MANCA SOLO UN MESE A TORINO 2009

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

I Campionati Europei indoor di Torino 2009 sono sempre più vicini.
Tra un mese, dal 6 all’8 marzo, l’Oval Lingotto ospiterà la prestigiosa rassegna continentale, che per la quarta volta verrà organizzata in Italia, a diciassette anni di distanza dall’ultima.
Il presidente del Comitato organizzatore e della Fidal, Franco Arese, ha espresso la sua soddisfazione: “Si tratta di un grosso impegno finanziario e organizzativo ma tutto sta andando secondo i programmi, grazie all’aiuto degli Enti locali e degli sponsor”, per poi scendere nel dettaglio tecnico. “Amareggia l’infortunio occorso a Andrew Howe, che difficilmente sarà presente agli Euroindoor. Però abbiamo una squadra in salute, lo dimostrano i buoni risultati degli ultimi giorni: i record italiani di Frullani e Doveri nelle prove multiple e quelli di Giordano Bruno e Scarpellini nell’asta, poi Schembri oltre i 17 metri nel triplo. E Cerutti che ha vinto a Mosca… Sarà difficile ripetere i trionfi di Birmingham, ma abbiamo delle buone carte da giocare”.

In sala era presente proprio lui, Fabio Cerutti, l’enfant du pays di Borgaretto che al recente meeting russo ha favorevolmente impressionato sui 60 metri. “Sto bene. Due anni fa centrai la finale a sorpresa, stavolta spero di confermarmi e magari migliorarmi. La prossima settimana farò due meeting in Germania, a Düsseldorf e Karlsruhe, prima degli Assoluti indoor e degli Europei”.
Gli Assoluti del 21-22 febbraio saranno il test event per inaugurare la struttura dell’Oval Lingotto, dove ormai sono già presenti pista e tribune, come dimostrato da un filmato girato poche ore prima.
Anna Riccardi, direttore generale di Torino 2009, ha annunciato che “i lavori sono addirittura in anticipo rispetto ai tempi previsti e potrebbero terminare già lunedì, mentre sta per iniziare l’ultima fase della campagna promozionale”.
A Palazzo Barolo, splendido edificio seicentesco nel cuore del capoluogo piemontese, c’era anche una delle atlete azzurre più rappresentative, la finalista olimpica sulle siepi Elena Romagnolo. La biellese di Trivero sta completando una positiva stagione di corsa campestre: “Domenica sarò a Campi Bisenzio per i Societari, poi penserò alle indoor con l’obiettivo dei 3000 metri europei: sarebbe un onore esserci, nella mia regione. Agli Assoluti ci sarà una gara tirata, con Weissteiner, Tschurtschenthaler e Dal Ri, tutte alla ricerca del minimo”.

La madrina della cerimonia è stata Edelfa Chiara Masciotta, Miss Italia 2005. Il presidente Arese le chiede se ha mai fatto atletica, ad esempio il salto in alto… “Sì, è vero”, annuisce Edy, “ho partecipato a qualche gara scolastica sugli ostacoli, poi ho dovuto smettere per problemi a un ginocchio ma la passione mi è rimasta”.
In chiusura, Arese ha voluto ricordare la figura di Primo Nebiolo: “A dieci anni dalla sua scomparsa, dobbiamo essere contenti per ciò che questo dirigente torinese ha fatto per l’atletica, nell’Italia e nel mondo”.

Nella foto: Elena Romagnolo, Fabio Cerutti, la mascotte di Torino 2009, Edelfa Chiara Masciotta e Franco Arese

fonte: Redazione
fonte foto: Ufficio Stampa Torino 2009

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *