LA MORTE DI SVETLANA ULMASOVA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Lutto nel mondo dell'atletica mondiale per la notizia giunta oggi della scomparsa della mezzofondista sovietica Svetlana Ulmasova deceduta il 6 aprile scorso all'età di 56 anni, essendo nata il 04.02.1953 (Uzbekistan).

Sulle cause della scomparsa nessuna precisazione. La carriera ad alto livello della Ulmasova abbraccia un arco temporale di circa dieci anni. Il giorno più significativo della sua carriera fù probabilmente il 25.07.1982 allorchè a Mosca mise a segno con il tempo di 8:26"78 il primato mondiale/europeo dei 3000mt., specialità che gli riservò le maggiori soddisfazioni in carriera (oggi caduta in disuso e sostituita nelle grandi manifestazioni dai 5000mt.). Migliorò il record detenuto da un "mito" dell'atletica mondiale, quale la connazionale Lyudmila Bragina e lo perse nel 1984 ad opera di un'altra leggendaria mezzofondista del suo paese quale Tatyana Kazankina. Le sue affermazioni più importanti sono i due titoli continentali conquistati consecutivamente a Praga1978 dove superò in un emozionante finale la rumena Natalya Marasescu e la norvegese Grete Waitz correndo in 8:33"16 ed ad Atene 1982 ove ottenne 8:30"28 battendo la rumena Maricica Puica e la connazionale Yelena Sipatova.
L'anno seguente partecipò alla prima edizione dei Campionati Mondiali: ad Helsinki1983 giunse ai piedi del podio piazzandosi quarta con il tempo di 8:35"55. Per una serie di circostanze non ebbe mai una chance olimpica: a Mosca1980 i 3000mt.non facevano ancora parte del programma e nei 1500mt trovò la strada sbarrata nelle selezioni interne, da straordinarie interpreti quali Kazankina, Olizarenko, Smolka. A LosAngeles1984 la bloccò "l'odioso ed imbattibile avversario", il boicottaggio dei Paesi dell'Est-Europa; infine a Seoul1988 il treno era ormai passato.

Tra le sue altre affermazioni citiamo la vittoria a Montreal 1979,nella seconda edizione della Coppa del Mondo con il tempo di 8:36"32, mentre alle Universiadi di Roma 1975 colse con il bronzo il suo primo significativo risultato in carriera. Atleta eclettica, seppe ottenere risultati significativi anche nell'attività invernale del cross partecipando a svariate edizioni dei Campionati Mondiali di Cross ottenendo come miglior risultato il quinto posto (Limerick1979) ed il sesto posto in due occasioni (Parigi1980 e Gateshead1983); mentre a squadre conquistò due titoli mondiali (Parigi1980 e Madrid1981). Vinse il titolo sovietico in tre occasioni:1978,1979 e 1982.Concludiamo questo breve ricordo dell'atleta citando i suoi primati personali: 1500mt./3:58"76 – 3000mt./8:26"78 – 5000mt./15:05"50, risultato ottenuto nel 1986,a fine carriera.

fonte: iaaf.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *