CAMPIONATI INVERNALI DI LANCI LUNGHI A BARI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Ancora Vizzoni-Lingua come duello tra Finanzieri all’ultimo… martello ad illuminare la Finale Nazionale dei Campionati Invernali di lanci lunghi al campo scuola Bellavista di Bari dell’ultimo weekend, in una gara preceduta da un breve ma violento nubifragio, quindi con pedana bagnata ed anche scivolosa. Subito Lingua si portava in testa con un 74,15, poi seguivano per lui tre nulli ed aveva alla distanza la meglio il 36enne capitano della Nazionale Vizzoni che, partito con un lancio sbagliato a 64,77 ed un nullo, alla quinta prova arrivava a 75,95 m, dimostrandosi ancora una volta miglior agonista. Ultimi due lanci per Lingua: 73,11 ed ancora nullo (in “media” per lui!, anche se stavolta con l'attenuante della pedana bagnata). Insomma, ancora niente da fare per l’esuberante piemontese contro il marpione versiliese, giunto al suo sedicesimo titolo italiano assoluti (tra estivi ed invernali). Nel martello femminile la bionda Silvia Salis (Forestale), quest'anno già arrivata a 69,11, ha fatto suo il titolo con 67,63 (buona serie: 66,55 – 66,76 – 67,63 – 65,95 – 67,38 – n) davanti al 64,42 di Laura Gibilisco (Fiamme Azzurre) ed Elisa Palmieri dell’Esercito con 61,77 all’ultimo lancio.  La n. 1 azzurra Clarissa Claretti sta effettuando uno stage a Cuba nella terra di Yipsi Moreno ed ha lasciato via libera alla graziosa atleta genovese.

Nel disco maschile buona prova di Giovanni Faloci (FFGG), con 60,38 m con una bella serie al limite dei 60 metri, mentre nella categoria juniores record italiano con l’attrezzo da kg 1,75 per il primo anno Eduardo Albertazzi, classe 1991 dell’Asa Ascoli Piceno, che, accreditato di m  55,94, ha vinto con 58,59 m e migliorandosi di quasi 4 m ha soffiato il primato al concittadino Alessandro Botti che a Spoleto nel gennaio 2006 aveva lanciato 57,42. Tra le senior vittoria di Laura Bordignon (Fiamme Azzurre), campionessa con 57,84. Nel giavellotto vittoria per la compagna di squadra torinese Zahra Bani con un modesto 52,99, mentre la promessa Emanuele Sabbio (FFGG) con 70,20 ha vinto anche il titolo assoluto, davanti all’aviere più esperto Alessandro Bandone con 66,51.  Anche in questa gara era assente il n. 1 azzurro, Roberto Bertolini, infortunatosi durante uno stage a Formia, che a questo punto punterà direttamente al recupero per la stagione estiva.

Ricapitoliamo gli altri tricolori promesse, che sono andati ai martellisti Lorenzo Rocchi (Assi Banca Toscana a 63,69) e Ludovica Fogliani (Cus Ripresa BO – 56,43), ai discoboli Tamara Apostolico (Italgest Milano – 48,86) e Federico Apolloni (Atl. Firenze Marathon – 55,41) e alla giavellottista Maddalena Purgato (Assindustria Sport Padova), seconda assoluta con 49 metri. Per i titoli giovanili, nel disco femminile vittoria dell'allieva Carolina Vita (Atl. Massa Carrara) con 44,00 sulla junior Ilaria Marchetti (Cus Torino – 43,43). Nel martello successi di Valentina Leomanni (Atl. Vedano – 55,69) sull'allieva Francesca Massobrio (Vittorio Alfieri Asti – 51,07), e tra i maschi (kg 6) di Simone Falloni (Studentesca Cariri) con 65,55 m. Titoli giovanili del giavellotto allo junior Gianluca Tamberi (Bruni Atl. Vomano – g 600 a 64,51) sull'allievo Damiano Coassin (Libertas Sanvitese – 61,27) e all'allieva Roberta Molardi (Cremona Sport. Atl. Arvedi – 46,06).

In conclusione, risultati in media non eccezionali, anche se sappiamo bene che, martello a parte, i lanci lunghi da diversi anni ci vedono in posizioni arretrate nei ranking Europei e Mondiali. Ma la stagione è solo all’inizio, e le bizze atmosferiche hanno senza dubbio condizionati gli allenamenti invernali degli atleti. Al sole delle Canarie (Los Realejos) a metà marzo vedremo se ci sarà stato un miglioramento, anche se indiscrezioni dell'ultima ora riferiscono di una presenza di squadra confermata solo per le ragazze campionesse in carica.

 

fonte: FIDAL
fonte foto: Elisa Schena – Atleticanet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *