperto, svoltisi ieri ed oggi nell’impianto di Ancona. A siglarli due nomi noti nel panorama delle prove multiple azzurre: William Frullani, da tempo membro del gruppo sportivo dei Carabinieri, e Francesca Doveri, militante nella squadra dell’Esercito Italiano.

Partendo dal settore maschile, non c’è storia nell’eptathlon assoluti nel quale Frullani si aggiudica tutte le gare, ad eccezione della fatica finale dei 1000 metri, dove segue la scia di Federico Nettuno (Nuova Atl. Fanfulla Lodigiana) che chiude in 2’47”11. Due record personali per lui: il 6”93 nei 60 che gli vale ben 907 punti, e il 4,80 nel salto con l’asta. Nelle restanti competizioni, escluso l’alto dove con 2,03 è primo a pari misura con Ivan Sanfratello (Nuova Atl. Fanfulla Lodigiana), è evidente un margine relativamente ampio tra lui ed i suoi avversari: si aggiudica il peso con un lancio a 14,50m (secondo Lukas Lanthaler con 11,82), i 60 ostacoli con 8”27 (secondo Nettuno in 8”74) ed il lungo con 7,44 davanti al 7,03 di Mattia Nuara (Assindustria Sport Padova). Ed è proprio Mattia Nuara l’atleta che più si avvicina ai 5950 punti da record di William Frullani, seppur con oltre 100 punti di distacco dal primato.

Per quanto riguarda il pentathlon donne invece, il vecchio record di Karin Periginelli viene sostituito dai 4423 punti di Francesca Doveri, che classificandosi ai primissimi posti praticamente in tutte le gare, si aggiudica il titolo tricolore, precedendo Sara Tani (Toscana Atl. Empoli) ferma a quota 4250, Laura Rendina (Fondiaria SAI) a 3875 ed Elisa Trevisan (Fiamme Azzurre) a 3871. Ottimo il suo 8”38 nei 60 con barriere, così come il 6,29 nel lungo, dove Sara Tani sfiora solamente i 6 metri, atterrando a 5,98. Quest’ultima si aggiudica tuttavia il peso, gettandolo a 13,32 metri, e l’alto, volando a quota 1,75, 3 centimetri in più della futura Campionessa Italiana, che giunge seconda in 2’16”41 anche negli 800 metri, alle spalle di Laura Rendina, che chiude in 2’15”26.

Dai risultati della categoria Assoluti, emergono anche i Campioni Italiani Promesse che rispondono ai nomi di Luca Marsi (Atl. Livorno) che ottiene 4863 punti (al secondo posto Nicolò Castro con 4712 punti), e Jennifer Massaccisi (Tecno Adriatletica Marche) vittoriosa con 3829 punti, davanti a Luisa Costa (GS Valsugana Trentino) con 3718 punti.

Scalando ulteriormente di categoria, nel settore juniores maschile, vittoria per Stefano Combi (Ginn. Monzese Forti e Liberi), in evidenza nei 60 con il crono di 8”02, nel peso con 14,60 (quasi 2 metri più del secondo, Alessio Leoni), e negli ostacoli vinti in 8”42. Discreto anche il 6,98 con il quale Riccardo Marcato si aggiudica il lungo, ed il 2’51”16 che dà la vittoria sui 1000 metri a Stefano Anzani (Ginn. Monzese Forti e Liberi). Nella classifica finale, 5132 punti per il vincitore e 4795 per il secondo, Matteo Piazza (Prosport Atl. Firenze).
E’ Odile Ngo Ag (GS Virtus) invece che sbaraglia le avversarie della categoria juniores femminile, con i suoi 3753 punti. Alle sue spalle Selene Lazzarini (Assi Banca Toscana Firenze) con 3497 punti. Miglior risultato nell’arco delle cinque gare, il 9”13 nei 60 ostacoli, che l’è valso 883 punti.

Cinque prove anche per gli Allievi, dove a spuntarla è Andrea Casolo (Atl. Cairatese) con 3255 punti; secondo posto per Matteo Omedè (SS Vittorio Alfieri Asti), che ottiene ben 896 dei suoi 3229 punti nei 60 ostacoli, vinti in 8”35. Buona anche la prova di Raffaele Gallo (Agg. Hinna) nei 1000 metri, percorsi in 2’50”54.
Infine, tra le Allieve, protagoniste di quattro gare, vittoria per Daria Derkach, già campionessa italiana outdoor 2008, che primeggia nei 60hs con un ottimo 8”77, nei 400 dov’è l’unica a scendere sotto il minuto (58”19 il suo crono), e nell’alto, dov’è protagonista di un’altra ottima prova, raggiungendo quota 1,69. Al secondo posto nella classifica generale, Lisa Guidolin (Atl. Libertas Padova) con 2750 punti.

fonte: Redazione
fonte foto: Simone Proietti

ALLEGATO: ANet_news_Risultati_1.2.2009.zip (39 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *