I RITIRI POST-OLIMPICI: JANE SAVILLE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Il mondo della marcia dopo Perez e Markov registra un altro ritiro: quello dell'australiana Jane Saville. Nata a Sydney (05.11.1974), esce di scena dopo un'onorata carriera nella quale ha ottenuto importanti medaglie anche se il suo nome rimarrà legato indissolubilmente all'incredibile squalifica che la colpì ai Giochi Olimpici di Sydney 2000 in prossimità del traguardo. Il suo sguardo attonito quando gli fu mostrata la paletta rossa della squalifica a 200mt. dal traguardo, all'entrata dello Stadio Olimpico fece il giro del mondo. Quello non fu certamente un momento felice per la marcia e le polemiche verso i criteri delle giurie furono roventi visto che nella gara maschile il messicano Bernardo Segura ebbe notizia della squalifica quando era già pronto a rilasciare le rituali interviste da neo-campione olimpico, addirittura dopo il giro d'onore!

A livello giovanile il suo primo riscontro agonistico è datato Plovdiv 1990, alla 3a edizione dei campionati mondiali juniores quando giunse tredicesima nella 5km. con il tempo di 23:42″46. Nel 1997 a Podebrady (Cze) nella 10km., non va oltre un modesto 40° posto mentre ai Mondiali di Atene si piazza ancora tredicesima marciando in 46:12″76. Il primo momento importante della sua carriera l'anno seguente ai Giochi del Commonwealth di Kuala Lumpur: vince l'oro in 43:57 battendo il “suo mito-modello”, la connazionale Kerry Saxby-Junna.
Dall'anno seguente la specialità si uniforma a quella maschile: si marcia sulla distanza dei 20km. Per l'atleta australiana è un'annata interlocutoria: nella nuova distanza giunge 7a ai Mondiali di Siviglia1999, con il tempo di 1h32:13. Il suo obiettivo, come per molti atleti è ormai rivolto all'appuntamento Olimpico che, svolgendosi in patria rappresenta qualcosa di unico ed irripetibile, ma come abbiamo visto l'esito della gara sarà incredibilmente beffardo per la Saville. Per l'atleta è una mazzata:”Se avessi avuto una pistola…mi sarei sparata !” ebbe a dire rievocando l'avvenimento.

Atleta di notevole tempra l'australiana saprà riprendersi,fissandosi nuovi obiettivi e nel 2002, a Manchester, trionfa per la seconda volta ai Giochi del Commonwealth marciando in 1h36:34. Nel 2003 ritenta l'appuntamento mondiale ma a Parigi non va oltre l'undicesima piazza. Nell'edizione della Coppa del Mondo, disputata a Naumburg nel 2004, ottiene il miglior piazzamento in questa manifestazione: arriva 4a con quello che rimarrà il “personal best”della sua carriera (1h27:44). Pochi mesi dopo la grande rivincita olimpica, ad Atene2004 coglie una prestigiosa medaglia di bronzo che rappresenta il coronamento della sua carriera: marcia in 1h29:25, preceduta solo dalla “meteora”Athanasia Tsoumeleka (1h29:12) e dall'inossidabile Olimpiada Ivanova(1h29:16).

L'anno post-olimpico gli regala solo un ventesimo posto mondiale ad Helsinki mentre nel 2006 coglie l'ultimo alloro della sua carriera vincendo il terzo oro ai Giochi del Commonwealth, ottenendo a Melbourne una storica vittoria…visto che al secondo posto arriva la sorella Nathalie! Le ultime stagioni vedono la Saville frenata da svariati problemi fisici ed anche l'anno scorso la marcia di avvicinamento ai Giochi di Pechino non è stata facile, causa problemi muscolari ed inguinali. Il ventesimo posto colto a Pechino2008, in 1h31:17, rappresenta il suo congedo dalle scene internazionali. Per la Saville non si tratta di un addio totale al mondo dello sport visto che è stata eletta membro della Commissione di marcia della Iaaf. Sposata al ciclista Matt Bianco ha pure in programma di…allargare la famiglia! Concludiamo questa panoramica,ricordando che per tre volte è stata campionessa nazionale della 20km.,ossia nel 2002, 2003 e 2006.

fonte: iaaf.org
fonte foto: www.news.com.au

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *