RECORD ITALIANO INDOOR PER ELISA CUSMA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Elisa subito forte nel meeting tedesco di Karlsruhe. Stabilisce il record italiano al coperto che già le apparteneva e fa la migliore prestazione stagionale mondiale demolendo il record della manifestazione che era di un'atleta che si chiama Maria Mutola!

Il crono è subito da sogno per la ragazza di Castelfranco Emilia. 1'59″25.
Emozionatissimo il suo tecnico, Claudio Guizzardi, che non riesce a parlare ma si lascia andare a un commento che speriamo sia profetico, “Poteva andare ancora più forte”.

Ritornata da poco da uno stage in Sud Africa solo lo scorso Giovedi sì è messa subito in viaggio per iniziare la sua stagione.

Il suo papà rimasto come al solito in ansia ad aspettare nella loro casa di Piumazzo, nella piccola frazione emiliana di Castelfranco Emilia è impazzito dalla gioia e ci ha commentato “Ormai l'Italia ha trovato una donna che farà sognare il paese, la sua è una disciplina fatta di fatica e sudore, lontano dai riflettori dello star system. Elisa è una ragazza d'oro troppo spesso nell'ombra di campioni fatti di carta che dovrebbe essere tenuta più in considerazione.

La piccola è minuta atleta in questi anni ha esordito in un escalation che l'ha portata ai vertici della classifica mondiale portandola a conquistare lo scorso anno l'accesso ai Giochi Olimpici di Pechino.

La gara di Karlsruhe è stata da manuale, alla partenza nomi importanti per l'atletica femminile come l'ucraina Tatyana Petlyuk, la slovena Brigitta Langerholc, e la russa Yevgeniya Zinurova, tutte avversarie più forti di lei sulla carta, che solo sporadicamente l'atleta italiana era riuscita a mettere alle sue spalle nella passata stagione. In Germania Elisa oltre a vincere è riuscita a fare quello che nemmeno la grande Gabriella Dorio era riuscita a fare, correre al coperto, sotto il muro dei due minuti.

Lo scorso anno in Marzo a Valencia, nella semifinale dei mondiali indoor, aveva ritoccato il vecchio record di Gabriella Dorio che lo aveva stabilito a Parigi il 6 Febbraio 1982 coprendo la distanza con il crono di 2'00″36.
Luciano Gigliotti commentando subito la notizia rimbalzata a Modena della grande prova della Cusma, ci ha dichiarato ” Son contento per lei, vedrete che farà un gran europeo è anche l'unica italiana che potrà far risaltare i colori dell'Italia è forte questa ragazzina ora che si renderà conto delle sue possibilità farà delle grandi cose.

Elisa Cusma nasce a Bologna il 24 luglio 1978 da Lucio Cusma e Lina Piccione, studia e si diploma in chimica agraria, i suoi primi due anni d’attività sportiva la vedono gareggiare per la Polisportiva Castelfranco Emilia, per poi passare sotto i colori del Mollificio Cittadella Modena, fino a quando divenuta una stella del panorama sportivo dell’atletica italiana viene assorbita dal gruppo sportivo dell’Esercito. Mezzofondista, specialista del doppio giro di pista, gli 800 metri, non disdegna di gareggiare e conquistare anche qualche titolo italiano sulla distanza superiore, i 1500 metri.

Il suo tecnico un ex allievo del professore olimpico Luciano Gigliotti, l’ha scoperta e allenata sin dalla sua giovane età, trasformandosi in un passionario per la sua atleta, in questi anni è riuscito a scavare dentro di lei portandola ad emergere nelle liste della classifica mondiale.

Molti altri atleti italiani, al posto della Cusma, si sarebbero adagiati sugli allori, con il classico posto fisso in un gruppo sportivo militare, che ti permette di allenarti senza pensare ai problemi della vita di tutti i giorni, e una carriera nel mondo dello sport spalancata. Invece Elisa con le sue imprese, denotando una grande grinta, va ancora avanti, rendendo grande il suo paese e la maglia della nazionale che ha sempre sognato sin da quando aveva tredici anni.

fonte: Gino Esposito
fonte foto: Gino Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *