CARIFTA GAMES

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Si sono svolti dal 10 al 13 aprile al George Odlum National Stadium di Santa Lucia, isola stato caraibica, i 38.i CARIFTA GAMES riservati ad atleti U20 e U17. Circa 5000 ragazzi hanno dato vita a quattro giorni di competizioni sulla nuova pista allestita dalla Mondo (partner tecnico della IAAF dal 1987) e non sono mancati i risultati di grande interesse. Si sono distinti soprattutto gli atleti della categoria allievi e questa è un'ottima notizia anche per l'Italia che quest'anno organizzerà i Campionati mondiali di categoria, in programma a Bressanone dall'8 al 12 luglio prossimo.

Su tutti si è distinto, aggiudicandosi l'Austin Sealy Award quale miglior atleta della manifestazione, il quattrocentista di Grenada Kirani James che, pur essendo ancora sedicenne (nato il 1/9/1992), ha vinto la gara U20 con un notevole 45.45 davanti al connazionale Rondell Bartolomew (45.58), migliorando nel contempo il record della manifestazione (46.35) stabilito nel 2003 da un certo Usain Bolt, se son rose… potrebbero portare la 4×400 del piccolo stato di Grenada in zona podio ai Giochi del 2012! In ogni caso il giovane James, splendida struttura fisica pienamente adeguata alla specialità, già medaglia d'argento sulla distanza ai campionati mondiali allievi nel 2007 e juniores nel 2008, prevede di scendere sotto i 45.00 in stagione (44.5 il target del suo allenatore) e quindi di poter migliorare il record mondiale di categoria che appartiene all'americano Obea Moore (45.14 nel 1995).
Anche la Giamaica ha proposto due giovanissimi sprinter di grande interesse, il quindicenne Jahazeel Murphy, vincitore di 100 (10.41) e 200 (20.97) e Shericka Jackson, dominatrice di 200 (23.62) e 400 (53.48).

Tra gli juniores, successo di Shekeim Greaves di Barbados nei 100 (10.23w) e doppietta giamaicana sui 200, con Nickel Ashmade (20.56w) a precedere il più quotato Ramone MC Kenzie (20.60w), favoriti dall'infortunio patito in finale proprio da Greaves che meglio di tutti aveva fatto nei turni precedenti (20.75). Tra le ragazze sono ancora le giamaicane a dominare sia sui 100 (prima Carrie Russell in 11.21w) che sulla doppia distanza (vince Jura Levy, argento sui 100, in 23.20). Con queste premesse era inevitabile che la Giamaica la facesse da padrone in tutte le staffette, e così è stato pur senza tempi eclatanti.

Sugli ostacoli bella doppietta del diciottenne Jehue Gordon di Trinidad e Tobago, autore prima di un ottimo 50.01 sui 400h e poi di un più normale 13.86 sui 110h.
Naturalmente di minor interesse tecnico le altre competizioni, con alcune eccezioni che doverosamente segnaliamo. Nel mezzofondo juniores, doppietta 800/1500 di Gavyn Nero di Trinidad e Tobago tra gli uomini (1:51.75 / 3:47.56) e della giamaicana Natoya Goule in campo femminile (2:09.27 / 4:27.48).
Nei concorsi eccelle il 2.21 nel salto in alto dello junior Raymond Higgs (classe 1991) di Bahamas, PB eguagliato, che porta avanti una grande tradizione nazionale che già si fregia di due campioni mondiali (Troy Kemp nel 1995 e Donald Thomas nel 2007).
Qui potete trovare i risultati completi dei CARIFTA GAMES 2009: http://www.cfpitiming.com/liveresults/index.htm

fonte: iaaf.org
fonte foto: Albertus teolog (wikimedia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *