LE INDOOR DI QUESTO FINE SETTIMANA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Come di consueto facciamo una rapida carrellata dei migliori risultati delle gare indoor del fine settimana appena trascorso. Rimandando all'articolo sui Campionati Italiani di Prove Multiple, in questo report ci occuperemo delle rimanenti manifestazioni svoltesi in giro per l'Italia.

A Padova l'acuto di Giulia Alessandra Viola allenata dall'ex mezzofondista marocchino Faouzi Lahbi. Sotto la sua guida, la giovane atleta, al primo anno nella categoria juniores, ha siglato il tempo di 4'35”24 nei 1500 precedendo la più esperta Giulia Scatena che ha chiuso in 4'35”69. Per la Viola minimo indoor e quindi biglietto staccato per la sua prima esperienza ad un Campionato Italiano Assoluto.
Sempre nello stesso impianto, il marciatore azzurro Alessandro Gandellini ha percorso i 5 (scomodi) chilometri dell'impianto indoor nel tempo di 20'22”72 ben lontano dagli altri concorrenti in gara. Bene anche Ravasio nei 400 col tempo di 49”89 e ottimo il lancio dell'allieva Francesca Stevanato che getta il peso fino alla misura di 12.72 mt.

In quel di Udine l'astista Anna Giordano Bruno, quest'anno in forza all'Assindustria Padova sigla il nuovo record italiano nell'asta femminile fissandolo a 4.35 mt. Supera così la Scarpellini che due anni fa a Genova aveva saltato 4.31.

A Saronno il triplista Fabrizio Schembri, in forza ai Carabinieri di Bologna, sigla un probante 17.12 che gli vale la terza prestazione alltime nel triplo e la migliore prestazione europea dell'anno.

Dall'impianto indoor di Firenze arriva un altro record italiano (uguagliato). Si tratta del record dei 60hs allievi dove Ivan Mach di Palmstein copre la distanza in 8”02, lo stesso tempo del primato italiano di Nicola Lucchi fatto ad Ancona nel gennaio del 2007.
Ancora a Firenze, il saltatore in alto Andrea Lemmi vince saltando sicuro fino a 2.19 (tutte le misura alla prima prova) per poi arrestarsi a 2.23 con i fatidici tre nulli.

A Castenedolo (Bs) segnaliamo il 6”92 nei 60mt dell'atleta Marco Vistalli dell'Atletica Bergamo '59 mentre ad Aosta Paolo Dal Molin copre i 60hs in 8”04, Dacastello vince i 60 piani in 6”79 davanti a Dentali (6”87) e tra le donne vittoria per Rita De Cesari in 7”59 davanti a Manuela Grillo (7”64).

Appuntamento con i repor indoor al prossimo lunedì con i migliori risultati da tutti gli impianti italiani.

fonte: Comitati regionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *