FANNO SUL SERIO LICCIARDELLO E COLLIO A STOCCARDA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 0
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Stoccarda

Il meeting “Sparkassen Cup” di Stoccarda, ieri sotto i riflettori soprattutto per due attacchi dichiarati al record del mondo, non ha prodotto record ma ha regalato otto mondiali stagionali ed un livello medio elevatissimo.

Partiamo dal nostro Simone Collio che ha migliorato il suo record stagionale fino ad un ottimo 6.60 e diventa così il quinto europeo della stagione in vista della rassegna continentale proprio a Torino. Battuti il britannico Williamson (6.62), lo sloveno Osovnikar (6.65) e il tedesco Tobias Unger (6.68).
Davanti a lui sono giunti il tedesco Christian Blum con un ottimo 6.56 (nuovo personale), e il sempre più emergente statunitense Kendall Stevens con 6.57.

Altro eroe nostrano della giornata è il finanziere Claudio Licciardello che vola sui 400 con una delle migliori prestazioni al mondo dell'anno: chiude in 46.59 superato soltanto dal russo Dyldin in 46.46.

Uno dei due attacchi al record del mondo è stato intrapreso sui 1000 dal sudanese Abubaker Kaki che alla fine è rimasto lontano più di un secondo dal record di Wilson Kipketer. Con un ottimo 2:16.23 è riuscito comunque a controllare la gara dagli attacchi di Mehdi Baala.

Proprio su questa pista Meseret Defar lo scorso anno stabilì il nuovo record del mondo sui 3000 di 8:23.72, abbassando il precedente di quattro secondi.
Quest'anno il risultato è stato di 8:26.99, mondiale stagionale, e terza prestazione all-time.
Lo scorso anno era stata trascinata nell'impresa dalla connazionale Meselech Melkamu; quest'anno invece lo stesso ruolo è toccato alla russa Alminova (8:28.49 ) che ha reso la gara più tattica, rallentando così il ritmo.

Blanka Vlasic sta diventando sempre più una macchina perfetta e lo ha dimostrata anche questa volta con un 2.04 che va a migliorare il suo mondiale stagionale di 2.03. E' arrivato anche un ottimo tentativo alla quota del record mondiale di 2.09 ormai sempre più all portata di mano della fortissima croata.
A fine gara ha detto di aver trovato la pedana troppo dura per il suo stato di forma attuale.

Bernard Lagat sta senza dubbio attraversando un ottimo stato di forma; dopo la bella vittoria al miglio dei Millrose Games, stavolta è stato protagonista di un bel duello con l'etiope Abreham Cherkos (7:36.36), che ha battuto con il mondiale stagionale di 7:35.41 non lontano dal suo record americano di 7:32.43.

Cade il mondiale stagionale di Lukas Rifeser sugli 800 con la grande prestazione del vicecampione olimpico Ismail Ahmed Ismail in 1:45.73 davanti all'ex campione olimpico Yuriy Borzakovskiy in 1:45.96 e al keniano Wilfred Bungei in 1:46.66.
Il 21enne etiope Deresse Mekonnen, campione del mondo indoor, ha esordito sui 1500 con il mondiale stagionale (solo per un giorno come potrete leggere) di 3.36.41 che non ha lasciato dubbi sulla sua superiorità.

Vanno ad eguagliare la migliore prestazione mondiale dell'anno stabilita da Terrence Trammell la scorsa settimana, lo statunitense David Oliver ed il russo Borisov, atleta molto forte nella gara indoor ma che non ha ancora trovato la sua dimensione outdoor, con il tempo di 7.45 sui 60 ostacoli.
I due hanno trascinato anche il cubano Joel Brown al personale di 7.48, l'olandese Gregory Sedoc al record nazionale di 7.52 (già al record in batteria con 7.54) e l'americano Dexter Faulk al personale di 7.53.
Fra le donne ha dominato la statunitense LoLo Jones con il mondiale stagionale di 7.85 davanti alla cubana Anay Tejeda in 7.96.

Nell'asta uomini da segnalare il nuovo personale per il tedesco Tobias Scherbarth con 5.76. Nell'asta donne in quattro hanno superato la quota di 4.60 (Fabiana Murer, Carolin Hingst, Anna Battke, Monika Pyrek) con la vittoria andata alla brasiliana Murer.

Risultati: http://www.leichtathletik.de/results/1588_stuttgart_070209.htm

Gent

Al meeting “KBC Indoor Vlaanderen” di Gent gran gara sui 1500 uomini dove in due sono scesi sotto il recente mondiale stagionale di Deresse Mekonnen.
E' di livello altissimo il 3:33.96 del keniano Haron Keitany (l'abbiamo visto vincere le finali mondiali di Stoccarda in settembre) con cui diventa il nono nella specialità di sempre. Molto bene anche l'altro keniano più celebre Daniel Kipchirchir Komen staccato a 3:34.86.

Esordio sugli 800 per l'atleta di Bahrein Ali Belal-Mansoor con il nuovo personale di 1:46.48.

Il brasiliano Jose Carlos Moreira si aggiudica la gara dei 60 uomini con il personale di 6.59 battendo il talentuoso polacco Darius Kuc(6.61),il connazionale De Lima (6.62) e lo statunitense Blanton (6.62)
Personale limato di un centesimo per il bahamense Shamar Sands sui 60 ostacoli con un 7.58.

Da segnalare anche il buon miglio della russa Natalya Evdokimova in 4:29.29 e il notevole 7.25 di Chandra Sturrup sui 60 (basti pensare che ormai la bahamense ha 37 anni) con cui batte Tahesua Harrigan (7.26) e Vida Anim (7.29).

Risultati: http://www.sport.be/belgavideo/kbcindoor2009/schedule.html

fonte: www.sport.be – http://www.leichtathletik.de/
fonte foto: Gino Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *